17 ottobre 2013

La Psicologia Inversa: “Non leggere questo articolo!”

Probabilmente avrete avuto occasione di sentire nominare almeno una volta la Psicologia Inversa, e vi sarete chiesti se sia realmente possibile ottenere che le persone facciano qualcosa chiedendo loro di fare esattamente il contrario. Può sembrare un poco assurdo ma è così.

In teoria, quando le persone sentono che qualcosa o qualcuno sta limitando la loro libertà, sviluppano un sentimento di ribellione, e questo implica andare in controtendenza rispetto alle norme prestabilite. Così, senza rendersi conto, restringono esse stesse il loro ventaglio di opportunità, dato che terranno in considerazione solo le decisioni ed i comportamenti che siano radicalmente opposti alla norma coercitiva. Questo accade perché avviene un cambiamento a livello di percezione. Cioè, sottovalutiamo i comportamenti permessi e sopravvalutiamo quelli proibiti.

Per illustrarlo con un esempio molto semplice basta risalire alla nostra infanzia e ricordare quanto ci intrigavano i programmi proibiti ai minori. L’idea alla base era che quando ci dicono che non possiamo fare o avere qualcosa, questo risveglia tre diverse risposte:

1. Aumenta il desiderio

2. Ci ribelliamo per difendere la nostra libertà

3. Ci sentiamo irritati dalla persona che limita la nostra libertà

Insomma, reagiamo come adolescenti.

Un concetto esplicativo: La reattanza psicologica

La reattanza psicologica è un’attivazione motivazionale che conduce la persona a tentare di restaurare la sua libertà d’azione. Ovviamente, si manifesta quando la persona sente che la sua libertà è minacciata.

Hammock e Brehm, hanno realizzato una serie di esperimenti relativi a questo fenomeno e hanno scoperto che quando perdiamo l’opportunità di ottenere qualcosa che prima potevamo conseguire, o quando riceviamo qualcosa che non abbiamo scelto, il nostro interesse per l’oggetto in se aumenta in modo superlativo.

In uno degli esperimenti venne chiesto ad un gruppo di bambini di mettere in ordine alcune caramelle secondo le loro preferenze. Alla metà di loro venne detto che alla fine potevano scegliere tra due tipi di queste e all’altra metà che avrebbero ricevuto in regalo una caramella scelta dal ricercatore.

Dopo che i bambini avevano organizzato le loro caramelle, venne loro data la possibilità di scegliere tra quella che avevano posizionato al terzo e quarto posto. La parte curiosa fu data dal fatto che il gruppo nel quale il ricercatore decise per loro, regalando la terza caramella, tornando a riordinare le caramelle secondo la loro preferenza, scelsero la caramella eliminata e sottovalutarono quella che gli fu precedentemente offerta.

Quando la Psicologia Inversa è realmente efficace?

Ovviamente, la Psicologia Inversa funziona meglio con le persone che tendono ad avere problemi nell’accettare l’autorità e non risulta molto efficace con coloro che normalmente accettano le norme.

Ad ogni modo, anche se sono stati realizzati vari studi relativi alla Psicologia Inversa, certo è che non si sono tuttavia ottenute prove conclusive che possano dimostrare quanto questi metodi siano davvero efficaci. Ma anche così, possiamo comunque determinare alcuni fattori che aumentano la reattanza psicologica:

1. L’aspettativa di libertà: quanto più libera si sente la persona più aumenterà la sua reattanza psicologica

2. La forza della minaccia: quanto più forte sarà la minaccia percepita tanto più aumenterà la reattanza psicologica

3. L’importanza che si da alla libertà e l’implicazione con altre libertà. In questo caso, mentre più significativo è il concetto di libertà tanto più influirà sulla restrizione nei vari livelli della nostra azione, e tanto più aumenterà la reattanza psicologica.

4. La legittimità della minaccia: se la minaccia procede da una fonte autoritaria molto importante, la reattanza sarà minore dato che normalmente si accettano con più facilità le leggi imposte da persone che ostentano uno status superiore al nostro.

Fonte:
Hammock, T. & Brehm, J. W. (1966) The attractiveness of choice alternatives when freedom to choose is eliminated by a social agent. Journal of Personality; 34(4): 546-554.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La Psicologia Inversa: “Non leggere questo articolo!”
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons