6 giugno 2014

Io sbaglio, tu sbagli, tutti sbagliamo: Come superarlo?



Prima o poi tutti, durante la nostra vita, abbiamo provato la sensazione di avere fallito. In realtà è un sentimento abbastanza comune, soprattutto per coloro che hanno una visione della vita in bianco e nero: o funziona o no, non c'è un via di mezzo.

La verità è che tutti abbiamo fallito, a volte non siamo stati in grado di seguire una dieta, non abbiamo ottenuto il lavoro dei nostri sogni, abbiamo fissato un obiettivo ma non siamo riusciti a completare le attività in modo tale che il progetto rimane incompiuto, ci siamo iscritti a un corso di yoga, ma abbiamo abbandonato dopo la terza sessione... In ogni caso, la sensazione di avere fallito può essere attivata da qualsiasi cosa. Ed è doloroso perché non c’è via di fuga, è come se una coltre di nebbia grigia si alzasse sopra di noi per demotivarci, ci fa entrare in uno stato catatonico.

La cosa peggiore è data dal fatto che quando si fallisce si termina per mettere in discussione il nostro valore. Non si pensa mai che abbiamo sbagliato solo in una sfera della nostra vita, ma si generalizza trasferendo il fallimento alla propria personalità e arrivando a definirci delle persone inutili, senza forza di volontà, senza le necessarie competenze per avere successo nella vita. Ovviamente, questa è una reazione eccessiva, ma in quei momenti in cui cadiamo in preda a sentimenti di frustrazione, non riusciamo a capire che stiamo reagendo in modo spropositato.

Cosa si può fare?

1. Renderci conto che tutti falliamo. Non siamo gli unici ad avere fallito, è successo a tutti. Infatti, gli inventori più importanti di tutti i tempi hanno dovuto fallire molte volte prima di raggiungere l’obiettivo. Errori e fallimenti fanno parte della crescita e noi tutti dobbiamo sperimentarli. Nessuno può dire che tutto gli funziona al primo tentativo, e se lo dice sta mentendo.

2. Prendere distanza dal problema. Se siete emotivamente coinvolti in modo eccessivo, non siete in grado di valutare le cause del fallimento in modo obiettivo. Pertanto, tutto ciò che farete sarà cadere in una spirale di pensieri ripetitivi e recriminatori. Impegnatevi in attività che vi piacciono, create nuovi progetti, fate una pausa. Quando si ritorna sul progetto e lo si vede con occhi nuovi ci si rende conto che la nostra prima reazione è stata esagerata.

3. Ridimensionare il fallimento. Che cosa si può imparare da questo errore? Che cosa hai fatto di sbagliato, dove hai sbagliato? In questo modo sarete pronti per tentare di nuovo e la prossima volta vi andrà meglio. Ricordate che potete trasformare un errore in un successo se saprete imparare dagli errori.

4. Cambiare il metodo. Noi spesso non riusciamo in qualcosa perché lo abbiamo affrontato da un punto di vista sbagliato o semplicemente da un punto di vista che non soddisfa le nostre abilità, obiettivi o modo di essere. Chiedetevi come si può raggiungere questo obiettivo rimanendo voi stessi, rispettando le vostre capacità e risorse.

5. Fate il primo passo. Spesso, dopo il primo fallimento, le persone abbandonano l'intero progetto. Questo accade perché si convincono che non è alla loro portata e terminano per chiuderlo in un cassetto limitando i loro sogni. Pertanto, una volta che sapete in cosa avete sbagliato e avete ridefinito il metodo, non vi paralizzate, prendete coraggio e fate il primo passo di nuovo.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Io sbaglio, tu sbagli, tutti sbagliamo: Come superarlo?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons