8 maggio 2014

Quando la paura di morire ci impedisce di vivere



Gli esseri umani hanno sempre avuto un rapporto molto speciale con la morte, gravida come è questa di un alone di mistero e incertezza, e non è quindi sorprendente che la maggioranza la tema. Tuttavia, ci sono momenti in cui la paura di morire diventa un'ossessione che non ci lascia vivere; ci sono persone che evitano tutto ciò che riguarda la morte, ma, allo stesso tempo, pensano costantemente a questa.

Separare la razionalità dalla patologia
In generale, il confine tra il razionale e il patologico nei problemi psicologici è abbastanza tenue. A volte basta mettere un poco più di enfasi su ciò che pensiamo, sentiamo o facciamo ogni giorno per cadere nel patologico. Naturalmente, la paura della morte non sfugge a questa realtà.

Direi che tutti, chi più chi meno, sentiamo un poco di paura della morte. Si tratta di qualcosa di abbastanza naturale, dato che questo fenomeno nasconde molta incertezza: possiamo solo immaginare cosa succede in quel momento, ma non ne siamo sicuri al 100%. Tuttavia, la maggior parte di noi è in grado di gestire la paura della morte e non permette che questa interferisca troppo nella quotidianità.

Ad ogni modo, ci sono persone che hanno una tale paura della morte che non riescono a vivere. Queste persone passano la maggior parte del loro tempo preoccupati e ansiosi pensando alla prospettiva della loro morte. Di conseguenza, tendono ad adottare misure estreme per evitare gli incidenti che potrebbero provocarla; sono costantemente attenti alla loro salute e se gli capita di apprendere della morte di una persona cara, la loro angoscia aumenta ancora di più.

A volte arrivano anche ad evitare di svolgere certi compiti o partecipare ad alcuni appuntamenti perché pensano che rappresentino un rischio per la salute. Ovviamente, questo li emargina e, in ultima analisi, impedisce loro di godersi pienamente la vita.

Strategie per affrontare la paura della morte

- Accettare la morte come qualcosa di naturale: Il primo passo per risolvere qualsiasi problema è accettare che esista. Pertanto, non si deve negare la morte, ma va accettata come parte della vita. Ci sono cose che non si possono cambiare e la morte è una di queste. Comunque, si può cambiare il modo in cui la si affronta e soprattutto il modo in cui si vive la nostra vita. Ci si può lasciare consumare lentamente o si può decidere di sfruttare al massimo ogni istante.

- Trovare dei motivi che ci ispirano: Spesso, la paura della morte diventa il preludio alla depressione e la persona comincia a perdere tutte le motivazioni e i desideri che rendono piacevole la vita. Per evitare che ciò accada si deve essere continuamente alla ricerca di attività che ci motivano e ci fanno provare ogni giorno il desiderio di vivere felici. Non pensi che la strategia migliore per evitare la paura della morte sia quella di cercare tutte le scuse possibili per continuare a vivere?

- Quando ci si sente sfiniti si deve cambiare obiettivo: Eliminare la paura della morte non è qualcosa che avviene dalla notte alla mattina, costa tempo e fatica. Nel processo si avranno probabilmente degli alti e bassi, cioè, dei giorni nei quali non ricorderemo nemmeno che esiste la morte e altri nei quali questa idea ci perseguiterà. Nei giorni che ci si sente angosciati dalla paura della morte si deve trovare qualcosa da fare, e se stiamo già facendo qualcosa sarà meglio cambiare attività. L'idea è quella di intrattenere la nostra mente per far scomparire la paura.

- Condividere le paura con una persona di fiducia: Esprimere ciò che sentiamo ci aiuta a sentirci più rilassati e fiduciosi. Pertanto, è opportuno cercare qualcuno con il quale ci si sente a nostro agio per parlargli delle nostre  paure. Così ci si sentirà più tranquilli e l’ansia diminuirà.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Quando la paura di morire ci impedisce di vivere
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons