8 agosto 2014

Immaginare la vendetta: Atteggiamento positivo o negativo?



Immaginate di essere seduti in un angolo appartato di un bar a bere tranquillamente. Improvvisamente una persona si avvicina e vi lancia una serie di insulti. In pochi secondi vi sentite sopraffatti, cercate rapidamente nella vostra memoria dove avete conosciuto questo individuo e perché potrebbe offendervi in questo modo. Per quanto vi sforzate non riuscite a stabilire chi sia e quando state sul punto di rispondergli, la persona si gira e se ne va, lasciandovi senza parole.

Che cosa fareste?

1. Riprendete a bere tranquillamente, come se nulla fosse accaduto, e cancellate l'incidente dalla vostra mente.

2. Continuate a cercare nei vostri ricordi per capire chi era questa persona e pensate a tutte le cose che avreste potuto dirgli per reagire alle offese ricevute.

Se avete scelto la seconda opzione, non vi preoccupate, la maggior parte della gente lo fa, fantasticare con la vendetta è un meccanismo del tutto naturale perché ci permette di alleviare la tensione che ha creato una determinata situazione. Quando pensiamo a quello che avremmo detto o fatto, è come se tutto ciò fosse realmente accaduto, anche se solo a livello mentale; tuttavia, a volte questo è sufficiente per rilassarci e aiutarci a ripristinare il nostro equilibrio.

In realtà, numerosi studi hanno dimostrato che le fantasie di vendetta possono anche avere effetti terapeutici positivi, specialmente se si è stati vittima di violenze e abusi, restituendo alle vittime la sensazione di controllo.

Tuttavia, ci sono persone che pensano che fantasticare in merito alla vendetta sia come giocare una spada a doppio taglio e potrebbe scatenare anche dei sentimenti negativi. Quanto di tutto questo è vero? C'è un lato oscuro dietro a questo tipo di fantasie?

Applicare la giustizia o proteggere: Ecco il dilemma

Alcuni ricercatori hanno reclutato diversi studenti universitari ed hanno mostrato loro tre video clip che erano particolarmente dirompenti o violenti, simulando così l'effetto di un piccolo trauma. Come previsto, la gente era sconvolta e arrabbiata per le violenze che aveva visto.

Poi i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi che sono stati sottoposti a diversi esercizi terapeutici:

1. I primi dovevano immaginare la scena e punire violentemente la persona che aveva commesso i crimini.
2. Il secondo gruppo doveva intervenire, ma in modo non aggressivo.
3. Il terzo gruppo doveva semplicemente trasportare la vittima in un luogo sicuro e tranquillo.

Tutti gli esercizi si sono dimostrati efficaci, ma non nella stessa misura. In effetti, trasferire la vittima in un luogo sicuro è stato l’esercizio che ha permesso di ridurre maggiormente l’ira e l’aggressività nelle persone promuovendo addirittura sentimenti di soddisfazione e felicità.

I ricercatori non si sono fermati a questo punto, ma convocarono di nuovo gli studenti il giorno seguente al fine di valutare i rischi che possono comportare le fantasie di vendetta. A questo proposito, mostrarono loro immagini di personaggi di film famosi che commettevano atti violenti.

Hanno quindi valutato il livello di rabbia e l'aggressività di ogni persona. Così sono stati in grado di riscontrare il fatto che aver nutrito fantasie violente il giorno precedente non li rendeva più aggressivi. Pertanto, questi ricercatori ritengono che immaginare la vendetta non genera comportamenti più aggressivi o maggiore rabbia.

C'è un ma...

Vale la pena ricordare che, mentre fantasticare la vendetta può avere un effetto liberatorio, a questo proposito non si deve esagerare, perché altrimenti è facile sprofondare in una spirale di pensieri negativi nei confronti di un'altra persona, pensieri che non produrranno nulla di positivo e che potrebbero anche esacerbare il nostro dolore e la nostra rabbia.

Quindi, se siete stati vittima di un'aggressione e questo vi ha lasciato il segno, l'opzione migliore è quella di rivolgersi ad uno psicologo. Questi determinerà la strategia più appropriata e, se lo riterrà opportuno vi permetterà di immaginare la vostra vendetta, ma in un ambiente controllato in modo tale che questo esercizio possa davvero aiutarvi a liberare la rabbia e sconfiggere la vostra paura.

Fonte:

Seebauer, L. et. Al. (2013) Is it dangerous to fantasize revenge in Imagery Exercises? An Experimental Study. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry; 45(1):20-25.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Immaginare la vendetta: Atteggiamento positivo o negativo?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons