21 luglio 2014

Attacchi d’ansia: Come riconoscerne i sintomi



Gli attacchi d’ansia, meglio noti nel campo della psicologia come attacchi di panico, colpiscono circa il 3% della popolazione mondiale, anche se si stima che l'incidenza sia ancora maggiore dal momento che molte persone non cercano aiuto medico.

Il primo attacco d’ansia può verificarsi in qualsiasi momento e a qualsiasi età, anche se di solito i primi sintomi compaiono durante l’adolescenza o la prima età adulta e quindi diminuiscono in età avanzata. È noto anche che la crisi d’ansia è molto più comune nelle donne che negli uomini.

Una volta che si verifica il primo attacco d’ansia, è probabile che questa esperienza si ripeterà a meno che non prendiamo delle precauzioni. Così si genera un circolo vizioso di paura e di tensione che alimenta l'ansia generando nuovi attacchi. Tuttavia, la buona notizia è che il trattamento per gli attacchi di panico è di solito molto efficace: tra il 70 e il 90% delle persone che si sottopongono a terapia riescono a controllare i sintomi.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che prima ci sottomettiamo al trattamento e migliori saranno i risultati. Pertanto è molto importante imparare a identificare i sintomi degli attacchi d’ansia.

I principali sintomi degli attacchi di panico

- Sudorazione
- Tremore o agitazione
- Mancanza di respiro o difficoltà respiratorie
- Oppressione toracica
- Palpitazioni e aumento della frequenza cardiaca
- Sensazione di soffocamento
- Nausea
- Vertigini, perdita di equilibrio e/o svenimento
- Formicolio o intorpidimento
- Brividi o vampate di calore

Come potete vedere, la maggior parte dei sintomi degli attacchi di panico sono simili a quelli sperimentati durante un attacco di cuore, per questo tante persone hanno paura di essere sul punto di morire. Questo perché durante questi episodi il nostro corpo reagisce producendo gli "ormoni dello stress", che sono quelli che generano tutti questi sintomi.



Come distinguere un attacco di panico da un attacco cardiaco?

Gli attacchi d’ansia sono spesso accompagnati da:

- Sensazioni di irrealtà o di depersonalizzazione; cioè, ci si sente separati dal corpo
- Paura di perdere il controllo

Inoltre, è quasi sempre preceduto da situazioni di forte stress, come la perdita di una persona cara, un progetto di lavoro troppo stressante o un conflitto familiare. In molti casi, la persona avrà anche vissuto precedentemente piccoli episodi che generavano sintomi come nausea, vertigini, mancanza di respiro e palpitazioni.

Un altro fattore chiave di differenziazione è il tempo. I sintomi dell’attacco d’ansia di solito iniziano bruscamente e raggiungono un picco durante i primi 10 minuti poi vanno in remissione. Il dolore per un infarto di solito dura pochi minuti, può svanire e poi tornare. Tuttavia, se si tratta del primo episodio è meglio consultare immediatamente un medico. Questo determinerà se si trattava di un attacco di cuore o un semplice attacco d’ansia.

Infatti, non dobbiamo dimenticare uno studio del Massachusetts General Hospital, secondo il quale le donne in menopausa che avevano avuto un attacco di panico negli ultimi sei mesi correvano un rischio quattro volte maggiore di soffrire d’infarto e tre volte maggiori probabilità di soffrire un accidente cerebrovascolare in un periodo di cinque anni.


Fonti:
Smoller, J. W. et. Al. (2007) Panic attacks and risk of incident cardiovascular events among postmenopausal women in the Women's Health Initiative Observational Study. Archives of General Psychiatry; 64(10):1153-1160. APA (2002) DSM-IV-TR: Manual diagnóstico y estadístico de los trastornos mentales. Barcelona: Masson.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Attacchi d’ansia: Come riconoscerne i sintomi
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons