22 luglio 2015

Cosa dicono i vostri occhi? 7 messaggi che inviano le pupille



In passato si diceva che gli occhi sono lo specchio dell'anima. Infatti, anche oggi molte persone cercano di scoprire una menzogna chiedendo alla persona che li guardi dritto negli occhi. Ad ogni modo, si tratta solo di un mito popolare o è vero che gli occhi parlano per noi?

La scienza ha scoperto recentemente che i nostri occhi possano inviare molti segnali al nostro interlocutore, è solo sufficiente saperli interpretare.

1. Stiamo pensando a qualcosa di complicato

Nel 1964, alcuni psicologi dell'Università di Chicago hanno reclutato un gruppo di persone e hanno chiesto loro di risolvere diversi problemi. La chiave risiedeva nel fatto che questi problemi aumentavano gradualmente a livello di complessità. Mentre le persone risolvevano i problemi, i ricercatori le analizzavano. Hanno potuto così scoprire che quanto più è difficile il problema che abbiamo di fronte tanto più le nostre pupille si dilatano.

2. Il nostro cervello è saturo

Nel 1973, gli psicologi della University of California si chiesero se gli studenti potessero indicare quando hanno raggiunto i limiti della loro capacità cognitiva. Così, hanno reclutato un gruppo di volontari e hanno chiesto loro di risolvere il più rapidamente possibile un problema che appariva sullo schermo del computer. Si trattava di scegliere una sola risposta tra quattro diverse opzioni. Il trucco risiedeva nel fatto che i problemi scorrevano sempre più velocemente, fino al punto in cui le persone si sentivano impossibilitate e non potevano continuare. In questo modo è stato possibile osservare che quando il nostro cervello è sovraccarico, le nostre pupille riducono notevolmente le loro dimensioni.

3. Hanno catturato il nostro interesse

Nel 1977, sempre gli psicologi della University of California hanno condotto un esperimento molto interessante: hanno reclutato un gruppo di persone chiedendo loro di ascoltare la lettura di un libro erotico, la storia di una mutilazione e un contenuto neutro che non suscitava alcuna emozione in particolare. La cosa interessante è che le pupille si dilatavano all'inizio di ogni storia è rimasero dilatate, ma solo in chi ascoltava le storie erotiche o violente. Pertanto, quando qualcuno cattura davvero il nostro interesse, le pupille si dilatano e rimangono così.

4. Proviamo disgusto

Nel 1960 un gruppo di psicologi dell'Università di Chicago ha preparato una serie di immagini che potevano scatenare reazioni diverse. Una telecamera riprendeva gli studenti mentre vedevano le immagini. Così è stato possibile osservare che quando le persone guardavano delle immagini violente, di mutilazioni o con persone facevano del male a dei bambini, reagivano con un profondo disgusto. La cosa interessante è che in un primo momento le loro pupille erano dilatate ma subito dopo le dimensioni diminuivano notevolmente, nel tentativo inconscio di evitare le immagini che suscitavano disgusto.

5. Proviamo dolore

Nel 1999, gli psicologi della Washington University hanno reclutato un gruppo di persone facendole partecipare ad un esperimento doloroso per una buona causa: la scienza. A queste persone venivano applicato delle piccole scosse elettriche alle punte delle dita, nel frattempo si analizzavano le loro pupille. In questo caso si è potuto vedere che quando proviamo dolore le nostre pupille sono molto dilatate, è una risposta automatica del sistema nervoso autonomo che ci prepara per fuggire davanti al pericolo e, ovviamente, abbiamo bisogno che la nostra vista sia al 100% per individuare qualsiasi minaccia nell’ambiente circostante.

6. Rivelano la nostra scelta politica

Nel 1969 si è realizzato uno degli studi più curiosi in merito a cosa comunicano le nostre pupille. In quel caso gli psicologi della Louisiana State University hanno reclutato delle persone che avevano delle posizioni politiche molto diverse ed erano sicure di queste. Così, hanno mostrato loro le immagini di grandi personaggi tradizionalmente liberali o conservatori. A questo punto i ricercatori hanno notato che le nostre pupille si dilatano quando vediamo delle persone che condividono le nostre idee politiche, e si contraggono quando vediamo qualcuno che è opposto.

7. Rivelano alcuni tratti della nostra personalità

Questa volta non si tratta di pupille dilatate o contratte, ma di linee dell’iride. Secondo i ricercatori del Karolinska Institute, se si guarda abbastanza vicino negli occhi di una persona, possiamo scoprire alcune caratteristiche della sua personalità. Quando le cripte che si trovano nell'iride (filamenti ondulati) si irradiano dalla pupilla verso l’esterno, le persone tendono ad essere più sensibili, oneste, gentili e provano un maggior numero di emozioni positive. Quando appaiono dei cerchi concentrici intorno all’iride, le persone tendono ad essere più nervose e impulsive. La chiave risiede nel gene Pax6, che è coinvolto non solo nella crescita del tessuto oculare, ma anche nello sviluppo della corteccia cingolata anteriore, che è coinvolta nella regolazione dell'umore e nell’autocontrollo.



Cambiamenti troppo piccoli per venire notati?

A questo punto, probabilmente, starete pensando che questi dettagli sono troppo piccoli per essere notati. Tuttavia, secondo uno studio del Dartmouth College, probabilmente non notiamo molti di questi cambiamenti consapevolmente, ma non passano certo inosservati al nostro inconscio.

Questi neuroscienziati hanno analizzato l'attività cerebrale di decine di persone, mentre guardavano altri, con la pupilla dilatata, normale o ristretta. Così hanno potuto vedere che il nostro cervello reagisce in modo diverso, in particolare l'amigdala, che è la nostra sentinella emozionale. Infatti, quando le pupille si dilatano, l'amigdala aumenta la sua attività, forse per indicare che dobbiamo stare attenti.


Fonti:
Demos, K. E. et. Al. (2008) Human Amygdala Sensitivity to the Pupil Size of Others. Cerebral Cortex; 18(12): 2729-2734.
Larsson, M. et. Al. (2007) Associations between iris characteristics and personality in adulthood, Biological Psychology; 75(2): 165–175.
Chapman, C. R. et. Al. (1999) Phasic pupil dilation response to noxious stimulation in normal volunteers: Relationship to brain evoked potentials and pain report. Psychophysiology; 36(1): 44-52.
White, G. L. & Maltzman, I. (1977) Pupillary activity while listening to verbal passages. Journal of Research in Personality; 12: 361-369.
Poock, G. (1973) Information processing vs. pupil diameter. Perceptual and Motor Skills; 37: 1000-1002.
Barlow, J. D. (1969) Pupillary size as an index of preference in political candidates. Perceptual and Motor Skills; 28: 587-590.
Hess, E. H. & Polt, J. M. (1964) Pupil Size in Relation to Mental Activity during Simple Problem-Solving. Science; 143(3611): 1190-1192.
Hess, E. H. & Polt, J. M. (1960) Pupil Size as Related to Interest Value of Visual Stimuli. Science; 132(3423): 349-350.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Cosa dicono i vostri occhi? 7 messaggi che inviano le pupille
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons