9 maggio 2013

I sogni sono a colori o in bianco e nero?


Probabilmente non vi sarete mai chiesti se sogniamo a colori o in bianco e nero, ma comunque la risposta è che la maggior parte delle persone sogna a colori. Ma non tutti.

Nel 1915 si riportava che solo il 20% dei sogni erano a colori, nel 1942 circe il 29%, durante gli anni 50 si ridusse al 15%. Questa tendenza scomparse durante gli anni 60, quando si riportava che circa il 82,7% dei sogni è a colori.

Questa anomalia ha due possibili spiegazioni:

La prima è di ordine metodologico: anticamente si utilizzavano questionari che non permettevano di sfruttare al massimo i ricordi delle persone relativamente ai loro sogni così che, potevano riferire di ricordi imprecisi e contaminati. Ad ogni modo, oggi il sonno si studia mediante i diari dei sogni o il conosciuto “risveglio REM”; cioè, si interrompe il sonno della persona per chiederle in-situ in merito al contenuto dei sogni. Così i ricordi sono più freschi e meno contaminati.

La seconda spiegazione ha a che vedere con l’irruzione della televisione in bianco e nero. Così è molto probabile che questo nuovo fenomeno abbia suggestionato le persone facendogli confondere i loro sogni con le sequenze viste alla TV. Seguendo questa ipotesi, tutto ci condurrebbe ad affermare che in passato le persone sognavano in bianco e nero, ma oggi la maggioranza sogna a colori.

Secondo un nuovo studio realizzato dall’Università di Dundee, l’esposizione all’influenza dei mezzi di comunicazione sarebbe la spiegazione più convincente. Questi ricercatori studiarono i sogni di 30 persone in età avanzata (media di 64 anni) e di 30 persone giovani (media di 21 anni), utilizzando tanto i questionari come il “risveglio REM”. Quali furono i risultati?

Il 22% degli anziani riportarono sogni in bianco e nero mentre che i giovani lo fecero solo nel 4% dei casi. Un'altra scoperta interessante fu che gli anziani riportarono che i sogni in bianco e nero erano così reali tanto quelli a colori, mentre che i giovani li consideravano molto poveri. Questo fa pensare che i giovani non avessero realmente sognato in bianco e nero ma piuttosto che conservassero solo un ricordo povero e vago dei sogni a colori.

Naturalmente questo studio lascia aperte ancora molte porte: perché gli anziani continuano a sognare in bianco e nero dopo avere visto la TV a colori per molti anni? Sarà stato così forte l’impatto ricevuto con la visione dei primi programmi in bianco e nero che questi hanno lasciato il loro marchio indelebile?


Fonte:
Murzyn, E. (2008) Do we only dream in color? A comparison of reported dream color in younger and older adults with different experiences of black and white media. Consciousness and Cognition; 17(4): 1228-37.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I sogni sono a colori o in bianco e nero?
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

1 commmenti

Ma il motivo per cui i sogni in bianco e nero dei giovani sono molto poveri non potrebbe derivare dal fatto che gli unici media in bianco e nero a cui sono esposti i giovani (non tutti) sono i fumetti? Mentre i sogni in bianco e nero degli anziani sono in "formato" film.

P.S. so che in alcuni paesi i fumetti sono a colori, ma i manga, ormai diffusi in tutto il mondo, sono sempre in bianco e nero, e tra l'altro spesso sono disegnati con uno stile non realistico, il che spiegherebbe perché i giovani considerino questi sogni meno reali rispetto agli anziani.

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons