30 giugno 2014

Farmaci per la depressione: Vanno usati o no?



La depressione è una delle grandi sfide di questo secolo. Sempre più persone perdono il senso della loro vita e cadono nelle grinfie della tristezza e della disperazione. Secondo i dati forniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, la depressione è attualmente la quarta causa di invalidità a livello mondiale ed entro il 2020 rischia di passare al secondo posto. Oggi, circa 121 milioni di persone soffrono di depressione o di una delle sue varianti.

Nessuna meraviglia quindi che queste persone cerchino aiuto, sia perché si sono rese conto di avere dei problemi ​​o perché un familiare o un amico li ha motivati. Se si recano dal medico di base la cosa più probabile è che lui gli prescriva un antidepressivo. A questo punto le domande sorgono spontanee: Devo prendere le medicine per la depressione? Mi provocheranno degli effetti collaterali? Non c'è altra alternativa?

In primo luogo, è importante sapere che gli antidepressivi, come ogni medicinale, possono causare reazioni avverse, e per questo si consiglia di utilizzarli solo per determinati periodi di tempo. Tuttavia, prima di interrompere il trattamento si consiglia di consultare il proprio medico, in quanto vi è sempre il rischio che i sintomi della depressione si ripresentino o che si possa passare attraverso un periodo di astinenza; che causa vertigini, mal di testa, irritabilità e ansia.

In secondo luogo, è necessario tenere presente che sebbene i farmaci per la depressione di solito agiscono prima della terapia, tuttavia non sono miracolosi e ci vuole un certo periodo di tempo per notare i primi miglioramenti. Inoltre, a volte il medico dovrà sperimentare con diversi composti per trovare quello giusto per voi. Pertanto, si deve avere pazienza.

I principali effetti collaterali degli antidepressivi


In generale, i farmaci antidepressivi non sono meglio o peggio di altri farmaci. In alcune persone causano effetti collaterali e in altre no, le reazioni più comuni sono nausea, vomito, aumento di peso, sonno e problemi sessuali.

Ci sono anche altri effetti collaterali più gravi, ma anche molto meno frequenti, come le crisi epilettiche, i problemi cardiaci, squilibrio della salinità nel sangue o danni al fegato. A volte può apparire quella che è conosciuta come sindrome della serotonina, che comprende tremori, diarrea, febbre, convulsioni e intorpidimento o rigidità muscolare.

Se notate uno qualsiasi di questi sintomi è importante che lo indichiate al vostro medico, così che probabilmente diminuirà la dose o cambierà antidepressivo.

Sono efficaci?

In generale, i farmaci antidepressivi sono efficaci. Il miglioramento si inizia quasi sempre a notare a partire dalla quarta settimana, anche se per alcuni è più veloce. Ovviamente, contare solo sui farmaci per curare la depressione è come eliminare l’erba cattiva senza toglierne le radici. È probabile che questa si ripresenti perché la causa non è stata rimossa, ma si è semplicemente deciso di eliminarne i sintomi.

Per questa ragione è sempre raccomandabile che il trattamento farmacologico venga gestito da uno psicoterapeuta. Con l’aiuto di uno psicologo, la persona impara a gestire meglio le proprie emozioni e quindi a prevenire le recidive. Dobbiamo sempre tenere presente che i nostri pensieri influenzano il nostro umore e che sarebbe di grande aiuto imparare a controllare il flusso delle idee negative.

Come si fa a sapere se si ha bisogno di assumere farmaci antidepressivi?


La verità è che ci sono troppi medici dalla ricetta facile. Cioè, che considerano la depressione come un mero disturbo a livello di neurotrasmettitori che può essere risolto con una pillola. La verità è che la depressione è un disturbo molto più complesso, e la decisione se utilizzare farmaci o meno dipende dallo psichiatra o dallo psicologo, che sono gli specialisti più qualificati nel trattamento di questi disturbi e per valutarne la gravità.

Se andate dal medico e lui vi prescrive un antidepressivo, dovreste comunque informarvi in merito ad altre terapie alternative che hanno minori effetti collaterali. In un modo o nell'altro, prima di assumere gli antidepressivi, dovreste valutare quanto vi sentite davvero male; forse, potete aspettare un poco portando pazienza, potete tentare di resistere più a lungo per permettervi di risolvere il problema con la psicoterapia.

Infine, vorrei sottolineare che questo non è un articolo contro gli antidepressivi, perché purtroppo ci sono molti casi gravi che necessitano di questi farmaci. Lo scopo di questo articolo è quello di fare riflettere quelle persone che scelgono gli antidepressivi come una via "facile" per risolvere i loro problemi quando ci sono altri metodi molto più vantaggiosi nel lungo periodo.
http://www.lulu.com/content/e-book/combattere-la-depressione/16309165

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Farmaci per la depressione: Vanno usati o no?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons