29 agosto 2013

I politici: Quanto il loro aspetto incide sul voto?

Probabilmente uno dei dibattiti per le presidenziali USA tra i più famosi e commentati della storia, è quello che si è svolto tra Richard Nixon e John F.Kennedy. Tutti coloro che lo videro in televisione affermavano che il volto stanco che mostrava una barba lunga di Nixon, non ispirava fiducia, mentre che l’immagine abbronzata e rilassata di Kennedy era proprio ciò che desideravano gli americani in quell’occasione.

Ad ogni modo, chi seguì il dibattito per radio, si mostrò decisamente a favore di Nixon. A questo punto è logico chiederci: L’apparenza dei politici determina il nostro voto? Forse, dopo tutto, non votiamo solo per un’idea ma anche per un’immagine.

Certo è che alcune ricerche suggeriscono che in realtà è possibile che l’immagine dei candidati influisca nelle nostre decisioni. In uno studio realizzato da ricercatori dell’Università della California, Irvine, venne chiesto a 140 volontari di esaminare i candidati al Congresso di tre distretti vicini. Ai partecipanti vennero mostrati due volantini che contenevano informazioni dei rispettivi candidati, si inclusero le affiliazioni politiche e le posizioni su alcuni temi importanti. Ogni volantino mostrava anche una foto del candidato.

Il trucco consisteva nel fatto che nello stesso dossier si mostravano due foto diverse, una più attraente e l’altra meno bella. Così, si è potuto riscontrare che le persone tendevano a votare per i candidati che gli risultavano più attraenti. In termini statistici, quando si mostrava una foto attraente il candidato poteva ottenere anche il 60% dei voti mentre che se la foto mostrava un volto trascurato, si otteneva il 40%.

I ricercatori andarono oltre e confrontarono i risultati ottenuti da ognuno dei candidati. A questo proposito venne chiesto ai partecipanti quali parti del volto dei candidati gli risultava più convincente. Allora si riscontrò una coerenza in quasi tutte le risposte e indipendentemente dal gruppo etnico di appartenenza: gli occhi mostravano sincerità (in termini grafici significa che la curvatura nella parte superiore era maggiore rispetto a quella inferiore), i capelli corti e pettinati di lato o all’indietro, un volto ampio e arrotondato e, naturalmente, un sorriso.

Senza indugi, gli esperti grafici armati di Photoshop, seguirono queste linee guida cambiando le foto. Si coinvolse quindi un  secondo gruppo di volontari ignari e si confrontarono i risultati ottenuti dalle foto naturali dei candidati rispetto alle foto truccate. Si riscontrò che i candidati reali ottenevano una media di voti del 44% mentre che le foto manipolate si votavano nel 56% dei casi. Niente male per un piccolo ritocco di Photoshop!

Ovviamente, questi risultati non indicano che votiamo per il candidato più attraente ma piuttosto che, a parità di condizioni, sarà in vantaggio chi abbia dei tratti facciali che, secondo la nostra percezione, ispirino fiducia e responsabilità.

Fonte:
Rosenberg, S. W. et. Al. (1991) Creating a political image: Shaping appearance and manipulating the vote. Political Behavior; 13(4): 345-367.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I politici: Quanto il loro aspetto incide sul voto?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons