8 dicembre 2017

Un racconto zen ci mostra cosa significa “fare una tempesta in un bicchier d’acqua”


Si dice che nel suo giro dell'India Buddha si fermò nella città di Rajgir. Attratti dalla sua fama, 500 Bramini si riunirono per chiedergli di spiegare loro il percorso dell'illuminazione. Buddha, che normalmente spiegava i suoi insegnamenti attraverso parabole, gli raccontò 100 sūtras, questa è una di loro.

"Molto tempo fa, in una piccola città, viveva un uomo che aveva 250 vacche. L’uomo era molto orgoglioso del suo bestiame e si preoccupava del suo benessere.

Si assicurava che potessero pascere ogni giorno libere e che le stalle fossero abbastanza confortevoli. Il latte che otteneva era di ottima qualità e tutti lo lodavano per questo. Tutto procedeva senza problemi, non poteva chiedere di più dalla vita.

Tuttavia, un giorno un branco di lupi affamati attaccò una delle vacche e la divorò.

Alla sera, quando l'uomo contò il suo bestiame, si rese conto che mancava una vacca.

Quindi pensò: - Che disgrazia! Il mio bestiame è incompleto -.

Mentre passavano i giorni, cominciò a trascurare il resto delle mucche.

Pensava sempre: - Perché è dovuto accadere proprio a me? Che senso ha avere tutte queste altre vacche? -

Con questa idea in mente, ossessionato dalla morte di una delle sue vacche e pensando che niente sarebbe mai stato più come prima, condusse il resto del bestiame alla scogliera, a morire."


Sebbene questa storia possa sembrare improbabile, anche al punto di rasentare la follia, il fatto è che spesso ci comportiamo come l’uomo della storia. E, di conseguenza, ci trasformiamo negli architetti della nostra sfortuna, massimizzando un problema che avrebbe potuto essere molto più piccolo rispetto a quello che lo abbiamo fatto diventare. In altre parole: creiamo una tempesta in un bicchier d'acqua.

Perché ci concentriamo sul lato negativo?


Alcune persone assumono le avversità da una prospettiva più positiva, ma la maggior parte si concentra maggiormente sugli eventi negativi e li ricorda in modo più dettagliato. Infatti, si è visto che il nostro cervello processa in modo relativamente diverso le informazioni positive e le negative.

Le emozioni negative solitamente implicano un pensiero più profondo, per cui l'informazione viene elaborata di solito in modo più approfondito rispetto alle situazioni che generano esperienze positive. Come regola generale, pensiamo molto di più agli eventi sgradevoli che a quelli felici. Le emozioni negative, gli eventi dolorosi ei commenti spiacevoli hanno un impatto maggiore rispetto a quelli buoni. Inoltre, le cattive impressioni e gli stereotipi negativi si formano più velocemente e sono più resistenti al cambiamento rispetto a quelli buoni.

Questo è chiaramente dimostrato da un esperimento condotto presso l'Università Carnegie Mellon. I partecipanti vinsero o persero la stessa quantità di denaro, ma l'angoscia provocata dalla perdita era molto più grande della gioia che accompagnava la vincita. A peggiorare le cose, si è anche notato che gli eventi negativi sono più resilienti nella memoria rispetto a quelli buoni.

Tutto sembra indicare che la nostra tendenza a concentrarci su ciò che è negativo, sia dovuta al fatto che cerchiamo di raccogliere quanti più dettagli possibile su quello che è successo per evitare di soffrire di nuovo in futuro. Ma se non siamo in grado di voltare pagina velocemente, possiamo cadere nella nostra stessa trappola e condannarci all'infelicità che cerchiamo di evitare, immergendoci in un circolo vizioso di ruminazione.

Cinque segnali che indicano che stiamo perdendo la prospettiva


Ci comportiamo come il personaggio della storia ogni volta che:

1. Ci concentriamo esclusivamente sulla perdita e non siamo in grado di vedere le possibilità che abbiamo ancora a nostro favore.

2. Lasciamo che la negatività ci assalga, così terminiamo per vedere il mondo grigio.

3. Pensiamo che il dolore, l'angoscia e la sofferenza che sperimentiamo per un evento vissuto non passeranno mai.

4. Creiamo una tempesta in un bicchier d'acqua, trasformando un piccolo problema in un dramma.

5. Prendiamo nota esclusivamente degli eventi che confermano la nostra visione negativa dei fatti, scartando il resto.

Come evitare di creare una tempesta in un bicchier d'acqua?


Per evitare di comportarci come il personaggio della storia, creando una tempesta in un bicchier d'acqua, dobbiamo agire su tre livelli: emotivo, razionale e comportamentale.

1. Prendere nota delle nostre emozioni. Cercare di nascondere o sopprimere le emozioni non serve. Dobbiamo invece prendere nota delle stesse, chiamarle per nome e, soprattutto, essere consapevoli del loro impatto. Non è sempre facile, perché a volte possiamo negare di sentirci arrabbiati o tristi solo perché ci è stato insegnato da piccoli che non dovremmo reagire così.

Vogliamo credere di essere forti e avere il controllo, quindi pensiamo che riconoscere quelle emozioni ci rende più deboli. È il contrario! Finché non riconosciamo come ci sentiamo continueremo ad essere controllati dalle emozioni. Tutte le emozioni hanno valore e non dovremmo giudicarle, solo riconoscerle e capire il loro impatto.

2. Cambiare i nostri pensieri. Il secondo passo consiste nel riorientare il pensiero alle potenzialità, invece di concentrarci esclusivamente sulla perdita. È vero che quando attraversiamo momenti duri è difficile vedere il lato positivo, perciò è importante uscire dalla nostra prospettiva.

Immagina di essere un’altra persona, forse quell'amico che ti dà sempre buoni consigli e ti aiuta ad uscire dai momenti negativi: cosa ti diresti?

La cosa più importante da fare è identificare ogni pensiero disadattivo che aggiunge benzina al fuoco, di solito si tratta di generalizzazioni errate, come ad esempio pensare che "tutto andrà male" o "non riuscirò mai a superarlo". In seguito dovremo sostituirli con pensieri più obiettivi e realistici. Naturalmente, non si tratta di assumere un ottimismo tossico, ma trovare un punto intermedio.

3. Agire di conseguenza. In terzo luogo, è fondamentale assicurarci che stiamo facendo i passi nella giusta direzione. Per uscire da qualsiasi situazione difficile è necessario agire, per non restare bloccati nella sofferenza.

Una delle massime buddiste più interessanti ci insegna che "un viaggio di mille miglia inizia con il primo passo". Il punto è che spesso abbiamo paura di fare questo passo, perché anche se non vogliamo riconoscerlo, ci sentiamo più comodi e sicuri nella sofferenza piuttosto che lanciarci alla scoperta dell'ignoto. Non è neppure necessario angosciarsi, basta fare dei piccoli passi che ci allontanano dalla situazione che genera il disagio, piccoli passi che non generino troppa ansia.


Fonte:
Zhang, L. & Baumeister, R. F. (2006) Your money or your self-esteem: threatened egotism promotes costly entrapment in losing endeavors. Pers Soc Psychol Bull; 32(7): 881-893.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons