15 aprile 2014

Amare sé stessi per amare meglio gli altri


Mi azzarderei a scommettere che il concetto di “amare sé stessi” non vi mai neppure venuto alla mente negli ultimi anni. Questo è normale dato che ogni giorno dobbiamo affrontare così tante attività e situazioni che spesso ci dimentichiamo di noi stessi, relegandoci così in un secondo piano per dedicarci completamente al lavoro e alle persone che amiamo.
 
Nel corso degli anni ho notato che le persone che generalmente soffrono di depressione, ansia e stress sono spesso le più diligenti, laboriose e altruiste. Questo è perfettamente comprensibile, dato che queste persone terminano sempre più degli altri con il sovraccaricarsi di attività che causano loro più stress sia a livello fisico che emotivo.

Amare se stessi non significa essere egoisti

Molte persone pensano che preoccuparsi per la propria salute emotiva significhi essere egoisti. Niente è più lontano dalla verità. Prendersi cura di se stessi vi permetterà di aiutare meglio gli altri. Se ci pensate: come si può essere più produttivi o prendersi cura degli altri se prima non ci si preoccupa per il nostro benessere? Insomma, se non siamo felici e soddisfatti come possiamo trasmettere felicità e soddisfazione a chi ci sta intorno?

Se desideriamo aiutare le persone che abbiamo vicino o pensiamo di coinvolgerci in un importante progetto di lavoro, prima di tutto dovremmo assicurarci di avere l’energia necessaria e le risorse psicologiche per affrontare le esigenze che si presenteranno durante il percorso.

Per prendervi cura di voi, dovete imparare ad ascoltare il vostro corpo e le vostre emozioni. Il nostro corpo ci invia segnali in continuazione per dirci che qualcosa non funziona; dobbiamo solo fare in modo di prestare attenzione. Allo stesso modo, la tristezza, la rabbia o la frustrazione sono segnali emotivi che indicano che c'è un problema di fondo, una questione irrisolta.

Pensate alla vostra salute emotiva e alla necessità di preoccuparvi di voi stessi come se si trattasse del caso della salute di una infermiera. Se l’infermiera ha l'influenza ma continua a lavorare senza prendersi cura di sé finirà per infettare i pazienti con i quali entra in contatto. Pertanto, è sempre opportuno dedicare del tempo per guardare dentro di noi e fare di tutto per risolvere i problemi in sospeso al fine di recuperare le forze.

Imparare a ricevere

Anche se può sembrare un controsenso, a volte le persone che si preoccupano troppo per gli altri soffrono spesso della "Sindrome di Superman", vale a dire, che credono di poter fare qualsiasi cosa. Anche se sono sempre disposti ad aiutare gli altri, gli costa fatica chiedere aiuto e addirittura lo rifiutano quando gli viene offerto. Come si può immaginare, con questo atteggiamento ottengono solo di sovraccaricarsi di attività che termineranno con presentargli il conto.

Tuttavia, per aiutare efficacemente gli altri è necessario imparare anche a ricevere, accettare l’aiuto quando ne abbiamo bisogno e riconoscere la nostra vulnerabilità. Così possiamo metterci nei panni dell’altro e saremo più empatici.

Dare e ricevere aiuto ci rende più umani, ci mette sullo stesso piano e ci avvicina emotivamente gli uni agli altri. Non dimentichiamolo.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Amare sé stessi per amare meglio gli altri
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons