19 ottobre 2015

Come controllare la rabbia: 10 consigli pratici


Vi arrabbiate spesso?

Non sapete come controllare la rabbia?

Prima o poi è successo a tutti.

Infatti, la rabbia è una risposta che si attiva quando qualcosa non è andato secondo i piani, quando il mondo non corrisponde alle nostre aspettative.

Da questo punto di vista, arrabbiarsi equivale a comportarsi come un bambino piccolo che non è in grado di adattarsi alle circostanze e rispondere in modo adattivo. Ci arrabbiamo perché non abbiamo imparato a reagire in modo diverso, perché abbiamo permesso alla parte più antica del nostro cervello di prendere il controllo.

Tuttavia, possiamo imparare a reagire in modo diverso, possiamo gestire le emozioni e rispondere in modo più assertivo, per non attaccare la persona davanti a noi e non fare del male a noi stessi, dato che la rabbia ci fa male, e molto.

Strumenti di base per controllare la rabbia


1. Fare una pausa. Fate una pausa mentale prima di rispondere. Infatti, la rabbia non è un vulcano che esplode improvvisamente, ma un processo in cui sentiamo come questa cresce e diventa più forte. Pertanto, quando notate questi segnali, fate una pausa mentale e contate fino a 10, respirate profondamente o fate qualcosa che vi rilassa. Con questo semplice trucco otterrete di stabilire una distanza psicologica e riprenderete il controllo sulle vostre emozioni.

2. Essere espliciti. Il fatto che siamo in grado di controllare la rabbia, non significa che dobbiamo nasconderla. A volte è importante che il nostro interlocutore capisca come ci ha fatto sentire perché questa situazione non si ripeta. A tal fine, spiegategli nel modo più chiaro, diretto e calmo possibile, il motivo della vostra rabbia. A volte il semplice fatto di riconoscere che ci siamo arrabbiati e farlo sapere all'altra persona, ha un potere catartico che ci aiuta a calmarci e rilasciare la tensione. Ricordate che le emozioni non dovrebbero essere negate o nascoste, avete solo bisogno di imparare ad esprimerle in modo assertivo.

3. Assumere la responsabilità. Quando ci arrabbiamo, tendiamo a parlare in termini più generali o addirittura accusiamo il nostro interlocutore. Così, abbiamo generato un crescendo di disagio che porta solo in un vicolo cieco. Pertanto, una strategia semplice per gestire la rabbia è quella di parlare sempre in prima persona, evitando di puntare il dito contro l’altro, esprimendo le vostre idee ed emozioni e assumendovi la responsabilità per le stesse. Riconoscere che siete arrabbiati, per esempio, è già un buon inizio.

4. Pensare in termini di soluzioni. La maggior parte delle persone pensa in termini di problemi, soprattutto quando prova emozioni negative come la rabbia. In questo modo, ognuno si nasconde dietro ai problemi e questi crescono. Ma dal momento che la rabbia di solito nasce da disaccordi e conflitti, prestare attenzione alle possibili soluzioni ci permette di cambiare radicalmente la situazione, in modo tale che entrambe le parti siano soddisfatte. Pertanto, è auspicabile non concentrarsi sui problemi ma sulle soluzioni.

5. Lasciate andare il rancore. A volte, la rabbia non è causata dalla situazione che stiamo vivendo, ma dalle nostre esperienze precedenti, anche se non ne siamo sempre consapevoli. Cioè, siamo giunti ad una determinata situazione trascinando un pesante fardello di rancori. Quindi, qualsiasi cosa l'altra persona dice o fa accenderà la miccia che farà esplodere la rabbia. Pertanto, per gestire la rabbia è essenziale lasciare andare il risentimento. Tenete sempre a mente un vecchio proverbio: “La prima volta che mi offendi, vergogna tua, la seconda, vergogna mia”.

6. Non generalizzare. Usiamo spesso parole come “mai” o “sempre” quando siamo irritati e arrabbiati, ma servono solo ad aggiungere benzina sul fuoco. Così, quando siete sconvolti, fate in modo di non generalizzare, siate specifici e concentratevi sul problema da risolvere. Ricordate che la logica vince sempre sulla rabbia e la rabbia si alimenta dell'irrazionalità. Fatevi carico della situazione e non perdete la testa, cercate di raggiungere un accordo soddisfacente per entrambi.

7. Non cercare di avere ragione. Alla base della rabbia si nasconde un messaggio semplice: “Desidero che le cose vadano come voglio io”. Le persone che si arrabbiano pensano spesso di avere la verità assoluta in mano, quindi tutto ciò che blocca i loro piani si trasforma automaticamente in un affronto difficile da tollerare. Pertanto, per imparare a controllare la rabbia, è indispensabile spogliarsi del ruolo di giudice, smettere di pensare che abbiamo ragione e di voler vincere a tutti i costi. Assumete che la maggior parte dei conflitti e problemi che sorgono nella vita di tutti i giorni non sono un'umiliazione personale.

8. Divertitevi. Può sembrare una missione impossibile. Infatti, quando siamo arrabbiati è difficile divertirci. Tuttavia, l’umorismo stupido è una strategia molto efficace per controllare la rabbia. Non si tratta di ridere per fare scomparire i problemi, ma solo per sdrammatizzare e creare uno stato d'animo che vi permetta di affrontarli in modo più costruttivo. Potete fare una battuta, che non sia sarcastica (perché questo tono servirebbe solo a riscaldare ulteriormente l'umore), o potete anche ricreare la situazione che state vivendo nella vostra mente, aggiungendovi dettagli simpatici e stravaganti.

9. Evitate le situazioni e le persone irritanti. Non si tratta di fuggire dai problemi, ma, per quanto possibile, si dovrebbero evitare le situazioni che possono generare rabbia. Se si deve affrontare delle situazioni che possono irritare, è consigliabile fare un esercizio di visualizzazione: Immaginate come vi comporterete nella situazione e pensate ai problemi che possono sorgere. Se si dispone di un copione mentale prestabilito sarà più facile mantenere la calma.

10. Pensate alle conseguenze. Pensare alle conseguenze della rabbia è importante. Pensate a come vi siete sentiti e di quanto tempo avete avuto bisogno per tornare alla normalità. Riflettete su che cosa avete ottenuto con tale comportamento. Noterete che il principale danneggiato siete stati probabilmente voi. La rabbia è un'emozione molto dannosa che vi toglie la pace interiore e destabilizza il vostro equilibrio psicologico, così arriverete presto alla conclusione che non vale la pena di arrabbiarsi. La prossima volta che sentirete la rabbia crescere dentro di voi, chiedetevi: vale la pena di perdere la mia stabilità mentale per questo?

Arrabbiati cronici = Eterni bambini


In alcune circostanze, soprattutto quando si è vittima di una ingiustizia, è comprensibile reagire con rabbia. Tuttavia, alcune persone sono arrabbiate croniche, si arrabbiano per qualsiasi cosa e non riescono a superare questa emozione ma la portano con loro ovunque vanno.

La rabbia cronica è una caratteristica infantile che indica che non siamo in grado di affrontare la frustrazione e che vogliamo avere sempre ragione. In questi casi, è necessario porsi alcune domande:

- Perché scelgo di arrabbiarmi per qualsiasi cosa?

- Cosa faccio per creare delle situazioni che generano continuamente rabbia?

- È l’unico modo in cui posso reagire?

- Chi sto punendo con questo comportamento?

- Perché voglio essere continuamente arrabbiato?

- Quali pensieri provocano o alimentano questa rabbia?

- In che modo il mio atteggiamento influisce sugli altri?

- È questa la vita che voglio?

Gli arrabbiati cronici ritengono che arrabbiarsi sia l'unico modo per ottenere quello che vogliono. Pertanto, è importante capire che ci sono altri modi di reagire che sono molto più efficaci e meno dannosi per tutti, anche per se stessi. Guardatevi allo specchio e chiedetevi cosa volete veramente e che cosa vi rende felice. E mettetevi al lavoro.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Come controllare la rabbia: 10 consigli pratici
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons