10 maggio 2013

I benefici dell’ottimismo


Indipendentemente da tutte le guerre e le pandemie, le crisi finanziarie a livello mondiale e tutti i disastri che possiamo immaginare, le persone continuano ad essere ottimiste. Alcuni psicologi diretti da Gallagher, professore dell’Università del Kansas, si proposero il compito di provare questa ipotesi, e con tal fine intervistarono oltre 150 mila adulti di 140 paesi diversi.

Secondo i dati ottenuti, il 85% delle persone intervistate si aspetta che i prossimi cinque anni siano così buoni come i precedenti mentre che il 95% si attende che siano addirittura migliori.

Dove sono stati riscontrati i livelli più alti di ottimismo? In Irlanda, Brasile, Danimarca e Nuova Zelanda. Dove quelli più bassi? In Zimbabwe, Egitto, Haiti e Bulgaria. Gli Stati Uniti si situano al decimo posto. Forse una delle cose che più spingono gli esseri umani a lottare, indipendentemente dalla religione o dalla cultura di appartenenza, è la speranza in un futuro migliore.

Fortunatamente, questa tendenza ottimista è buona per la salute. Un altro esperimento sviluppato da specialisti della Clinica Mayo di New York, ha seguito un totale di 839 persone durante un periodo di 30 anni e ha concluso che gli ottimisti vivono circa il 19% più a lungo dei pessimisti. Ma gli effetti positivi del’ottimismo non terminano qui.

Il dottor Mark Albion nel suo libro “Vivere e guadagnarsi la vita” segnala alcuni aspetti interessanti dell’ottimismo. Albion ha realizzato uno studio che ha coinvolto 1.500 professionisti laureati in economia e commercio, che furono seguiti tra il 1960 e il 1980.

Dall’inizio i laureati venivano raggruppati in due categorie. La categoria A includeva quelli che affermavano di dovere guadagnare molto denaro subito per potere fare della loro vita ciò che volevano. La categoria B raggruppava quelli che preferivano prima fare ciò che piaceva loro, sicuri e fiduciosi che il denaro sarebbe arrivato prima o poi (questa categoria era profondamente ottimista e aveva fiducia nel futuro). Dei 1.500 laureati inclusi nello studio il 83% apparteneva alla prima categoria, cioè le persone che volevano i soldi subito. La categoria B, quelli più ottimisti, raggruppava solo il 17% dei laureati.

Dopo 20 anni da quando si iniziò a monitorarli, il 17% di coloro che erano più ottimisti risultava più sano, allegro e soddisfatto, e aveva un atteggiamento migliore verso la vita. Inoltre tra i 1.500 professionisti, dopo vent’anni, si riscontravano solo 101 persone che avevano raggiunto un altissimo livello di prosperità economica e successo sociale. Il lato interessante sta in che solo uno di questi si trovava nella categoria A, quelli tendenzialmente pessimisti che volevano subito molto denaro, mentre che i restanti 100 erano nella categoria B, gli ottimisti.

Infine, un altro studio realizzato dalla stessa Università del Kansas, ha anche questo dimostrato i benefici dell’ottimismo mettendo in evidenza come il rendimento accademico di uno studente dipende più dalla sua attitudine che dal quoziente intellettivo. Questi ricercatori affermano che i migliori risultati accademici li ottengono gli alunni con una attitudine ottimistica e positiva, non coloro che ottengono buoni risultati nei test che misurano il quoziente intellettuale.

Probabilmente nessuno ha saputo sintetizzare meglio i benefici dell’ottimismo che il vecchio statista inglese Winston Churchill quando disse che “l’ottimista vede l’opportunità in ogni calamità mentre che il pessimista vede una calamità in ogni opportunità”.


Fonti:
University of Kansas (2009) People by nature are universally optimistic. Study shows. En: Science Daily. Toshihiko , M. D. et. Al. (2002) Optimism-Pessimism Assessed in the 1960s and Self-reported Health Status 30 Years Later. Mayo Clinic Proceedings; 77(8): 748-753.
Albion, M. (2002) Vivir y ganarse la vida. Barcelona: Amat.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I benefici dell’ottimismo
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons