10 luglio 2014

La Dismnesia: Un’altro disturbo della memoria



Quando pensiamo alla memoria tendiamo a credere che si tratti di una sorta di archivio dove immagazziniamo i ricordi. In un certo senso è così, ma la memoria non è solo un luogo dove si accumulano le informazioni, ma è anche il posto dove queste vengono trasformate. Ovviamente, questo è un processo del tutto normale, ma ci sono anche casi che rasentano il patologico.

- Alomnesia: Quando si richiama un ricordo alterandone il contenuto così che alla base vi è una distorsione o una alterazione nella percezione del ricordo, che non ha necessariamente un contenuto patologico. È l'espressione di contenuti che non hanno nulla a che fare con la realtà, come ad esempio quando una persona ricorda una scena del passato, ma ne altera il contenuto rispetto a ciò che altri hanno detto.

- Paramnesia: Si tratta di una distorsione o errore di memoria prodotto dalla inclusione di dettagli significativi, false emozioni o relazioni spazio-temporali errate. È comune nel delirium tremens.

- Confabulazione: È il riempimento di lacune delle memoria di fissazione con eventi casuali, è un fenomeno che si verifica a livello inconscio, la persona non intende mentire intenzionalmente. Tuttavia, normalmente i fatti irreali scompaiono appena constatati a livello reale.

- Menzogna patologica: La persona crede in ciò che dice, ma la sua bugia ha lo scopo di conquistare la stima degli altri. Si tratta di un disordine caratteristico della Mitomania e della sindrome di Munchausen. A differenza della confabulazione, di solito non ha carattere effimero e include l’intenzione di ingannare gli altri.

- Pseudologia o parafrenia fantastica: Racconto incontrollato di storie inventate o fantastiche che la persona giunge a credere vere, molto comune nell’isteria.

- Criptomnesia: Deja vu (già visto), Jamais vu (mai visto); è l'impressione di aver visto qualcosa o provato una particolare situazione o, al contrario, non avere mai visto o sentito parlare di un evento specifico. È comunemente riscontrabile nei casi di epilessia temporale, attacchi di panico e depersonalizzazione.

- Delirio amnesico o memorie allucinatorie: Rivivere un ricordo del passato come se si trattasse di una esperienza reale. Ci sono due forme: allucinatoria e delirante.

Il falso riconoscimento di persone

Inoltre, tra i disturbi della memoria ne incontriamo alcuni meno comuni, ma altrettanto affascinanti che includono il falso riconoscimento di persone. Di solito sono il prodotto di delusioni, interpretazioni, ispirazioni o percezioni deliranti. Tra questi troviamo:

- Sindrome di Fregoli: Una persona vicina a chi soffre del disturbo è riconosciuta come un’altra, anche se fisicamente è completamente diversa, ma l’interessato gli attribuisce la stessa identità psicologica.

- Sindrome di Capgras: La negazione dell'identità psicologica di uno o più conoscenti, anche se il loro aspetto non è cambiato.

- Intermetamorfosi:  La persona pensa che le persone intorno a lui si scambino le loro caratteristiche fisiche e psicologiche.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La Dismnesia: Un’altro disturbo della memoria
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons