15 giugno 2016

I medici sottovalutano il dolore delle donne

donna ospedale

“Un mercoledì mattina, mentre mi preparavo per andare al lavoro, ho sentito un grido nel silenzio, sono corso in bagno e ho visto mia moglie piegata dal dolore, senza fiato.

Vederla in quello stato mi fece davvero paura. Rachel non è una di quelle persone che si lamentano per nulla. Così, quando l'ho vista in quello stato, piangendo come una bambina, ho chiamato subito l'ambulanza.

Non so quanto tempo impiegò l'ambulanza ad arrivare perché il dolore e il panico distorcono la nostra percezione del tempo, ma quando ho sentito la sirena mi sono sentito sollevato. Non sapevo che la nostra avventura era appena iniziata.

Uno dei tecnici ha fatto a mia moglie la classica domanda: ‘Se dovesse quantificare, da 1 a 10 quanto è forte il suo dolore?’

‘Undici’, balbettò Rachel.

Durante il tragitto in ambulanza, ho sofferto quasi quanto mia moglie, ma avevo fiducia che tutto sarebbe finito in fretta appena arrivati al centro medico. Il viaggio ha impiegato 10 minuti per raggiungere l'ospedale, la barella venne collocata in una lunga fila e Rachel diventò ufficialmente un paziente.

Dopo poco mi avvicinai a un infermiere e gli chiesi di vedere mia moglie perché non l’avevo mai vista lamentarsi così.

‘Dovrai aspettare il tuo turno, è solo un po' di dolore, tieni duro tesoro’, gli dissi mentre gli accarezzavo la testa.

In quel momento non sapevamo che una delle sue ovaie stava morendo, letteralmente. Mia moglie aveva una cisti ovarica, un problema abbastanza comune, ma nel suo caso era cresciuta troppo andando a torcere una tuba di Falloppio. Questa condizione viene definita: torsione ovarica ed è molto dolorosa, e richiede un intervento chirurgico immediato.

Tuttavia, l’attenzione di cui aveva bisogno mia moglie tardava ad arrivare. Dopo due ore si avvicinò un medico, gli fece un paio di domande veloci, un breve esame e poi scomparve. Mezz'ora dopo un infermiere gli mise una flebo per il dolore e la portò nella stanza per eseguire una TAC. Era il trattamento di routine per i calcoli renali.

Quando l’antidolorifico cominciò a fare effetto Rachel perdette coscienza, ma sul volto aveva ancora una smorfia di dolore. Tre ore dopo la TAC, il medico vide i risultati ei suoi occhi si spalancarono. Egli confermò che mia moglie aveva una grande massa nell'addome ma non sapeva cosa fosse. Fu solo allora che si attivarono tutti e rilevarono così la torsione ovarica.

Rachel venne operata e tutto andò bene, ma in seguito mi chiese cosa sarebbe accaduto se fosse arrivata da sola in ospedale, dove medici e infermieri sembravano dirmi tutti: ‘Non si preoccupi, le donne piangono per niente. Sono tutte così!’”.

Questa storia, più o meno sintetizzata, è stata vissuta direttamente dal giornalista Joe Fassler, che indignato la pubblicò su The Atlantic. E la condivido con voi perché anch’io ho vissuto l’esperienza di vedere negli occhi di alcuni medici lo sguardo condiscendente che riduce al minimo i sintomi e ti fa sentire a metà strada tra un’isterica e un’ipocondriaca. E non sono l'unica. Molte donne sono state trattate allo stesso modo.

Le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie che causano dolore, ma ricevono un trattamento più conservativo


Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università del Maryland ha rivelato un dato allarmante: negli Stati Uniti gli uomini attendono una media di 49 minuti per ricevere un analgesico per il dolore addominale acuto. Le donne aspettano una media di 65 minuti per ricevere lo stesso trattamento per lo stesso motivo, perché spesso il loro dolore è classificato come “emozionale”, “psicogeno” o addirittura “irreale”.

Un altro studio condotto presso l'Università della Pennsylvania ha scoperto che le donne hanno tra il 13 e il 25% in meno di probabilità di ricevere un trattamento con oppiacei per alleviare il dolore, mentre agli uomini viene prescritto questo trattamento più velocemente e frequentemente.

Tuttavia, è curioso che i ricercatori dell’Università della Florida hanno scoperto che le donne corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie che causano dolore intenso. Le donne hanno il doppio delle probabilità di soffrire di sclerosi multipla, da due a tre volte più probabilità di sviluppare l'artrite reumatoide e quattro volte più probabilità di soffrire di sindrome da stanchezza cronica rispetto agli uomini. Inoltre, le malattie autoimmuni, che spesso includono dolore debilitante, colpiscono le donne tre volte più degli uomini.

Eppure, anche così molti medici e infermieri minimizzano il loro dolore. Apparentemente dobbiamo continuare a portare su di noi il peso storico dell’isteria. In realtà, l’isteria femminile era una diagnosi comune fino alla metà del XIX secolo, in quel momento veniva stimato che una donna su quattro era affetta da isteria.

Questa diagnosi si applicava a una vasta gamma di sintomi, insonnia, svenimento, ritenzione idrica, irritabilità, mal di testa e spasmi muscolari. E la cosa divertente è che, allora, l’unico trattamento era la stimolazione dei genitali femminili. Ovviamente, alla base vi era l'idea che le donne esageravano il dolore o addirittura lo inventavano.

La comunità medica è a conoscenza di questa “maledizione di genere”, ma continua a pensare che le donne siano troppo sensibili


La cosa peggiore è che questa “maledizione di genere” è un fenomeno ben noto nella comunità medica. Infatti, esiste ciò che si conosce come “Sindrome di Yentl”, secondo cui gli attacchi di cuore di solito si verificano in modo diverso negli uomini rispetto alle donne, e questo è il motivo per cui molti medici si concentrano sui segni classici che presentano gli uomini così molte donne non vengono diagnosticate in tempo, con le corrispondenti conseguenze mortali che ciò comporta.

Le statistiche indicano che le donne che soffrono di malattie cardiache spesso ricevono un trattamento meno aggressivo rispetto agli uomini, anche se in loro la malattia è di solito in una fase più avanzata. Le donne hanno la metà delle probabilità di essere sottoposte a cateterizzazione cardiaca e hanno meno probabilità di vedersi raccomandare un intervento chirurgico di bypass o una procedura per sbloccare le arterie bloccate.

Come se non bastasse, è stato anche scoperto che le donne hanno maggiori probabilità vedersi diagnosticare condizioni come la fibromialgia e la sindrome da affaticamento cronico, delle quali tuttavia non sono ancora state adeguatamente individuate le cause e non vi è alcun test diagnostico definitivo. Ciò significa che le donne hanno maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di disturbi che hanno una grande componente psicologica.

Ovviamente, in una società che si sta muovendo verso la parità di genere, questi stereotipi sono inconcepibili. E peggio di tutto è che questi preconcetti secondo i quali le donne sarebbero “sensibili” e “piagnucolone”, in termini medici possono fare la differenza tra la vita e la morte, o almeno, alterare in modo significativo la qualità della vita di una persona.

Purtroppo, secondo Leslie Jamison, saggista americano che ha studiato a fondo questo fenomeno e ha plasmato la sua “Teoria Unificata del Dolore Femminile”, “le donne ricevono un trattamento iniziale meno aggressivo rispetto agli uomini, fino a quando non provano che il loro dolore è importante”.

Ovviamente, non tutti gli operatori sanitari hanno questi stereotipi. Ma se sei uno di loro, faresti bene a fare un esame di coscienza.


Fonti:
Fillingim, R. B. et. Al. (2009) Sex, Gender, and Pain: A Review of Recent Clinical and Experimental Findings. Journal of Pain; 10(5): 447–485.
Chen, E. H. et. Al. (2008) Gender disparity in analgesic treatment of emergency department patients with acute abdominal pain. Acad Emerg Med; 15(5):414-418. 
Hoffmann, D. E. & Tarzian, A. J. (2001) The girl who cried pain: a bias against women in the treatment of pain. J Law Med Ethics; 29(1): 13-27.
Healy, B. (1991) The Yentl syndrome. The New England Journal of Medicine; 325(4): 274-276.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I medici sottovalutano il dolore delle donne
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons