11 agosto 2017

Le persone potrebbero imparare dai loro errori, se non fossero così occupate a negarli

crescita personale

“Non sono stato io” è il mantra dei bambini, una frase che imparano non appena si rendono conto che quando commettono un errore vengono puniti, ma per qualche strana ragione, alcune persone continuano a ripetere questa frase anche da adulti. Forse non la ripetono ad alta voce, ma continua ad echeggiare nella loro mente: “Non è colpa mia, è colpa degli altri”.

Il problema è che se è vero che negando l'errore si hanno maggiori probabilità di evitare le conseguenze, è altrettanto vero che farlo impedisce di crescere e maturare. Ogni errore porta con sé il seme dell’apprendimento, ma perché questo germini è necessario assumere gli errori commessi.

3 modi di affrontare gli errori che ci impediscono di crescere


Uno studio molto interessante condotto presso le università di New York e California ha rivelato che il modo in cui assumiamo i nostri errori è strettamente legato alla nostra personalità e al nostro potenziale di crescita.

Questi psicologi hanno analizzato migliaia di persone per identificare i tipi di personalità che predominano nella reazione agli errori. Così hanno concluso che il 70% della popolazione può essere suddiviso in tre gruppi principali:

1. La colpa è degli altri

Queste persone continuano a ripetere la frase che usavano da bambini: "Non sono stato io". Quando commettono un errore cercano di scaricare la responsabilità su qualcun’altro. Ovviamente, queste persone non possono imparare dai propri errori, semplicemente perché non li riconoscono e non sono sufficientemente mature. Tendono a mettersi sulla difensiva di fronte ad ogni tentativo di critica, anche costruttiva, e spesso adottano un comportamento vittimistico.

2. Errore. Quale errore? Qui non è successo nulla

Si tratta di persone che arrivano a negare l'esistenza dell’errore, facendo spesso arrabbiare gli altri. Questa persona, anche messa di fronte all’evidenza, non solo negherà il suo coinvolgimento nella questione, ma cercherà anche di convincerci che non è successo niente. Questo modo di affrontare gli errori significa che la persona si aspetta di essere perdonata per tutto quello che fa, e non è disposta ariconoscere i suoi difetti e il danno che può causare agli altri. Ovviamente, assumendo questo atteggiamento è impossibile che impari dai propri errori e li corregga.

3. La colpa è mia


Queste persone assumono un atteggiamento diametralmente opposto: intonano il mea culpa al minimo problema. Il punto è che spesso si incolpano per ogni cosa che accade e possono anche assumere delle responsabilità che non gli appartengono. Tendono a giudicare duramente se stessi e spesso passano la vita auto-flagellandosi senza alcun motivo. Tuttavia, queste persone imparano anche molto dai loro errori dato che riconoscono automaticamente la responsabilità, a causa di un senso di colpa viscerale che probabilmente gli fu instillato durante l’infanzia, ma ciò non implica un'analisi riflessivo del loro coinvolgimento e della responsabilità nella situazione.

L'errore è un'opportunità di apprendimento: Sei tu a decidere se approffittarne o no


La maggior parte delle persone non riconoscono i loro errori per paura o vergogna, o perché questo li fa sentire deboli e incompetenti. Questo perché la nostra società ha circondato gli errori con un alone negativo facendoci credere che le persone intelligenti, competenti e capaci non sbagliano mai.

Ma gli errori sono parte della vita e ci offrono lezioni che ci permettono di migliorare come persone, ma solo se siamo capaci di riconoscerli e siamo disposti a correggerli. Come disse Confucio: "l'uomo che ha commesso un errore e non lo corregge, commette un altro errore ancora più grande".

Pertanto, anche se sbagliare può non essere la sensazione più piacevole al mondo, ancor peggio è perdere questa opportunità di imparare.


Fonte:
Dattner, B. & Hogan, R. (2011) Managing Yourself: Can You Handle Failure? En: Harvard Bussiness Review.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Le persone potrebbero imparare dai loro errori, se non fossero così occupate a negarli
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons