9 agosto 2013

Il passato: le scuse che ci mantengono legati

Ogni giorno, anche se non ce ne rendiamo conto, migliaia di piccoli fili invisibili ci mantengono legati al passato. Questi legami spesso si trasformano in un pesante fardello che ci impedisce di continuare sul nostro cammino, ci fanno consumare delle energie e ci mantengono legati ad una realtà che non ci appartiene più.

Per questo motivo, anche se ci proponiamo innumerevoli mete, riusciremo a raggiungerne ben poche. Avremo sempre una buona scusa per non uscire mai dal circolo di fiducia che abbiamo creato intorno a noi. Il primo passo per crescere è quello di scoprire qual è la scusa che utilizziamo. Una volta smascherata sarà difficile che la stessa continui a trattenerci.

1. “Prima di iniziare devo avere un progetto”. Ci è stato insegnato che qualsiasi obiettivo deve essere ben pianificato. Certo è che pianificare dettagliatamente è importante, ma non è imprescindibile. A volte basta lanciarsi con un atteggiamento positivo e i passi si vanno mostrando durante il percorso.

2. “Adesso non mi sento in forma, devo aspettare quando mi sentirò meglio”. Non pensare a come ti senti ora ma piuttosto a come starai una volta realizzati i tuoi obiettivi. Insomma, molte persone pensano di essere così grasse, inesperte e complicate … che non potranno mai intraprendere un nuovo progetto. E forse questo è vero, ma in ogni caso non è mai una buona scusa per evitare il cambiamento. Se affronti il cambiamento senza grandi aspettative, ma solo per il piacere di divertirti o intraprendere una nuova avventura, vedrai che ritroverai il tempo, le forze e le capacità perse.

3. “Non so come farlo, non l’ho mai fatto”. Può essere che non hai mai cucinato prima, scritto un libro o giocato a calcio, ma questa non è mai una buona scusa per non imparare ora. Il fatto di non avere fatto qualcosa prima rappresenta solo una nuova opportunità per imparare ad aprirsi a nuove esperienze. Non è meraviglioso che a 40 o 50 anni possiamo ancora scoprire di avere delle nuove passioni?

4. “Gli altri rideranno di me”. Forse alcuni lo faranno, ma … a chi importa? Senza dubbio non possiamo subordinare i nostri obiettivi alle opinioni di persone che si burlano delle capacità altrui. Dobbiamo imparare a discernere tra le opinioni che realmente sono utili e quelle che non lo sono.

5. “Non riuscirò ad essere sufficientemente perseverante”. Fino a che non cominci non saprai mai se realmente ti sentirai coinvolto nel progetto. Quante volte hai pensato che un gioco o un hobby fossero stupidi per poi finire con appassionarti e non poterne più fare a meno?

La soluzione per disfarsi di tutte queste scuse è solo una: buttati! Non aspettare domani, semplicemente inizia oggi a fare i passi giusti per trasformare i tuoi sogni in realtà. Naturalmente, il cammino non sarà facile, ma se non inizi non potrai mai sapere cosa ti attende.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Il passato: le scuse che ci mantengono legati
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons