24 febbraio 2017

I bambini piccoli “assorbono” la personalità dei loro amici

educazione

Quando diventi definitivamente te stesso? La risposta corretta è: mai. Gli studi scientifici suggeriscono che la personalità comincia a svilupparsi subito dopo la nascita e si stabilizza intorno ai 30 anni, ma non arriva mai realmente a consolidarsi ma è in continua evoluzione fino alla morte.

Ora, secondo una ricerca condotta presso la Michigan State University, anche la compagnia che abbiamo quando siamo piccoli contribuirebbe a marcare la nostra personalità. Questi psicologi hanno monitorato dei bambini in età prescolare durante tutto l'anno accademico. Così hanno osservato la personalità di ogni bambino e con chi sceglieva di giocare.

Si sono concentrati principalmente su tre aspetti, considerati essenziali per la formazione del carattere e della personalità:

1. Emotività positiva, una caratteristica simile all’estroversione.

2. Emotività negativa, che è un precursore dell’ansia.

3. Controllo dello sforzo, che è l’equivalente alla forza di volontà nella prima infanzia.

Durante l'esperimento i ricercatori hanno scoperto che i bambini "assorbirono" alcune delle caratteristiche dei loro compagni di gioco. La buona notizia è che, apparentemente, solo le emozioni positive e il controllo dello sforzo erano "contagiosi". L'emotività negativa non sembrava trasmettersi da bambino a bambino.

I bambini non si “perdono” in strada, ma in casa


Questo studio è particolarmente interessante perché dimostra che nelle prime fasi della vita gli amici dei bambini hanno un’influenza maggiore di quanto si pensava. Già con 3 o 4 anni d’età i bambini sono agenti di cambiamento nei loro coetanei.

E si rileva inoltre che questa influenza è più positiva che negativa. Ciò indica che l'idea che i bambini e/o gli adolescenti si “perdono” per strada non è del tutto vera, questo processo inizia realmente a casa, con l’educazione ricevuta.

Se i genitori trattano i bambini con rispetto fin da piccoli e insegno loro che gli altri meritano rispetto, se li educano con amore e non puniscono la persona, ma i comportamenti, e se soddisfano i loro bisogni emotivi, questi bambini saranno più sicuri, più assertivi e avranno meno probabilità di essere influenzati dal cattivo comportamento degli altri.

Pertanto, anche se è importante che i genitori si preoccupino delle amicizie dei loro figli, è anche essenziale che mettano in pratica un stile genitoriale marcato da amore e rispetto. Il chè ricorda la famosa frase di Pitagora: "Educate i bambini e non sarà necessario punire gli uomini."

Le caratteristiche di un bambino di 3 anni lasciano intravedere quella che sarà la sua personalità da adulto

Anche se molti genitori si aspettano che alcune caratteristiche dei loro bambini siano transitorie e miglioreranno con il passare del tempo, la verità è che è probabile che molte di queste caratteristiche si manterrano in età adulta. Ciò è confermato da uno studio condotto da psicologi dell'Università del Wisconsin e del King’s College di Londra.

Questi ricercatori seguirono per 23 anni un gruppo composto da 1.000 bambini dai tre anni in su. Analizzarono tratti della personalità come l'autostima, l’impulsività, l'introversione e la distraibilità. Scoprirono così che dopo aver raggiunto i 26 anni, il 96% di questi bambini mantenne le stesse caratteristiche personologiche.

Ad esempio, i bambini che non avevano sviluppato autocontrollo una volta raggiunta l’età adulta venivano giudicati dalle persone vicine come "sgradevoli, tesi e ansiosi". Al contrario, i bambini che erano più fiduciosi e sicuri di se stessi venivano giudicati "estroversi ed equilibrati". Quelli che erano timidi continuavano a mostrare questo atteggiamento durante la gioventù e l’età adulta e riportavano meno emozioni positive.

Questo studio dimostra che la formazione della personalità non deve essere lasciata al caso e che i genitori svolgono un ruolo cruciale, specialmente durante i primi anni di vita, perché hanno la missione di rafforzare le caratteristiche più positive e favorevoli allo sviluppo dei bambini, evitando l'uso di etichette che li incasellano nelle caratteristiche che serviranno solo a limitarli nella loro vita futura.

Appena nati abbiamo un potenziale enorme, ma siamo molto permeabili alle influenze ambientali, nel bene e nel male. Una formazione che tenda a favorire lo sviluppo non può perdere di vista questa realtà.


Fonte:
Neal, J. et. Al. (2017) Codevelopment of Preschoolers’ Temperament Traits and Social Play Networks Over an Entire School Year. Journal of Personality and Social Psychology.
Caspi, A. et. al. (2003) Children's Behavioral Styles at Age 3 Are Linked to Their Adult Personality Traits at Age 26. Journal of Personality; 71(4): 496-513.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I bambini piccoli “assorbono” la personalità dei loro amici
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons