10 aprile 2015

3 effetti sorprendenti della luce sulle nostre decisioni



La luce, o la sua assenza, creano una alternanza che ci accompagna per tutta la vita. Tuttavia, siamo così abituati al susseguirsi del giorno e della notte, della luce e delle tenebre, che non teniamo neppure conto di questi cambiamenti, ma il fatto interessante è che la luce può influenzare il nostro comportamento, le decisioni e gli stati emotivi, anche se la maggior parte di noi non è consapevole di questo.

1. Quanto più intensa è la luce tanto più intense saranno le emozioni

Non importa se vi sentite bene o male, le vostre emozioni saranno più intense in un ambiente illuminato e brillante. O almeno è quanto affermano i ricercatori dell'Università di Toronto. Nel corso di una serie di esperimenti nei quali veniva manipolata la luce e la sua intensità, i partecipanti allo studio erano esposti a diversi stimoli appositamente progettati per suscitare diversi stati emotivi, dall’attrazione fisica all'aggressività. In questo modo i ricercatori videro che una luce brillante ci fa vivere più intensamente le emozioni e ci porta a reagire in modo più estremo, e questo è stato denominato: "Effetto incandescenza".

Perché?

Questi ricercatori ritengono che la luce intensa incida direttamente nel nostro sistema emotivo facendoci sentire più calore, agendo insomma come una sorta di detonante emotivo. In realtà, non è che la luce generi delle emozioni, ma le intensifica. Pertanto, una delle implicazioni pratiche di questo studio è: se si vuole prendere una decisione più razionale e meno emotiva è meglio farlo in un ambiente scarsamente illuminato.

2. Una luce lampeggiante ci fa propendere per le posizioni estreme

Una luce fissa non esercita lo stesso effetto come una che lampeggia, quest'ultima cattura la nostra attenzione mentre la prima passa quasi inosservata. Tuttavia, i ricercatori dell'Università di Utrecht si sono chiesti se una luce lampeggiante potrebbe influenzare il nostro comportamento e le decisioni che prendiamo. Per verificarlo hanno semplicemente fermato dei passanti in strada chiedendo loro di immaginare che un collega di lavoro abbia ricevuto lo stesso bonus o superiore a quello che avevano ricevuto loro stessi. Alle persone veniva chiesto quanto giusto consideravano questo sistema di distribuzione dei bonus aziendali. È interessante notare che, coloro ai quali veniva posta la domanda vicino ad una luce lampeggiante mostravano delle posizioni più estreme, indicando che il sistema era estremamente giusto o ingiusto.

Perché?

Questi psicologi ritengono che la risposta risiede nel fatto che associamo le luci lampeggianti ad un segnale di pericolo, quindi verrebbero percepite come una sorta di sistema di allarme che ci spinge a prendere delle decisioni più rapide e così reagiamo in modo estremo, anche se in realtà la nostra vita non corre alcun pericolo. Questo esperimento indica che, se desideriamo prendere delle buone decisioni evitando gli estremi, è meglio decidere in un ambiente nel quale non vi siano segnali che possono scatenare il nostro sistema d’allarme perché questo influenzerà anche il nostro senso di giustizia.

3. La luce blu migliora l'attenzione e potenzia la concentrazione

In fatto di luce non conta solo l’intensità, ma anche il colore. Questo è quanto hanno dimostrato i ricercatori dell'Università di Harvard. Questi psicologi hanno esposto un gruppo di persone ad una luce blu ad onda corta e un altro gruppo ad una luce verde. I partecipanti hanno dovuto semplicemente svolgere il loro lavoro quotidiano sotto la propria luce per un periodo di 6,5 ore. Terminato questo periodo di tempo si sono stati tutti sottoposti ad un test per valutare il tempo di reazione agli stimoli, il livello di attenzione e le onde cerebrali. In questo modo si è potuto constatare che la luce blu migliora la concentrazione e l’attenzione, anche se le persone non ne erano consapevoli.

Perché?

La luce blu stimola direttamente il cervello e attiva numerose aree dello stesso, tra cui il talamo e il tronco encefalico, che sono coinvolte nella regolazione del nostro livello d’attenzione. L'amigdala e l’ippocampo sono anch’esse strutture cerebrali che reagiscono alla luce blu, e sono collegate ai processi emotivi e alla memoria. Così ora sappiamo che per migliorare le prestazioni sul lavoro non è necessario bere una tazza di caffè, basta illuminare l’ambiente con una luce blu. Ma bisogna stare attenti, perché l'esposizione prolungata e notturna a questa luce può influenzare la qualità del sonno.


Fonti:
Jing Xu, A. &. Labroo, A. (2014) Incandescent affect: Turning on the hot emotional system with bright light. Journal of Consumer Psychology; 24(2): 207–216.
Rahman, S. A. et. Al. (2014) Diurnal Spectral Sensitivity of the Acute Alerting Effects of Light. Sleep; 37(2): 271-281.
Vandenbos, K., et. Al. (2008) Justice and the human alarm system: The impact of exclamation points and flashing lights on the justice judgment process. Journal of Experimental Social Psychology; 44(2): 201-219.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

3 effetti sorprendenti della luce sulle nostre decisioni
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons