15 febbraio 2017

Un video mostra come la società strappa la creatività ai bambini

educazione

La creatività è una delle qualità che la società valorizza di più, ma è anche una delle più rare. E non è insolito che la scuola sia la principale responsabile di sottrarla ai bambini fin dalla prima infanzia.

In realtà, la creatività non è semplicemente la capacità di collegare i diversi elementi che danno vita ad un'idea originale e nuova, la creatività è anche:

- Il coraggio di essere diversi

- Rischiare e andare oltre i limiti

- Confidare nell’istinto

- Essere autentici

- Sviluppare una visione diversa della vita

Purtroppo, molte scuole sono strutturate in modo tale da trasmettere solo concetti e teorie già esistenti, senza promuovere la riflessione. I bambini devono solo copiare e memorizzare, non c'è spazio per la creazione.

A casa la situazione non è molto diversa, dato che i genitori impongono ai loro figli di ottenere buoni voti a scuola, che significa seguire le regole di una formazione scolastica che ignora l'individualità.

Così, ad un certo punto si produce un fenomeno che potrebbe essere definito: "amputazione dell’io". Il bambino si adatta progressivamente all'ambiente in cui vive, abbandona i suoi sogni e inizia a rispettare le regole imposte dalla società perché capisce che in questo modo sarà accettato e amato. Così si riduce considerevolmente il suo “io”.

Frasi come "questa non è la risposta giusta", "giocare è una perdita di tempo" o "questo non è logico" implicano che la creatività non rientra nello schema generale del mondo. Così i bambini finiscono anche per perdere la fantasia, l'immaginazione e la gioia, quindi non è sorprendente che si trasformino in adulti grigi che si sentono intrappolati in un lavoro che non gli piace.

Dovremmo andare a scuola da adulti, non da bambini


Ogni bambino è unico e speciale. Non si può giudicare un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi su un albero, perché questo vivrà tutta la sua vita pensando di essere stupido.

Il rapporto con i bambini non dovrebbe essere fatto di imposizioni, ma di scoperte. Non si deve imporgli quello che devono fare, ma aiutarli a scoprire ciò che sono e vogliono essere. I genitori e gli insegnanti dovrebbero essere orientatori, compagni d’esplorazione e d’avventura, piuttosto che figure responsabili di stabilire norme impossibili.

Questo bellissimo cortometraggio mostra come strappiamo la creatività ai bambini e ci fa pensare. Si tratta di una produzione animata co-diretta da Rafa Cano Méndez e Daniel Martínez Lara che ha ricevuto il premio Goya per il miglior cortometraggio d'animazione. Dategli un'occhiata, perché ogni minuto vale la pena.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Un video mostra come la società strappa la creatività ai bambini
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons