21 luglio 2016

Tuo figlio è intelligente?

intelligenza

“Una volta a scuola gli insegnanti mi chiesero cosa volevo essere da grande. E io risposi: ‘Felice!’ Mi venne detto che non avevo capito la domanda e io risposi che loro non avevano capito la vita”, disse una volta John Lennon. Alla luce di questa riflessione, non possiamo evitare di pensare che forse noi adulti non comprendiamo molte cose.

Essere intelligenti non significa ottenere un voto eccezionale in matematica o in fisica. Tantomeno basta ottenere un eccellente in grammatica o memorizzare tutte le ricorrenze storiche. Questo significa semplicemente essere uno studente diligente. Tuttavia, ancora oggi molti genitori e insegnanti ritengono che l'intelligenza si riduca semplicemente a logica e razionalità, e ritengono che un bambino che prende dei brutti voti non avrà mai successo nella vita, perché non è abbastanza intelligente e capace. Ma se giudichiamo un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, questo passerà tutta la vita pensando di essere inutile.

Come si è prodotto il fallimento dei test d’intelligenza?


Tutto è iniziato nel lontano 1905, quando Alfred Binet ha creato il suo famoso test d’intelligenza. Quel test rispondeva ad una specifica esigenza: il governo francese voleva istituire l'istruzione obbligatoria per i bambini tra i 6 ei 14 anni, ma dato che in quel momento i livelli erano piuttosto dispari, era necessario un test per valutare le prestazioni nei compiti che richiedevano comprensione, capacità aritmetica e padronanza del vocabolario.

Binet ha creato un test per differenziare gli studenti le cui capacità gli consentivano di adattarsi al sistema scolastico normale da coloro che avevano bisogno di una spinta in più. Più tardi, in Gran Bretagna, lo psicologo Cyril Burt introdusse i primi aggiornamenti a questo test e li utilizzò per dimostrare che l'intelligenza era ereditaria. Negli Stati Uniti, Lewis Terman fece anche lui in modo che tali prove dimostrassero la supremazia dei bianchi e delle classi più ricche sopra il resto.

Ma l'idea di Binet non era proprio questa. In realtà, questo psicologo ha riconosciuto che il suo test non era in grado di valutare i diversi tipi d’intelligenza, e che aveva semplicemente raggruppato una serie di problemi e operazioni che i bambini dovevano risolvere con relativa facilità nei diversi corsi accademici. Tuttavia, ormai il dado era tratto.

Henry Goddard, un altro degli psicologi statunitensi promotori dei test d’intelligenza, li utilizzò per sostenere la teoria che le persone ricche e di successo ereditavano biologicamente l'intelligenza, la quale veniva trasmessa da una generazione all'altra. Così, l'intelligenza è diventata un fattore di emarginazione e stigmatizzazione delle persone.

Purtroppo, ancora oggi molti professionisti e genitori pensano ancora in questi termini. Sono tutte persone che credono che l'intelligenza sia una capacità fissa che viene ereditata, e la relazionano unicamente con la capacità di risolvere problemi logici. Ma l'intelligenza è molto più di questo, ed è essenziale che tutti coloro che hanno l’educazione dei bambini nelle loro mani lo sappiano.

Ma cos’è veramente l'intelligenza?


Essere intelligente non è ottenere un buon voto in matematica o fisica. Questo significa semplicemente essere uno studente diligente.

Al contrario, un bambino intelligente è quello che è in grado di trovare soluzioni diverse e scegliere la migliore alternativa per risolvere un problema. Il bambino intelligente non è quello che è più veloce nel fare calcoli matematici ma quello che trova soluzioni creative ai problemi della vita quotidiana.

Un bambino intelligente è quello che si fissa nei dettagli, senza perdere la prospettiva globale. È uno che chiede sempre, pone domande e vuole andare oltre l'apparenza delle cose. È anche uno che rompe le cose per vedere come sono fatte, anche se dopo non è capace di ricomporle.

Infatti, il bambino intelligente non è quello che non sbaglia mai, ma quello che sbaglia e impara dai suoi errori, trae conclusioni che gli serviranno in futuro. È inoltre abbastanza flessibile da adattarsi ai cambiamenti, anche se non sono sempre positivi.

Un bambino intelligente non è quello che colleziona parole complicate per stupire tutti, ma uno che pensa fuori dagli schemi, con immagini, musica o qualsiasi altro mezzo per esprimere le sue idee.

Il bambino intelligente non è quello che segue le regole senza sbagliare, ma quello che si pone nuove sfide e non ha paura di lasciare la sua zona di comfort.

Il bambino intelligente è capace di mettersi nei panni degli altri, sa comunicare le sue emozioni e intuire quelle degli altri. Sa anche dire di “no” quando è il momento e assume la responsabilità delle sue azioni. Questo bambino sa ascoltare ed è sensibile.

È un bambino intelligente, anche se a scuola non ottiene i voti migliori. Perché la vita è la scuola più importante, la più esigente e la più complicata. E per superare i suoi esami non è sufficiente la capacità di calcolo, la memoria e la comprensione della lettura, ma altre competenze che non sono di solito insegnate nelle scuole, come il pensiero analitico, la flessibilità, la capacità di adattarsi ai cambiamenti e controllare le emozioni...

L'intelligenza non è un voto, è una capacità che si sviluppa ogni giorno e dovrebbe servire a migliorarci come persone e trovare la felicità. Molti bambini hanno quel tipo d’intelligenza, non dobbiamo strappargliela per sacrificarla sull'altare della logica.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Tuo figlio è intelligente?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons