5 giugno 2013

Perdita di desiderio sessuale: la soluzione?

Il primo disturbo che porta a rivolgersi al sessuologo non è già più l’anorgasmia o l’eiaculazione precoce o la disfunzione erettile (impotenza) ma piuttosto il desiderio sessuale ipoattivo (mancanza di desiderio sessuale). Il ritmo di vita al quale ci costringe l’attuale società  dei consumi non fa che aumentare il livello di stress e si converte in un fattore ulteriore che contribuisce allo sviluppo di quadri depressivi e ansia. Se a questo si aggiunge che oggi come oggi il tempo da passare con il proprio partner è sempre meno, allora non è difficile capire quali siano i fattori principali che causano questa ondata di perdita del desiderio sessuale.

Inoltre, quando inizia a sperimentare i primi sintomi la maggior parte delle persone tende a non darvi importanza così che quando ci si rivolge al sessuologo il desiderio sessuale risulta già assopito da mesi o addirittura anni tanto che diventa molto difficile ravvivare l’antica passione.

Il desiderio sessuale è un’emozione che ci prepara positivamente a gustarci in modo piacevole il rapporto sessuale. A questo punto è necessario fare una disquisizione: non dobbiamo cadere nell’errore di confondere il desiderio sessuale con l’eccitamento. L’eccitazione sessuale è una risposta fisiologica che implica manifestazioni fisiche come la lubrificazione intima nelle donne e l’erezione nell’uomo. In altre parole, il desiderio sessuale è l’impulso che ci conduce alla ricerca del piacere mentre l’eccitazione è una risposta ad uno stimolo fisico o visivo.

Normalmente il desiderio e l’eccitazione sessuale vanno insieme ma non sempre è così; è possibile sperimentare il desiderio e non l’eccitamento o sentirsi eccitati senza provare un desiderio molto forte. Per esempio, gli uomini che soffrono di disfunzione erettile (impotenza) tendono a provare desiderio sessuale ma non sperimentano l’eccitamento che gli permette di avere un’erezione.

Così, quando si parla di desiderio sessuale ipoattivo ci si riferisce alla mancanza di desiderio di iniziare il coito anche se eccitamento e risposta sessuale possono risultare perfettamente normali.

Cause del desiderio sessuale ipoattivo

Tra i fattori che portano alla diminuzione del desiderio sessuale i più comuni sono la bassa autostima ed i sentimenti di colpa. Nello stesso tempo, in queste categorie possiamo trovare:

- Le paure. Le più comuni sono la paura di fallire durante il rapporto sessuale, la paura di essere ridicoli, paura di una gravidanza e/o di contrarre una malattia venerea. Queste paure possono essere coscienti o inconsce.

- Stress e ansia. I problemi quotidiani favoriscono la tensione. In questi casi le persone tendono a sviluppare una forma di pensiero di tipo rumiativo che gli impedisce di rilassarsi e provare desiderio sessuale.

- Pregiudizi e tabù. Le credenze religiose errate in merito alla sessualità e le proibizioni oltre ai pregiudizi sviluppati in ambito culturale, sono altre cause che contribuiscono ad inibire il gioco erotico ed il desiderio sessuale.

- Problemi di comunicazione. Quando non si vive una relazione aperta nella quale si può parlare dei nostri desideri e preferenze sessuali, a lungo andare si termina con minare il desiderio di iniziare una relazione sessuale.

Naturalmente, oltre a questi fattori di carattere psicologico possono esisterne anche altri di tipo chimico o fisiologico, come per esempio l’impiego di alcuni farmaci che inibiscono il desiderio; ansiolitici, antidepressivi e farmaci contro l’ipertensione. Per alcuni, i cambiamenti a livello ormonale che si producono durante la menopausa o l’andropausa possono anch'essi contribuire ad inibire il desiderio.

Un altro fattore che interviene spesso a causare la perdita del desiderio sessuale è la mancanza di creatività e fantasia nella relazione, soprattutto quando questa dura da moltissimi anni. Mantenere una routine da seguire ad oltranza durante il rapporto sessuale risulta essere la forma più sicura di uccidere il desiderio sessuale. A tutti noi piace imparare cose nuove e sperimentare, e nella sessualità avviene lo stesso.

Per quanto riguarda i due sessi, si può affermare che statisticamente la mancanza di desiderio sessuale si riscontra maggiormente tra le donne. I fattori che contribuiscono ad aumentare questa prevalenza nella popolazione femminile sono diversi ma tra questi spiccano: l’educazione tradizionale e religiosa e il peso dei ruoli.

La soluzione?

La perdita di desiderio sessuale è un problema che ha una soluzione ma, prima avviene la diagnosi e meglio è. Infatti, nella donna questo problema tende a divenire cronico se non viene affrontato per tempo. Al contrario, negli uomini, generalmente, questo stato è transitorio, essendo spesso causato da situazioni precise così che quando scompaiono tutto torna normale.


La mancanza di desiderio sessuale si combatte innanzitutto riconoscendo la sua esistenza e tentando di analizzare quali sono le cause dello stesso. Una volta stabilite le cause, è necessario parlare con il proprio partner per trovare una soluzione insieme.



CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Perdita di desiderio sessuale: la soluzione?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons