26 luglio 2017

A volte, il miglior modo di aiutare è non aiutare

crescita personale

Ci sono situazioni in cui dobbiamo offrire il nostro aiuto, altre no. Ci sono situazioni in cui la nostra assistenza permette all'altra persona di crescere e ci sono situazioni in cui possiamo causare danni. Così a volte il modo migliore per aiutare è non farlo.

Essere "crudele" per essere gentile


La società ci insegna che dobbiamo aiutare sempre. Lo abbiamo interiorizzato a tal punto che questo messaggio è diventato una regola assoluta. Di conseguenza, riteniamo che se non aiutiamo qualcuno siamo persone cattive. Tuttavia, nulla è bianco o nero, la vita è piena di sfumature, così a volte il miglior aiuto che possiamo offrire è quello di farci da parte.

A volte, non aiutare è la miglior forma di mostrare amore o empatia. Lo confermano gli psicologi dell'Università di Plymouth, che hanno scoperto che quando ci connettiamo emotivamente con qualcuno e siamo empatici, siamo disposti a indurre delle emozioni negative se crediamo che queste possano essere di qualche beneficio nel lungo termine.

Questi psicologi hanno reclutato 140 persone, che dovettero partecipare ad un gioco a computer con un compagno che non conoscevano, il quale venne denominato "il giocatore A". Ma, in realtà, quel giocatore non esisteva.

Ad ogni modo, i partecipanti ricevettero una nota, apparentemente scritta dal giocatore A, in cui si faceva riferimento alla recente rottura di un rapporto di coppia e quanto male si sentiva al proposito. Gli psicologi dissero ad alcuni dei partecipanti di cercare di immaginare come si sentiva quella persona, con l'obiettivo di promuovere empatia. Ad altri venne detto di dimenticare la questione.

In seguito, ad alcuni venne spiegato che l'obiettivo del gioco era quello di sparare ai nemici (strategia di confronto). Altri, invece, vennero coinvolti in un gioco diverso in cui l'obiettivo era quello di fuggire da un labirinto (strategia di evitamento).

I partecipanti hanno poi ascoltato alcuni brani musicali, e brevi letture, che miravano a suscitare diverse emozioni. I ricercatori chiesero loro di scegliere quali pezzi far ascoltare al giocatore A e quanto arrabbiata, paurosa o neutrale volevano che si sentisse questa persona.

I risultati mostrarono che quando i partecipanti si collegavano emotivamente con il giocatore e provavano empatia, erano più propensi a generare specifiche emozioni negative dipendendo dall'obiettivo finale del gioco. Quando si trattava di un gioco di confronto inducevano rabbia e, se il gioco era di evitamento, paura.

Ciò indica che quando siamo preoccupati per una persona, siamo disposti a generare stati emotivi negativi se riteniamo che possano essere beneficiosi nel lungo periodo. In realtà, si tratta di una strategia che hanno usato anche molti genitori, forse senza esserne pienamente consapevoli, per esempio quando vedono che il loro bambino non studia abbastanza per un esame e gli inducono paura per motivarlo a impegnarsi di più.

Come sapere quando il nostro aiuto “non aiuta”?


La relazione interpersonale preziosa non è solo quella che ci fa sentire bene e appoggiati, ma anche quella che ci permette di crescere. La persona che ci aiuta non è quella che ci facilita sempre il cammino, ma quella che ci aiuta di più a crescere e maturare. Dopo tutto, maturiamo con i danni, non con gli anni.

Per capire questa dinamica, possiamo basarci sul concetto di Zona di Sviluppo Prossimale, che viene utilizzato nel campo dell'istruzione. Questo concetto ci dice che per migliorare le competenze di qualcuno, dobbiamo dargli il giusto livello di supporto perché si verifichi il salto di qualità. Il nostro ruolo si limita ad aiutare la persona a sviluppare il suo potenziale.

Naturalmente, non è sempre facile trovare il giusto equilibrio. Nonostante ciò, questi principi possono servire per determinare quando il tuo aiuto “non aiuta” l'altro:

- Fai le cose al posto suo, piuttosto che aiutarlo a farle da solo

- Ti prendi la responsabilità, piuttosto che permettergli di affrontare le conseguenze delle sue azioni

- Il tuo aiuto gli impedisce di sviluppare al meglio il suo potenziale

- Il tuo aiuto diventa una zona di comfort per l'altro che gli impedisce di crescere

In ogni caso, non si tratta di abbandonare a se stessi quelli che amiamo, ma saper dosare il nostro intervento, in modo tale che la persona possa trovare la propria strada. Dopo tutto, la più grande manifestazione di amore, e anche la più difficile, è quella di permettere agli altri di essere se stessi.


Fonte:
López-Pérez, B. et. Al. (2017) Cruel to Be Kind: Factors Underlying Altruistic Efforts to Worsen Another Person’s Mood. Psychological Science; 1:956797617696312.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons