20 maggio 2014

La salute mentale e la crisi economica



Secondo uno studio presentato al V Congresso della Salute Mentale tenutosi in Catalogna, Spagna, i problemi psicologici che necessitano di cure primarie sono aumentati parecchio dall'inizio della crisi economica. I casi di depressione sono aumentati del 19%, mentre i casi di ansia dell’8,4% ed i problemi causati da abuso di alcol del 4,6%.

Se analizziamo i dati da un punto di vista semplice potremmo concludere che "i soldi danno la felicità", o che questo aumento nei disturbi mentali più comuni sia dovuto all’incertezza e alla paura per ciò che ci riserva il futuro e che non si può controllare.

Ma se andiamo oltre ed esaminiamo le radici del problema ci rendiamo conto che la crisi ha portato un cambiamento nello stile di vita delle persone. Voglio dire, ci eravamo abituati a basare la nostra felicità nei beni materiali; case migliori, auto migliori, le migliori località per le vacanze, e ci siamo così adattati perfettamente alla società del consumismo nella quale si valutano le persone per ciò che hanno o quello che sembrano avere, senza prestare attenzione a ciò che realmente sono. Quando è arrivata la crisi economica non solo abbiamo dovuto cambiare molto nel nostro stile di vita, ma abbiamo anche dovuto cambiare il nostro modo di pensare, abbiamo dovuto imparare di nuovo a basare il nostro benessere e la nostra felicità in altre cose più importanti.

Maslow ebbe già occasione di scrivere dei bisogni umani nel 1943, riassumendo il suo pensiero nella famosa piramide che prende il suo nome:


Il problema è che avevamo basato la nostra auto realizzazione nel denaro e improvvisamente siamo caduti alla base della piramide, dove si trovano casi di persone per le quali non vengono coperte neppure le esigenze più elementari come il cibo. Pertanto, potremmo ripartire dalla base della piramide, cioè imparare di nuovo a provare soddisfazione quando si raggiungono piccoli obiettivi, quando si soddisfano anche solo i bisogni più elementari (cosa a cui non si dava più alcun valore, ma che recentemente si è scoperto averne uno).

Dobbiamo aumentare la consapevolezza del fatto che, allo stato attuale, soddisfare tali esigenze non dipende necessariamente da noi: non c’è lavoro, anche se il nostro impegno per cercarlo è adeguato, non possiamo acquistare una casa anche se abbiamo un lavoro, e non possiamo andare a convivere con il nostro partner o diventare indipendenti perché non disponiamo delle risorse finanziarie sufficienti. Questo ci fa sentire intrappolati in una situazione sulla quale non abbiamo alcun controllo, un fatto che produce in noi frustrazione e apatia.

Tuttavia, anche se non possiamo cambiare la situazione, possiamo cambiare il modo in cui la affrontiamo ed il modo in cui ci influenza. Dobbiamo cambiare il locus di controllo, spostandolo dentro di noi. Dobbiamo essere consapevoli del fatto che il modo in cui affrontiamo una situazione dipende da noi, possiamo passare attraverso uno stato depressivo o un periodo di sofferenza dopo aver perso la fonte della soddisfazione, ma dopo questa fase, dobbiamo anche cercare attivamente delle soluzioni.

La prima domanda che dobbiamo porci è: posso cambiare la situazione? Se il cambiamento è possibile, dobbiamo fare di tutto per concretizzarlo. Se invece è impossibile, perché non dipende da noi, allora dobbiamo cambiare il nostro modo di percepirlo, viverlo ed affrontarlo. Ad esempio, la mancanza di lavoro porta con sé la perdita di autostima e il deterioramento delle relazioni sociali causando spesso problemi di depressione, ansia e dipendenza da alcool e droghe. A sua volta, la depressione si nutre della negatività verso se stessi, verso gli altri e verso il futuro, in modo tale che si entra in un circolo vizioso che peggiora ulteriormente la situazione.

Cosa fare? Liberarsi dalle catene e iniziare a chiedersi perché non fare questo o quello ...? Voglio dire, perché non considerare per esempio di andare a lavorare all'estero? Perché non sforzarsi di imparare un mestiere nuovo? Perché non intraprendere una diversa attività? Ricordate che le circostanze eccezionali richiedono soluzioni eccezionali e che ogni crisi ha sempre una soluzione.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La salute mentale e la crisi economica
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons