22 novembre 2014

Sei Batman o Joker? Come i personaggi determinano la violenza



Da alcuni anni a questa parte i videogiochi a contenuto violento vengono messi in discussione. Ci sono numerosi studi che suggeriscono che questa forma di intrattenimento generi aggressività e comportamenti violenti, mentre altri considerano che il legame non sia così evidente e che, addirittura, questo genere di giochi potrebbero anche ridurre la violenza servendo come una sorta di valvola di sfogo.

Ora, uno studio molto interessante realizzato recentemente, potrebbe definitivamente mettere la parola fine a questa diatriba: secondo i ricercatori dell'Università del Lussemburgo gli effetti del videogioco violento dipenderanno dal ruolo che assume il giocatore.

Questi ricercatori hanno reclutato 60 persone, tra cui 20 donne, perché giocassero 15 minuti ad un videogioco particolarmente violento. Ad alcuni venne assegnato il ruolo del bravo ragazzo, Batman, mentre altri presero la parte del cattivo, Joker. Prima che iniziasse la partita, i ricercatori si assicurarono che le persone conoscessero bene le caratteristiche del loro personaggio e che provassero un poco di empatia per questo. Per raggiungere questo grado di identificazione sono stati invitati a leggere un riassunto che dichiarava che Batman proveniva da una famiglia che lo amava mentre il Joker da una famiglia disfunzionale che aveva abusato di lui durante la sua infanzia.

Dopo aver giocato, i partecipanti dovevano guardare una serie di volti che apparivano sullo schermo del computer e dovevano indicare se sembravano ostili. Alcune delle facce erano effettivamente ostili, mentre altre erano neutrali. Il dato interessante è stato che le persone che avevano giocato nel ruolo di Joker tendevano a percepire più ostilità nei volti, anche nelle gradi folle.

Ma non è tutto. A queste persone venne anche applicata ciò che si conosce come: “la tecnica della lettera perduta.” Mentre uscivano dal laboratorio veniva fatta loro trovare sul pavimento una lettera con un indirizzo che indicava il nome di uno dei ricercatori. Coloro che avevano giocato nel ruolo di Batman mostravano sei volte in più una maggiore disponibilità di consegnare la lettera ai ricercatori mentre chi aveva personificato il Joker la ignorava nella maggior parte dei casi.

Certo, questi risultati sono molto interessanti perché indicano senza ombra di dubbio che veniamo contagiati dal personaggio che personifichiamo. Pertanto, l'impatto dei videogiochi sul nostro comportamento non dipende tanto dalle azioni commesse durante il gioco ma piuttosto dagli obiettivi delle stesse.

Fonte:

Happ, C.; Melzer, A. & Steffgen, G. (2013) Superman vs. BAD Man? The Effects of Empathy and Game Character in Violent Video Games. Cyberpsychology, behavior and social networking; 16 (10): 774-778.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Sei Batman o Joker? Come i personaggi determinano la violenza
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons