16 settembre 2016

5 atteggiamenti con i quali soffochiamo l’intuito infantile

intuito

L'istinto, l'intuizione, o quello che alcuni chiamano sesto senso, è un dono meraviglioso. Tuttavia, invece di svilupparlo lo perdiamo gradualmente nella misura in cui perseguiamo la razionalità e la logica. Una volta perduto, smettiamo di percepire una parte del mondo, una parte molto importante che può aiutarci a gestire meglio le relazioni interpersonali e può anche salvarci la vita in una situazione pericolosa.

Infatti, il cosiddetto sesto senso ci aiuta a rilevare le microespressioni di ansia, rabbia, tristezza o gioia che hanno le altre persone e ci permette di regolare il nostro comportamento di conseguenza. Ma tutto sembra indicare che non siamo molto abili a individuare queste microespressioni perché confidiamo di più nella logica che nel nostro istinto.

È quanto emerge da uno studio condotto presso l'Università di Göteborg in cui venne chiesto a 60 adulti di cercare di scoprire quando i bambini mentivano. I partecipanti videro una serie di video in cui apparivano diversi bambini raccontando un fatto che, apparentemente, era accaduto loro. Ad ogni modo, la maggior parte degli adulti non fu in grado di discernere le storie vere da quelle false.

Perché?


Gli psicologi hanno scoperto che il problema era che i partecipanti utilizzavano strategie razionali per rilevare le bugie, come pensare che la mancanza di dettagli nelle storie indicava che si trattava di una menzogna. È interessante notare che i bambini erano molto prolissi nelle loro storie e menzionavano dettagli vividi, anche quando mentivano. Facendo affidamento sulla razionalità piuttosto che sull'intuizione, gli adulti non furono in grado di rilevare le microespressioni e i piccoli dettagli che nascondevano la menzogna.

Tuttavia, l'intuizione infantile è molto sviluppata. In uno studio condotto presso l'Università di Ottawa venne chiesto a 60 bambini di sei anni di vedere dei video brevi nei quali appariva un attore ridendo davvero o fingendo un sorriso. Sorprendentemente, i bambini potevano rilevare nella maggior parte dei casi la differenza tra un sorriso falso e uno genuino, anche più accuratamente rispetto ai bambini più grandi.

La buona notizia è che questo sesto senso li può aiutare a mantenersi al sicuro da persone potenzialmente pericolose e certamente li renderà adulti più sensibili a livello emotivo. La cattiva notizia è che noi adulti sacrifichiamo l’intuito infantile sull'altare della razionalità, anche se lo facciamo di solito senza rendercene conto, semplicemente riproducendo gli stereotipi e gli atteggiamenti con i quali siamo cresciuti.

I 5 atteggiamenti che indeboliscono l'intuito infantile


1. Costringerli ad abbracciare o baciare le persone

È comune vedere genitori che costringono i loro figli ad abbracciare o baciare persone alle quali non vorrebbero avvicinarsi. Molti lo fanno per insegnare loro a essere gentili. Ma la verità è che non dobbiamo costringere i bambini ad abbracciare o baciare una persona che non amano e non conoscono. In primo luogo, per rispetto, perché i bambini hanno comunque il diritto di decidere come mostrare il loro affetto, secondo il loro carattere, le preferenze e l'umore. Infatti, per gli adulti un abbraccio e un bacio sono di solito semplici convenzioni sociali, ma per i bambini costituiscono un atto intimo e un profondo segno di affetto.

In secondo luogo, costringere i bambini ad abbracciare o baciare una persona, significa soffocare il loro istinto. Se al piccolo non piace avvicinarsi a quella persona, è semplicemente perché non lo entusiasma l'idea del contatto fisico, e questo non è un problema, tutto il contrario. I bambini usano spesso l’istinto per relazionarsi con le persone intorno a loro, quindi dobbiamo insegnare loro a fare affidamento su questa capacità e lasciare che stiano lontano da coloro con i quali non si sentono a loro agio, almeno fino a quando queste persone non guadagnano la loro fiducia.

Naturalmente, questo non significa lasciare che i bambini si trasformino in eremiti. Ma se non hanno voglia di dare un abbraccio o un bacio, una stretta di mano o un semplice saluto dovrebbe bastare. Per mostrarsi educati non è necessario baciare o abbracciare, un semplice “buongiorno” o “arrivederci” sono più che sufficienti.

2. Insegnargli che gli adulti hanno sempre ragione

Normalmente i genitori insegnano ai bambini a rispettare tutti gli adulti, c’è anche chi dice loro che gli adulti hanno sempre ragione. Ma si tratta di un insegnamento che può diventare una spada a doppio taglio perché sono proprio gli adulti che possono fare più male ad un bambino.

Insegnare a un bambino che gli adulti devono sempre farsi carico della situazione e che è irrispettoso non ascoltarli o ignorarli significa soffocare il suo istinto. I bambini che sono cresciuti con questo modello corrono un rischio maggiore di soffrire abusi da parte degli adulti senza dire nulla perché pensano che devono sottomettersi alla loro volontà, che sia giusto così.

Invece, ai bambini si dovrebbe insegnare che tutti gli esseri viventi meritano rispetto, non solo gli adulti, ma anche gli altri bambini e gli animali. Ma si dovrebbe anche dire loro che se si sentono a disagio o il loro istinto dice loro che vi è un pericolo, non sono obbligati a obbedire e dovrebbero dire subito che cosa è successo ai loro genitori.

3. Dirgli che li proteggerete sempre

I genitori vorrebbero sempre mantenere i loro figli al sicuro, proteggerli dai pericoli ed evitargli qualsiasi problema. Tuttavia, è una missione impossibile. In realtà, non è neppure un atteggiamento sano perché i bambini devono imparare a difendersi e devono fare i propri errori e solo allora svilupperanno la resilienza infantile.

Quindi, dirgli che li proteggeremo sempre, equivale a generare in loro un falso senso di sicurezza, è come abbandonarli nella giungla senza un kit di sopravvivenza che possono utilizzare per muoversi in questo ambiente inospitale. Il problema è che al percepire questo falso senso di sicurezza, l'istinto viene anestetizzato e non si attiverà quando sarà necessario.

Naturalmente, questo non significa che non dobbiamo rassicurare il bambino quando ha paura o che dobbiamo esporlo a pericoli non necessari, ma il compito principale dei genitori non è proteggere eternamente i loro bambini, ma insegnargli a proteggersi da soli.

4. Minimizzare le loro paure

Alcuni genitori, al fine di rassicurare i loro figli, minimizzano le loro paure o addirittura le ignorano. Usano frasi classiche come: “sono tutte sciocchezze, non devi avere paura” oppure “sei troppo grande per avere paura del buio”. Tuttavia, queste parole non raggiungono l’obiettivo, non calmano il bambino, al contrario, diventano una barriera tra il bambino ei suoi genitori. Il bambino si sente incompreso e impara a nascondere le sue paure.

Inoltre, la paura è un sentimento del tutto naturale che non deve essere respinto perché ha un valore difensivo. Quando cataloghiamo la paura come qualcosa di negativo, il bambino si vergognerà di provarla e poco a poco soffocherà gradualmente il suo istinto, che è appunto precisamente l’incaricato di avvertirlo dei pericoli o delle situazioni non familiari che potrebbero comportare qualche rischio.

Così, invece di minimizzare le loro paure, dovremmo convalidarle. Questo non significa alimentare le loro paure, ma condividere le loro preoccupazioni ed emozioni, spiegare da dove vengono e cogliere l'occasione per insegnargli a superare queste paure.

5. Riempire la loro agenda senza lasciargli del tempo libero

L'intuizione non ci avverte solo del pericolo, ci indica anche le cose che ci fanno sentire bene. Infatti, l'istinto ci segnala, tra tutte le possibili opzioni, quelle che ci rendono più felici, ci completano e soddisfano meglio. Purtroppo, perdiamo molto presto questo sesto senso per la felicità, nella misura in cui abbandoniamo ciò che ci piace per impegnarci in attività di convenienza. Perdiamo la capacità di conoscere ciò che ci rende felici ogni volta che sostituiamo un “mi piace” con un “devo”.

Quindi riempire l'agenda di un bambino con attività extra-scolastiche o attività perfettamente strutturate imposte dagli adulti, senza lasciargli dello spazio per giocare liberamente, significa anche soffocare il suo istinto e subordinarlo sempre di più alle convenzioni sociali. Questo è il motivo per cui molte persone che hanno perso il contatto con il loro “io” più profondo, si lasciano guidare da quello che vogliono gli altri senza sapere cosa vogliono veramente o cosa li rende davvero felici.

Cos’è veramente l'intuizione?


Per capire come funziona l'intuizione è importante sapere che nel cervello ci sono due sistemi: uno emotivo e l’altro razionale. Il sistema intuitivo è basato sulle nostre esperienze, su ciò che abbiamo ereditato dai nostri antenati attraverso i geni e le emozioni che proviamo. Il secondo sistema è logico e lavora più lentamente perché ci permette di valutare le opzioni e prendere una decisione più razionale.

Il sistema intuitivo è quello che ci avverte di un pericolo potenziale, ma ci indica anche quali sono le cose che troviamo piacevoli e ci generano un senso di benessere. Ovviamente, è essenziale che entrambi i sistemi siano complementari e lavorino in equilibrio. In effetti, può essere tanto negativo basarsi solo sull’istinto così come decidere affidandosi esclusivamente alla razionalità.

Così è compito dei genitori e degli educatori incoraggiare i bambini ad avere fiducia nel loro istinto, in questo sesto senso per il pericolo e la felicità, e allo stesso tempo, insegnare loro a valutare queste intuizioni da un punto di vista logico, per dargli un senso e aiutarli a prendere la migliore decisione possibile.


Fonti:
Gosselin, P. et. Al. (2010) Children’s ability to distinguish between enjoyment and non-enjoyment smiles. Infant and Child Development; 19(3): 297–312.
Stromwall, L.A. et. Al. (2007) Children’s prepared and unprepared lies: Can adults see through their strategies? Applied Cognitive Psychology; 21: 457-471.
Denes-Raj, V. & Epstein, S. (1994) Conflict between intuitive and rational processing: When people behave against their better judgment. Journal of Personality and Social Psychology; 66(5): 819-829.
Yang, Z. (1921) Giving up Instincts in Psychology. The Journal of Philosophy; 18(24): 645-664.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

5 atteggiamenti con i quali soffochiamo l’intuito infantile
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons