24 settembre 2014

Il marketing emozionale: Cos’è?



Siamo bombardati da pubblicità. Ovunque volgiamo lo sguardo, c'è un annuncio. Così ora, i pubblicitari stanno cercando di toccare le corde più sensibili del nostro essere al fine di ottenere che gli annunci non vengano ignorati e che il prodotto catturi la nostra attenzione. Siamo entrati nell'era del marketing emozionale.

In realtà, dobbiamo considerare che nel 90% dei casi, l'acquisto di un prodotto non è una decisione ragionata, ma avviene normalmente d'impulso. Eccetto quei beni che richiedono un investimento medio-alto, il resto viene acquistato senza pensarci troppo su, ciò che viene definito: "acquisto impulsivo". E, in tale “acquisto impulsivo”, le emozioni giocano un ruolo fondamentale.

Per esempio, quando l’automobile inizia a darci dei problemi cominciamo a pensare che dovremmo comprarne una nuova, allora iniziamo a valutare marche e modelli e confrontiamo i prezzi. Si tratta di un acquisto riflessivo, di solito non si compra la prima auto che si incontra. Al contrario, al momento di acquistare un capo d’abbigliamento agiamo più impulsivamente, vediamo il prodotto e lo compriamo, senza pensarci troppo, anche quando non ne abbiamo bisogno perché a casa abbiamo un sacco di vestiti.

Tuttavia, tanto a un prodotto come all'altro viene applicato il marketing emozionale; ogni marchio cercherà di risvegliare determinate emozioni nel suo pubblico. Non tutte le emozioni sono positive, di fatto, le emozioni negative ci spingono a prendere delle decisioni molto più velocemente. Forse uno degli esempi più emblematici è quello delle assicurazioni, che facendo leva nel timore per il futuro dei nostri cari ci motivano a sottoscrivere un assicurazione sulla vita. Inoltre, anche molte delle campagne di educazione stradale giocano con le nostre emozioni incitandoci ad avere un comportamento più responsabile al volante. Infine, in tempi recenti, le banche, a seguito della perdita di credibilità, hanno fatto ricorso a messaggi pubblicitari che risvegliano la nostra nostalgia invitandoci a fare un viaggio nel passato. Non è casuale, è marketing emozionale.

In questo senso, il marketing emozionale è l'insieme delle strategie, tattiche e azioni intraprese da una marca al fine di stabilire un legame con il proprio target di riferimento attraverso le emozioni. Ovviamente, per realizzare una buona campagna pubblicitaria è necessario avere una profonda conoscenza del pubblico dato che queste strategie vanno al di là dei loro bisogni, concentrandosi nei loro sentimenti. Questi annunci non sono fatti per descrivere i prodotti o evidenziarne i vantaggi, ma ci vendono delle promesse emotive.

Se diamo uno sguardo ai marchi più noti, possiamo vedere per esempio che la Coca Cola non vende un semplice rinfresco, ma vende la felicità e una vita spensierata. Apple non vende dispositivi tecnologici, ma uno stile di vita esclusivo e la semplicità. Nel frattempo, Louis Vuitton vende esclusività, classe e status.

Comunque, il marketing emozionale non è esclusivamente appannaggio dei grandi marchi, in realtà, si tratta di un'ottima opportunità anche per le piccole e medie imprese. Si ha solo bisogno di stabilire un obiettivo chiaro e conoscere approfonditamente i propri clienti potenziali. Ad esempio, se siete commercialisti, quello che state offrendo non un servizio basato nelle procedure burocratiche, ma la possibilità che il vostro cliente abbia più tempo libero da dedicare alle sue passioni. Se avete un negozio di ortofrutta non state vendendo dei vegetali ma piuttosto uno stile di vita sano che migliora la vitalità dei vostri clienti.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Il marketing emozionale: Cos’è?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons