21 novembre 2013

Tecniche per risolvere i conflitti: Affrontare la quotidianità in modo assertivo

A scuola ci insegnano a contare, a comprendere i segreti della fisica e della chimica, ma nessuno ci insegna a relazionarci con gli altri. In questo ambito impariamo con l’esperienza e, sbagliando. Così che a volte non ci comportiamo sempre in modo assertivo come avremmo voluto, soprattutto quando ci lasciamo portare dalle emozioni.

La buona notizia è che esistono tecniche per risolvere i conflitti che possono aiutarci ad essere molto più assertivi e, la cosa interessante è che sono molto semplici da applicare.

- Osservazione neutrale: a volte reagiamo con rabbia perché crediamo che l’altra persona faccia le cose in modo intenzionale. Ad ogni modo, non sempre è così. Così che, per risolvere un conflitto, il primo passo da fere è quello di osservare in maniera neutrale. Per esempio, se il vostro partner o un amico hanno rifiutato gli ultimi inviti ad uscire insieme, invece di recriminargli di non prestarvi attenzione potreste dire loro: “mi sono reso conto che negli ultimi giorni hai rifiutato tutti i miei inviti”. A questo punto, semplicemente aspettate la sua risposta. Magari non tutto è così grigio come pensavate e vi stavate solo  costruendo un castello sul basandovi nel nulla assoluto.

- Sentimento personale: nel caso che l’osservazione neutrale non risolva il conflitto, potete passare alla fase due. Cioè, esprimere come vi sentite. In questo caso non si tratta di recriminare qualcosa all’altra persona facendola sentire in colpa, ma semplicemente di farle giungere i vostri sentimenti. Non assumete il ruolo di vittime e neppure quello di chi reclama, ma limitatevi a informare. Per esempio, potete dire: “Il fatto che non hai accettato i miei inviti mi ha fatto sentire male, mi sono sentito … (rifiutato, triste, solo; potete utilizzare l’aggettivo più adeguato al vostro caso).”

Oltre a queste tecniche basilari è importante che non assaliate l’altro perché in questo caso probabilmente questo reagirà in maniera brusca e aggressiva. L’ideale è che gli chiediate quando dispone di un momento per parlare insieme della situazione che vi preoccupa. Aggiungete, inoltre, che credete che un dialogo aperto non solo potrebbe risolvere il conflitto ma può anche migliorare la capacità di relazionarsi.

Nel momento che vi sedete a parlare, ricordate che l’obiettivo principale non è quello di scoprire chi è la vittima e chi il colpevole, ma piuttosto quello di risolvere il conflitto. Non dobbiamo affrontare la conversazione in termini di chi vince e chi perde.

È importante che il dialogo si centri in:

1. Identificare le ragioni che hanno portato al conflitto

2. Chiedersi reciprocamente scusa
3. Concepire e implementare soluzioni che risolvano il conflitto e che impediscano che si ripresenti in futuro

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Tecniche per risolvere i conflitti: Affrontare la quotidianità in modo assertivo
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons