3 gennaio 2018

7 verità della vita difficili da accettare, ma estremamente liberatrici


La vita è semplice, siamo noi che ci sforziamo di complicarla. Uno dei nostri maggiori problemi è che ci rifiutiamo di vivere nel presente, così siamo sempre intrappolati tra passato e futuro. Quando ci accadono cose belle non ne godiamo pienamente perché continuiamo a preoccuparci per il futuro e quando ci succedono cose negative tendiamo a negarle, come se così facendo riuscissimo a farle sparire.

Essere assenti e negare la realtà aggrava ulteriormente i problemi e spesso ci impedisce di affrontare le avversità in modo efficace dato che non siamo sufficientemente oggettivi. Praticare l’accettazione radicale è un enorme passo avanti verso il nostro benessere. E possiamo iniziare precisamente con alcune verità della vita difficili da accettare, ma quando le avremo finalmente comprese e accettate avranno un effetto liberatorio.

1. Le persone se ne vanno

Ogni persona ha il proprio cammino, a volte abbiamo la fortuna di coincidere per un periodo di tempo molto lungo, altre volte il tempo non sembra sufficiente. Anche se fa male accettarlo, il fatto è che le persone entrano ed escono costantemente dalla nostra vita, e noi facciamo lo stesso con loro.

È triste, soprattutto quando abbiamo un legame speciale con qualcuno, ma imparare a "lasciare andare" è una delle lezioni più difficili che ci troviamo ad affrontare nella vita. A volte le persone tornano, altre volte se ne vanno per sempre, l’importante è approfittare dei momenti meravigliosi che possiamo passare accanto a loro. Quando vi è un forte legame emotivo il tempo non sarà mai abbastanza, ma avere la certezza che stiamo godendo appieno di questo rapporto è un ottimo balsamo per curare il vuoto che si presenterà in seguito.

2. Impara a prenderti cura di te stesso, nessun altro può farlo per te

Abbiamo bisogno dell'aiuto degli altri, soprattutto nei momenti difficili, ma il fatto è che quando si producono delle ferite emotive, solo noi possiamo guarirle. Le persone che ci accompagnano possono incoraggiarci e confortarci, ma siamo noi che dobbiamo trovare la forza di andare avanti.

Ciò significa che dobbiamo prestare più attenzione a noi stessi e non trascurare il bambino che vive dentro di noi. Una tecnica eccellente è quella di praticare la meditazione di fronte allo specchio. Durante i primi minuti non accadrà nulla, ma se si insiste, poco a poco si inizierà a vedere quella persona riflessa nello specchio in modo diverso.

3. Se desideri qualcosa, devi dare qualcosa in cambio

Viviamo nell'era della gratificazione istantanea, ma la verità è che le cose di valore hanno sempre richiesto una dose di rischio e sacrificio. E questo non è cambiato. Se desideri veramente qualcosa, se hai un sogno, devi lottare per questo. Spesso questo significa però che dovrai rinunciare a qualcosa.

Ogni decisione comporta scegliere di seguire un percorso e scartarne altri, ciò significa che dovrai rinunciare a molte altre cose. Pretendere di avere tutto è un atteggiamento infantile e poco realistico che porta alla frustrazione. Pertanto, dobbiamo solo decidere se il sacrificio vale veramente la pena, decidere cosa siamo disposti a dare per ottenere qualcosa in cambio.

4. Non puoi sfuggire al dolore

La vita include tutti gli estremi: amore e odio, salute e malattia, guadagno e perdita. Non possiamo vivere in una bolla pretendendo di essere sempre al sicuro da dolore, sofferenza e delusione, perché questo significherebbe che non stiamo vivendo.

In un certo senso, le emozioni dolorose ci purificano e rendono più umani, ci restituiscono la nostra mortalità e spesso permettono di sviluppare anche una prospettiva più equilibrata della vita. Naturalmente, nessuno vuole soffrire, ma dato che le avversità finiranno per bussare anche alla nostra porta, la cosa più sensata da fare è accettare l’accaduto e cercare di ricomporre i pezzi nel più breve tempo possibile.

5. I legami che ti confortano sono gli stessi che ti imprigionano

Per tutta la vita manteniamo relazioni speciali, stabiliamo legami che ci confortano e ci fanno sentire al sicuro. Può trattarsi dei nostri genitori, la famiglia, gli amici... Sapere che sono lì per noi ci trasmette una piacevole sensazione di tranquillità. Tuttavia, gli stessi vincoli che ci confortano sono anche quelli che ci imprigionano. È una realtà difficile da accettare, ma è così.

La dipendenza è una delle principali cause di sofferenza e può diventare un ostacolo che ci impedisce di sviluppare appieno il nostro potenziale. Infatti, quando i legami affettivi cessano di essere confortanti e diventano troppo stretti, si trasformano in un problema. Dobbiamo trovare equilibrio, in modo da sviluppare delle relazioni mature nelle quali nessuno si sente proprietario dell’altro e ognuno ha la massima libertà di essere se stesso, e prendere le proprie decisioni.

6. La sicurezza è un'illusione

Passiamo gran parte della vita alla ricerca di sicurezza, e quando crediamo di averla trovata ne facciamo tesoro come si trattasse di un gioiello che possiamo custodire in cassaforte. Pensare in termini di sicurezza e stabilità ci conforta e permette di alleviare l'incertezza del futuro. Ma se è vero che abbiamo bisogno di un certo grado di stabilità e sicurezza, non è meno vero che la maggior parte delle cose che diamo per scontate possono sparire in qualsiasi momento.

Capire che la sicurezza è solo un'illusione, più o meno intensa a seconda della persona, è estremamente liberatorio perché ci permetterà di smettere di afferrarci a cose e persone, per imparare a godere veramente e pienamente della vita. Essere pienamente coscienti che ciò che abbiamo oggi forse non lo avremo domani, ci permette di valorizzarlo molto di più e, soprattutto, sentirci più soddisfatti e felici qui e ora.

7. La vita non è giusta né ingiusta

La vita è solo la vita, è un flusso continuo nel quale tutto cambia continuamente. La vita non è giusta o ingiusta, sono le etichette che applichiamo noi secondo le nostre aspettative, secondo quello che pensiamo di meritare o meno, che la fanno sembrare giusta o meno. Pertanto, è assolutamente inutile pensare che la vita non ci ha premiati come meritavamo, perché questo genera solo un profondo senso d’insoddisfazione e può anche gettare le basi dell’impotenza appresa.

La vita è preziosa, con i suoi periodi migliori e peggiori, e noi dobbiamo essere preparati a godere dei momenti buoni e affrontare quelli difficili. Emettere dei giudizi di valore non aggiungerà nulla di costruttivo alla situazione.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons