28 ottobre 2014

Adulti con Deficit di Attenzione e Iperattività



Siete una di quelle persone che iniziano qualcosa e prima di terminarlo passano a un'altra attività? Vi risulta difficile concentrarvi nelle cose che fate ogni giorno? Quando arriva sera avete accumulato tante attività rimaste incompiute? Avete un sacco di energia, ma spesso commettete errori durante il lavoro perché perdete la concentrazione? Avete spesso molte attività da portare a termine tutte insieme?

Se avete risposto sì a queste domande è probabile che soffriate di Disturbo daDeficit di Attenzione e Iperattività (ADHD), che colpisce non solo i bambini, ma spesso si mostra anche negli adulti. Infatti, si stima che l'80% dei bambini con questo disturbo continuerà a soffrirne anche durante l'adolescenza e tra il 30 e il 65% lo porterà con se nell’età adulta.

Ovviamente, le persone che soffrono di questo disturbo hanno la vita difficile, perché spesso si impegnano in numerosi progetti, ma poi trovano difficile assumersi le proprie responsabilità e completarli. Succede che queste persone si motivano ​​facilmente, ma con la stessa velocità con la quale si impegnano in un compito perdono subito l’interesse per lo stesso.

Tuttavia, questo non significa che gli adulti che soffrono di disturbo da deficit di attenzione e iperattività non siano in grado di realizzare dei progetti complessi, ma hanno solo bisogno di una dose maggiore di forza di volontà e di imparare alcune strategie per convivere con il loro disturbo.

5 strategie per completare i progetti nei quali ci si è coinvolti


1. Lavorare con un compagno

La maggior parte delle volte gli adulti con deficit di attenzione e iperattività abbandonano le loro attività, i progetti e le responsabilità, perché si sentono scoraggiati, perdono la concentrazione e l'interesse. Tuttavia, se condividessero i loro progetti con un'altra persona proverebbero più responsabilità e verrebbero contagiati dall’entusiasmo dell’altro.

Quando si è sul punto di abbandonare, avere una persona vicino a voi vi permetterà di rimanere concentrati nelle attività necessarie per completare il progetto. Infatti, non è un caso che gli allenatori consiglino di dedicarsi all'allenamento insieme ad un'altra persona per sostenersi a vicenda quando uno decide di abbandonare.

2. Stabilire un tempo limite per le vostre attività

Spesso le persone che soffrono di disturbo da deficit di attenzione e iperattività hanno difficoltà a suddividere il loro tempo così che gli risulterà utile imparare a fissare degli orari. Cioè, stabilire in anticipo quante ore al giorno dedicare ad un'attività e non lasciare che niente le possa distrarre durante quel periodo di tempo.

È conveniente impostare un tempo relativamente più ristretto del necessario, perché è stato dimostrato che aggiungere un po' di tensione durante lo svolgimento delle attività stabilendo un limite di tempo leggermente più breve, ci aiuta a mantenere dei livelli equilibrati della dopamina (un neurotrasmettitore coinvolto nel processo di eccitazione cerebrale) aiutando a mantenere vivo l'interesse e la motivazione per il lavoro.

3. Tecnica per ricordare

È conveniente mettere in pratica diverse strategie per ricordare le ragioni dell’attività che si sta svolgendo, così da mantenerci motivati ​​durante tutto il progetto. In realtà non è complicato, una semplice immagine legata alla meta finale può servire come motivazione. È possibile posizionarla in un luogo visibile in modo che quando si nota che l’interesse comincia a diminuire, l'immagine ci ricorderà qual è l’obiettivo finale o le ragioni che ci hanno indotto a coinvolgerci nel progetto.

Alcuni trovano utile avere di fronte la foto della loro famiglia, mentre altri preferiscono vedere costantemente l’immagine dell’obiettivo finale che desiderano raggiungere. Si tratta di identificare l’immagine che vi risulti più efficace per aiutarvi a ricordare.

4. Stabilire mete chiare per ogni attività

Spesso ci impegniamo in diverse attività ma senza degli obiettivi chiari, e questo ci scoraggia. Pertanto, prima di iniziare un progetto, si dovrebbe determinare con precisione cosa si intende raggiungere. Ad esempio, se avete incrementato il numero di ore passate sul lavoro pensate al vostro obiettivo finale. Perché lo fate? Forse state risparmiando per le vacanze o perché desiderate cambiare automobile. Essere consapevoli dei vostri obiettivi darà un senso all’attività svolta e vi farà anche sentire meglio.

5. Iniziare con dei piccoli obiettivi

Iniziate le vostre attività senza particolari pretese, avanzate un passo alla volta, questo è il modo migliore di lavorare, perché in questo modo non vi sentirete mai troppo stressati. Ricordate che nessuno è andato mai troppo lontano senza fare il primo passo. Idealmente, si dovrebbe stabilire dei piccoli obiettivi che conducono al traguardo congratulandosi con se stessi ogni volta che si termina una fase del progetto. È più facile avanzare quando ci si guarda alle spalle e si vede tutto ciò che si è realizzato invece di concentrasi sul futuro e cadere preda dell’ansia per tutto quello che c’è ancora da fare.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Adulti con Deficit di Attenzione e Iperattività
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons