13 ottobre 2017

Perché siamo ansiosi?


L'ansia è uno stato di disagio e preoccupazione, implica essere in attesa che qualcosa di negativo stia per accadere. Non è certamente uno stato piacevole, ma è importante capire perché si presenta. Infatti, si tratta di un meccanismo difensivo, proprio come la paura.

L'ansia è una sensazione che funge da meccanismo di allerta davanti a quelle situazioni che riteniamo pericolose o minacciose. Si tratta di una reazione normale che provano tutti e sarebbe preoccupante che non si attivasse in determinate situazioni. Pertanto, è importante capire che l'ansia generalizzata in se stessa non è negativa.

Le funzioni dell’ansia


- Protezione. Una delle funzioni dell'ansia è quella di proteggerci dai possibili pericoli che ci minacciano. Se qualcosa ci preoccupa, immediatamente aumenta il nostro livello d’attenzione ei nostri sensi si acutizzano per consentirci di monitorare meglio l'ambiente. Il problema è quando diventiamo ipervigilanti e paurosi, isolandoci dal mondo per evitare il pericolo. In quei casi la funzione protettiva dell'ansia è andata ben oltre.

- Motivazione. L'ansia è una potente forza trainante del comportamento. Quando vogliamo fare qualcosa di buono e dare il massimo di noi, si attiva l'ansia, apportandoci una dose supplementare d’energia per andare avanti con i nostri progetti e ottenere il massimo rendimento. Ancora una volta, il problema si presenta quando il livello d’ansia è troppo alto e ci fa dubitare delle nostre capacità o ci spinge al perfezionismo.

- Crescita e sviluppo. Un certo grado d’ansia può stimolare la crescita personale. Infatti, sentire un poco di ansia generalizzata per quello che sta succedendo nella nostra vita e preoccuparci un po’ del futuro può incoraggiarci a lasciare la nostra zona di comfort. L'ansia ci spinge a scoprire cosa vogliamo cambiare, e poi ci dà la spinta per farlo. Ma a volte l’ansia mette le radici e ci ritroviamo intrappolati in un meccanismo di ruminazione che, invece di spingerci alla crescita, ci blocca.

Che cosa provoca l’ansia?


L'ansia, come meccanismo adattativo, è positiva e funzionale, e non rappresenta un problema. Tuttavia, in alcuni casi non funziona correttamente e si verifica un disturbo d'ansia, che può diventare molto disabilitante e provocare enorme disagio, sia psicologicamente che fisicamente.

Fattori predisponenti


- Fattori biologici. Si è visto che avere parenti diretti che soffrono di un disturbo d'ansia aumenta il rischio di soffrire di questo problema. Nell’ansia generalizzata, per esempio, si stima che un terzo del rischio di soffrire di questo disturbo ha una componente genetica.

- Fattori temperamentali e personalità. Le persone che spesso inibiscono costantemente i loro comportamenti e chi ha una tendenza alla nevrosi mantenendo una affettività negativa, hanno un rischio maggiore di soffrire di un disturbo d'ansia.

- Fattori ambientali. L'ansia può anche stabilirsi come modello di coping appreso nell'infanzia. Alcuni stili di vita contrassegnati dallo stress causano l’apparizione dell'ansia.


Fattori scatenanti


- Situazioni che superano le nostre risorse psicologiche di coping (strategie di adattamento/affrontamento), come la perdita del lavoro o di una persona amata.

- Eventi d’importanza vitale che richiedono un notevole sforzo di adattamento, come il divorzio o la diagnosi di una grave malattia.

- Ostacoli che limitano la nostra capacità di raggiungere i nostri obiettivi o mantenere ciò che abbiamo già raggiunto.

Fattori di mantenimento


- Paura dell'ansia. Quando si soffre d’ansia, specialmente quando si soffre di attacchi d’ansia o attacchi di panico, di solito si teme di tornare a soffrire di questi attacchi. Questa paura dell'ansia non fa altro che aggravarla.

- Perdita di facoltà a causa dell'ansia stessa, il che significa che abbiamo ancora meno risorse per affrontare i problemi o addirittura appaiono nuovi problemi in aree che non erano conflittive.

- Strategie di coping inadeguate che accentuano il problema e il senso di incapacità per risolverlo, e questo genera enorme disperazione.

Normalmente, non esiste un singolo fattore che possa spiegare perché si presenta l'ansia e si mantiene nel tempo, di solito dipende da una confluenza di situazioni e modalità di affrontamento.

Il meccanismo attraverso cui si genera l'ansia


Ogni giorno, il nostro cervello valuta costantemente tutti gli stimoli provenienti dall’ambiente, per analizzare se alcuni possono essere pericolosi. In questo meccanismo sono coinvolte sia le aree legate alle emozioni di base, come l'amigdala e il talamo, come la corteccia cerebrale, che è responsabile di dare un significato logico a quello che stiamo vivendo.

Fondamentalmente, questo è ciò che accade a livello cerebrale:

Prima fase - Valutazione iniziale della minaccia. C'è un riconoscimento automatico e molto veloce degli stimoli. In questo modo possiamo classificarli come minacciosi o no.

Seconda fase – Prima attivazione di fronte alla minaccia. Si mettono in moto le reazioni cognitive, emozionali, fisiologiche e comportamentali tipiche dell'ansia. In questa fase agiamo fondamentalmente per istinto, così possiamo sentire la necessità di fuggire dal luogo o nasconderci. Appaiono anche dei pensieri automatici relativi alla situazione che ci portano a sovrastimare i danni e la probabilità che si verifichino, oltre a sperimentare una forte intolleranza all'incertezza.

Terza fase – Pensiero riflessivo. In questa fase siamo già in grado di pensare più o meno chiaramente a queste idee automatiche e a ciò che stiamo provando. La corteccia prefrontale entra in azione e valuta la dimensione reale della minaccia, così come le risorse disponibili per affrontarla. Ovviamente, l'elaborazione delle informazioni è un po’ più complessa e richiede più tempo.

Un problema in una di queste fasi può spiegare perché si produce l’ansia. Ad esempio, il nostro sistema di riconoscimento dei rischi può essere iper-reattivo, il che significa che reagirà anche a situazioni che non costituiscono un rischio reale. Infatti, è un problema comune nella nostra società e soprattutto nel caso dell’ansia sociale, nella quale valutiamo come pericoli molte situazioni sociali che sono invece completamente innocue.

Può accadere anche che restiamo intrappolati nella seconda fase, in questo caso i pensieri ruminativi si appropriano della nostra mente e riusciamo solo a pensare alle peggiori conseguenze, e questo ci mantiene bloccati nell’ ansia.

Infine, potrebbe essere che non abbiamo le abilità cognitive necessarie per affrontare con esattezza la situazione e combattere l'ansia, nel qual caso vengono mantenute quelle preoccupazioni che generano lo stato ansioso.


Fonti:
APA (2014) Manual Diagnóstico y Estadístico de los Trastornos Mentales. Madrid: Editorial Médica Panamericana.
Matthews, A. (1990) Why worry? The cognitive function of anxiety. Behav Res Ther; 28(6): 455-468.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons