25 maggio 2018

Meno cose, più felicità. La vita di questo giapponese lo dimostra



"La felicità è interiore, non esteriore; quindi, non dipende da ciò che abbiamo, ma da quello che siamo", disse Henry Van Dyke nel 19° secolo. Leon Tolstoy condivideva la stessa linea di pensiero: "La mia felicità consiste nel fatto che apprezzo ciò che ho e non desidero eccessivamente quello che non ho". Sebbene molti secoli prima Aristotele avesse già detto: "La ricchezza consiste molto più nel godimento che nel possesso".

Oggi sembra che abbiamo dimenticato questa antica saggezza. Costantemente bombardati dalla pubblicità e vivendo in un mondo che produce sempre di più perché dipende dal nostro consumo frenetico, abbiamo permesso che le cose prendano possesso non solo delle nostre case ma anche delle nostre menti, strappandoci la pace interiore per immergerci in uno stato di ricerca permanente del nuovo.

Tuttavia, la felicità non sta nei nostri possedimenti, ma nelle esperienze. La felicità non dovrebbe essere cercata fuori ma dentro di noi. Sempre più persone stanno facendo loro questo messaggio, abbracciando il minimalismo e conducendo una vita frugale, non basata su oggetti e possedimenti ma sul desiderio di avere spazio, sia fisico che mentale, per essere in grado di vivere le esperienze che desiderano.

In che modo una casa minimalista può cambiare la tua vita?


Il quotidiano The Guardian ha recentemente pubblicato la storia di Fumio Sasaki, un editore giapponese e autore del libro "Goodbye, Things" che ha abbracciato completamente il minimalismo e vive solo con il minimo indispensabile. La sua storia è illuminante perché è la storia di milioni di persone.

Sasaki afferma "vivere solo con il minimo indispensabile non mi ha dato solo benefici superficiali, come il piacere di avere una stanza ordinata o facilitarmi le pulizie, mi ha anche portato a un cambiamento più essenziale: mi ha dato l'opportunità di pensare a cosa significa davvero essere felici.”

"Così ho detto addio a molte cose, molte delle quali conservate per anni. Ma ora vivo ogni giorno con uno spirito più felice. Mi sento più felice ora che in passato."


Dice anche che la trasformazione non è stata facile. Non ha sempre avuto questa visione del mondo. Riconosce che, come i suoi amici e colleghi, era solito comprare molte cose, che accumulava a casa, ma più ne aveva più ne desiderava, perché si confrontava costantemente con gli altri.

Ad un certo punto, si rese conto del meccanismo machiavellico nel quale si trovava per voler essere come gli altri, che avrebbe dovuto comprare sempre di più, al punto che il suo reddito non era più sufficiente e comprava biglietti della lotteria nella speranza di vincere per potersi permettere la vita che invidiava agli altri.

Il problema è che le cose che comprava gli davano una soddisfazione immediata ma fugace, perché desiderava sempre di più, sentendosi continuamente infelice. "Pensavo sempre a ciò che non avevo, a ciò che mi mancava", ammette. Invece di essere soddisfatto di ciò che aveva, si concentrava su tutto ciò che non aveva, ma di cui non aveva bisogno.

Spiegò: "Pensiamo che quanto più abbiamo, più saremo felici. Dato che non sappiamo cosa ci riserva il domani, prendiamo e immagazziniamo tutto ciò che possiamo. Ciò significa che abbiamo bisogno di molti soldi, quindi gradualmente iniziamo a giudicare le persone in base alla quantità di denaro che hanno. Ci convinciamo che dobbiamo guadagnare un sacco di soldi per essere felici."
Così decise di spezzare questo circolo vizioso che gli generava solo ansia e insoddisfazione, perché per comprare sempre di più doveva lavorare di più, così godeva sempre meno della sua vita.

10 consigli per assumere uno stile di vita più minimalista


Sasaki offre alcuni consigli molto preziosi che possono aiutarci a fare una profonda pulizia nel nostro stile di vita.

1. Dimentica l'idea che non puoi scartare nulla delle tue cose, puoi sempre liberarti di qualcosa, hai molte cose di cui non hai veramente bisogno o che non hanno alcun significato emotivo speciale.

2. Quando scarti qualcosa guadagni più di quanto perdi, non solo guadagni nello spazio, ma anche nel distacco e nella libertà.

3. Chiediti perché non puoi separarti dalle tue cose, è probabile che nel fondo si tratti di una profonda paura della solitudine, o forse perché stai vivendo nel passato o ti identifichi troppo con le tue proprietà.

4. Immagina di avere dei limiti; il tuo cervello, l’energia e il tempo sono limitati, quindi non sprecarli in cose che non ti danno vera felicità.

5. Sbarazzati di tutto ciò che hai per apparire, quelle cose che devi mostrare agli altri e che sono un simbolo dello status quo ma non ti rendono felice.

6. Differenzia tra ciò che desideri e ciò di cui hai bisogno, così non comprerai d'impulso ed eviterai di riempire la tua casa di oggetti inutili. In questo modo ti risulterà più facile fare pulizia.

7. Le nostre cose sono come coinquilini, tranne per il fatto che siamo noi a pagare l'affitto per loro. Con questa idea in mente, sarà molto più facile liberarti delle cose che occupano uno spazio che potresti sfruttare meglio.

8. Lascia che il tuo spazio "vuoto" sia veramente vuoto, il che significa liberarsi di tutto ciò che è superfluo, di quelle cose che non ti apportano nulla.

9. Elimina qualcosa adesso. Non rimandare a dopo, procrastinare è una scusa per non fare il cambiamento. Puoi iniziare sbarazzandoti degli oggetti doppi e quelli che non hai usato nell'ultimo anno.

10. Dì addio a chi eri prima. Liberarsi delle cose inutili, senza un profondo cambiamento interiore, ti riporterà al punto di partenza. Per assumere uno stile di vita minimalista è importante liberarsi delle vecchie credenze ed essere disposti ad abbracciare il tuo nuovo io.

PostScript. Questo viaggio verso il minimalismo non si focalizza veramente sulle cose, le cose sono solo una scusa per il processo di trasformazione che avviene dentro di noi. È un viaggio il cui obiettivo è liberarsi dai legami sociali che ci portano al consumismo, per sentirsi meglio. Ciò significa che non dovremmo sentirci in colpa se incontriamo qualcosa che ci piace davvero, lo compriamo e lo teniamo con noi, purché ci piaccia veramente. L'obiettivo non è sostituire i vincoli del consumismo con le rigide regole del minimalismo, ma trovare un equilibrio tra il nostro benessere e le cose, tra ciò di cui abbiamo veramente bisogno e ci piace e ciò che acquistiamo e immagazziniamo per motivi sociali. Questo è il viaggio che vale la pena intraprendere.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons