1 giugno 2015

Posticipare la vita: Cosa ci insegna la storia di Stephen King?



"Forse un giorno, quando avrò più tempo, mi dedicherò a ..."

È probabile che vi sia capitato di ripetervi questa frase in un momento della vostra vita. Infatti, quasi tutti abbiamo posticipato alcuni dei nostri sogni, con la segreta speranza che si presentassero delle condizioni più favorevoli o semplicemente perché abbiamo deciso di dare la priorità ad altre attività.

Tuttavia, Buddha fu molto più conciso (e anche drammatico) a questo riguardo: "Il problema è che credi di avere ancora del tempo".

La nostra vita è eccessivamente piena di "forse ...", "se ...", "quando ...". Siamo convinti che domani potremo realizzare i nostri sogni, ma oggi ci dedichiamo ad altro, come se vivere il "qui e ora" fosse solo una parentesi. Tuttavia, come potremo realizzare i nostri sogni se non iniziamo a lavorarci da subito? Si tratta di un errore, il peggiore inganno nel quale possiamo cadere, dal momento che adottare questo atteggiamento significa lasciarsi sfuggire la vita.

La verità è molto più semplice: non abbiamo altro tempo oltre al presente.

La storia del giovane Stephen King


Stephen King è uno degli scrittori americani più prolifici di tutti i tempi. Il suo stile può piacere o meno, ma non si può negare che sia uno scrittore di successo che ha scritto oltre 70 libri, ha venduto circa 350 milioni di copie e alcuni suoi racconti sono stati portati sul grande schermo. Tuttavia, ben pochi conoscono la storia dietro al suo successo.

Quando avevo 24 anni il giovane Stephen King era già sposato con figli. Lavorava come insegnante, riusciva a malapena a pagare le spese e la sua carriera letteraria era ad un punto morto. Aveva solo ottenuto di pubblicare alcuni brevi racconti in diverse riviste. Aveva provato per ben tre volte di pubblicare il suo primo romanzo e tutte e tre le volte venne rifiutato.

Nel suo libro autobiografico "On Writing: Autobiografia di un mestiere" che tra l'altro vi raccomando, dice:

"Mi vedevo di 30 anni più vecchio, indossando gli stessi cappotti usurati con delle toppe sui gomiti, con la pancia del bevitore di birra che fuoriusciva dai pantaloni. Avrei avuto la tosse del fumatore accanito di Pall Mall, occhiali spessi, più forfora, e sei o sette manoscritti originali mai terminati nel cassetto della scrivania che raramente, quasi sempre ubriaco, avrei ripreso in mano per spolverarli. Quando mi avessero chiesto a cosa dedicavo il mio tempo libero avrei risposto: a scrivere un libro. Cosa fa un professore di scrittura creativa che si rispetti nel tempo libero? Poi, chiaramente, mentivo a me stesso dicendomi che non era troppo tardi, che alcuni romanzieri non avevano iniziato a scrivere se non prima dei 50. Ma quali cinquanta! I 60, accidenti!”.

Stephen King comprese proprio in quel momento che non avrebbe avuto più tempo, aveva bisogno di un cambiamento radicale nella sua vita se voleva realizzare i suoi sogni e non rimanere bloccato in un lavoro che non lo soddisfaceva. Così mise mano all’opera e scrisse "Carrie". Il resto è storia.

Da allora, Stephen King ha lavorato ininterrottamente per quattro ore al giorno, con l'obiettivo di scrivere 2.500 parole.

Ad ogni modo, quanti manoscritti (in senso metaforico) avete nel cassetto della vostra scrivania?

Pensate che un giorno, come per magia, i vostri sogni si avvereranno?

Se vivete posticipando verrà il giorno in cui non avrete più dei sogni nel cassetto, ma molti rimpianti davanti allo specchio.

5 consigli per smettere di posticipare


Viviamo spesso con un senso di vuoto e/o di malessere esistenziale, abbiamo molti sogni ma li rinviamo continuamente mentre ripetiamo senza sosta le stesse abitudini che abbiamo acquisito nel corso della vita, come se fossimo degli automi. È come se l’ingranaggio del sistema girasse inesorabilmente per schiacciarci sotto il suo peso. Questo ingranaggio rappresenta le convenzioni sociali, le paure, le incertezze ... Quindi non è sorprendente che la maggior parte delle persone finiscano in una zona di comfort dove i sogni non si adattano, una zona di comfort che può essere comoda qui e ora, ma che alla fine genera i maggiori rimpianti della vita.

Come fare per cambiare e smettere di rimandare i sogni?

1. Genera un senso di urgenza. Fino a quando sarete convinti di avere più tempo continuerete all'infinito a rimandare i vostri sogni. È necessario essere consapevoli che il tempo vola e che la vostra vita è questa, che si sta svolgendo in questo momento, mentre state leggendo, non in un ipotetico futuro. Seneca ci dà un indizio: "Considerate ogni giorno come se fosse una vita stessa".

2. Immagina il tuo peggior futuro. Probabilmente avete già le basi della visualizzazione positiva: immaginare di avere raggiunto il vostro obiettivo. Tuttavia, è anche possibile visualizzare il vostro futuro peggiore, non si tratta di masochismo, ma solo di prendere coscienza di dove vi portano i vostri passi. Se continuate a vivere la vita come state facendo ora, come vi vedete tra 10 o 20 anni? Immaginate la vostra vita con il maggior dettaglio possibile e non dimenticate di applicare ad ogni dilemma la Legge di Murphy: "Se qualcosa può andar male, lo farà". Se non vi piace quello che vedete è giunto il momento di cambiare.

3. Esci dalla zona di comfort. Tendiamo a preferire un comodo inferno ad un paradiso che richiede molto lavoro. Una volta trovata la nostra zona di comfort, ci blocchiamo e rinchiudiamo i nostri sogni in un cassetto. Non si tratta di buttarsi nel vuoto senza paracadute, ma si può iniziare a muoversi a piccoli passi per espandere sempre di più quella zona di comfort e avvicinarsi ai propri obiettivi. Vi resterà sempre un poco di paura e incertezza, ma gradualmente imparerete a gestirle e presto non vi daranno più fastidio.

4. Elimina la spazzatura. Viviamo in una società che richiede costantemente la nostra attenzione attraverso cose che non sono niente di più di semplici distrazioni. Queste cose sono come piccoli granelli di sabbia che, lentamente, possono danneggiare o bloccare l’ingranaggio della vostra vita. Quindi, un passo importante per realizzare i vostri sogni è quello di imparare a concentrarvi sull'essenziale, cambiando le abitudini che non vi apportano nulla ed eliminando la spazzatura emotiva. Così facendo non solo guadagnerete più tempo, ma vi sentirete anche meno stressati e potrete concentrarvi su ciò che vi interessa veramente.

5. Inizia. Ogni grande viaggio inizia con il primo passo. Non ricorrete a delle scuse per rinviare i vostri sogni perché queste sono sempre esistite e continueranno ad esistere, ci saranno sempre dei problemi e non sarà mai il momento giusto. Inizia oggi a cambiare una cattiva abitudine, eliminate definitivamente una distrazione inutile e pianificate un obiettivo che vi motiva realmente e arricchirà la vostra vita.

Il tempo vola! Non sprecatelo perché è il vostro bene più prezioso.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Posticipare la vita: Cosa ci insegna la storia di Stephen King?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons