24 giugno 2014

Tutto ha un prezzo: Il pericolo del presentismo



Negli ultimi decenni, nella nostra società si è generata una mentalità tanto comune quanto pericolosa: il presentismo. La maggior parte delle persone vogliono tutto e subito, non si vuole aspettare.

Anni fa, se si voleva una macchina nuova, si doveva lavorare per qualche tempo, risparmiare del denaro e poi la si acquistava. Lo stesso valeva per le case o le vacanze. In sostanza, la società inviava allora un messaggio molto chiaro: "Se lavori sforzandoti, può essere che un giorno tu riesca ad ottenere ciò che desideri."

Ma improvvisamente tutto è cambiato, il messaggio è diventato un’altro: “Perché aspettare? In questo momento preciso puoi avere tutto quello che vuoi!" E così oggi è possibile ottenere le cose prima di averle conquistate lavorando, grazie ai prestiti, ai mutui e ai debiti, non solo possiamo avere una casa o una macchina anche se non possiamo permetterceli, ma siamo anche in grado di fare una vacanza in un paese esotico o possiamo avere l'ultimo modello di TV o di telefono cellulare.

L'idea che si può avere tutto quello che si vuole subito, prima di avere lottato e lavorato sodo per conquistarlo, ha generato la convinzione che ci sia una scorciatoia per tutto, un modo rapido per ottenere ciò che vogliamo, sforzandoci il meno possibile. Questa mentalità è entrata in quasi tutti gli ambiti della vita, quando ci lamentiamo perché dobbiamo lavorare troppo e non vediamo subito i frutti o quando si abbandona la terapia perché questa no è stata veloce come si sperava.

Purtroppo, ho una brutta notizia per le vittime del presentismo: l'idea di ottenere tutto ciò che si desidera qui e subito, senza sforzo, è solo un'illusione. La verità è che non ci sono scorciatoie facili, quasi tutte le sfere della vita sono difficili da affrontare e questo è il motivo per cui, quando abbiamo raggiunto la vetta, possiamo ammirare in prospettiva ciò che abbiamo realizzato e sentirci soddisfatti.

In effetti, quante volte avete guardato con invidia a uno sportivo, un imprenditore, uno scienziato o un artista famoso pensando che sono stati molto fortunati? In realtà, dietro il successo (che è la sola cosa che noi vediamo) di solito si nascondono mesi e anche anni di duro lavoro, sacrificio, perseveranza e anche molta sofferenza.

Nessun atleta, imprenditore, scienziato o artista, ha ottenuto un riconoscimento mondiale solo perché è stato fortunato. Ovviamente, è sempre importante essere al posto giusto nel momento giusto, ma il duro lavoro e le competenze sono la vera base del successo.

Ad illustrare questa idea interviene una frase di Michael Jordan, che forse conoscete già dato che è molto famosa nei circoli motivazionali: "Ho mancato più di 9000 tiri nella mia carriera. Ho perso quasi 300 partite. 26 volte si sono fidati di me perché facessi quel tiro che potesse risolvere la partita e ho fallito. Ho fallito più e più volte nella mia vita, per questo ho successo". Questo ci dimostra che dietro al successo vi è una lunga strada, spesso piena di errori, delusioni e dubbi.

Una generazione di adulti bambini

Il presentismo e l'idea del tutto e subito, hanno creato una generazione di adulti bambini, persone che vogliono tutto senza fare nulla. La verità è che le grandi cose per le quali combattiamo, quegli obiettivi che vogliamo raggiungere, spesso richiedono duri sacrifici, non possiamo lavorare dodici ore al giorno per sei giorni alla settimana ed essere partecipi della crescita dei nostri figli, dobbiamo decidere per un cosa o l'altra o, dove possibile, adottare una via di mezzo, che è sempre la scelta più sana.

Tuttavia, il lato peggiore del presentismo non sta nell’avere un’idea sbagliata del mondo e di come questo funziona, ma risiede nel fatto che ci rende schiavi delle nostre decisioni, schiavi senza una via di fuga. Quando si è sottoscritto un debito, non si può più cambiare il proprio destino, ci si è legati ad un luogo preciso, intrappolati dalle scelte effettuate in passato. Al contrario, se si è in grado di lavorare per realizzare un obiettivo, si potrà anche cambiare i nostri piani in qualsiasi momento, perché il cammino dipende solo da noi.

Inoltre, per assurdo che possa sembrare, pensare che ci sia una scorciatoia per tutto conduce alla stagnazione, alla paralisi, perché le persone concentrano tutta la loro forza ed energia nella ricerca di una scorciatoia che non esiste, quando in realtà avrebbero potuto utilizzare tali risorse per lavorare sodo al fine di realizzare un progetto valido con il potenziale di avere successo nel lungo termine.

Con questo voglio dire che non esistono formule magiche, che se abbiamo un problema, non esistono maghi o fatine che possano con un colpo di bacchetta magica darci delle soluzioni brillanti e rapide, siamo noi che dobbiamo cercare di risolvere il problema sforzandoci pazientemente. Non ci sono scorciatoie facili che portano alla felicità.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Tutto ha un prezzo: Il pericolo del presentismo
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons