12 marzo 2013

Metodo Vittoz: gli esercizi



Nel post precedente ho fatto riferimento alla storia del Metodo Vittoz e alle sue basi. Questa volta ci concentreremo esclusivamente su alcuni degli esercizi, dato che ne comprende moltissimi, infatti ne esistono di specifici per le diverse patologie.

In ogni caso gli esercizi che vi presento qui di seguito sono in ordine logico, ed ognuno di questi ci prepara per il seguente, così che vi raccomando di passare al prossimo solo una volta che abbiate superato con successo l’esercizio precedente.

Esercizio delle sensazioni

Si inizia con un esercizio di rilassamento psico-sensoriale, che si svilupperà in tre tempi.

Nel primo, si invita la persona (che può essere sdraiata o seduta), a prendere coscienza del suo copro, mediante le sensazioni. Si inizia con le sensazioni più profonde che permettono di percepire e localizzare le diverse parti del corpo come la testa, le braccia, le gambe…
In seguito, ci concentreremo sulle sensazioni che vengono dall’esterno: i rumori, i colori, la consistenza di un tessuto, gli odori, la freschezza dell’aria. L’insieme di queste sensazioni, interne ed esterne, ci trasmette la consapevolezza dell’io corporale e, di conseguenza, ci permette di affermarlo nella sua realtà materiale (un aspetto essenziale per chiunque dubiti di se stesso).

In un secondo tempo si chiede alla persona che si rilassi e faccia sparire la contrazione muscolare. L’ideale sarebbe applicare il rilassamento muscolare progressivo, così da permettere al sistema nervoso periferico di riposarsi, e quindi facilitare la tappa seguente dell’esercizio: la presa di coscienza delle sensazioni.

Ora si suggerisce alla persona che prenda la decisione di “non pensare”. Con questa attitudine mentale il cervello sarà maggiormente libero di percepire liberamente le sensazioni: per rendere più facile l’esercizio si propone di concentrarsi progressivamente sulle diverse parti del corpo dicendo: “senti la pianta del piede, l’addome, il palmo della mano, il polso…”

La sensazione del corpo polarizza così tutta l’attenzione del cervello e preserva il campo della consapevolezza dalle intrusioni associative. In questo modo, si stabilisce il condizionamento della detenzione delle associazioni di idee: è il controllo cerebrale in azione.

Esercizio del Pendolo

Con questo esercizio si potenzia la concentrazione su di un’immagine mentale.

Nel primo esercizio si trattava di percepire una sensazione tattile così che entrano in gioco un insieme di sensazioni visive. Si propone alla persona che immagini un antico orologio a pendolo. Questa sensazione visiva è complessa così che è importante semplificarla. Il pendolo si presenta solo, nitido, con due parti, l’asse e il disco; con due colori, grigio e giallo; animato da un movimento oscillatorio, lento e regolare. In questo modo il cervello non associa ma piuttosto percepisce l’immagine.

Si deve mantenere l’immagine del pendolo per almeno 10 minuti. Questo esercizio è molto semplice ma risulta molto utile alle persone che soffrono d’ansia.

Esercizio delle Azioni Consapevoli

Questo esercizio è utile per apprendere a controllare le azioni, così che è ideale per le persone violente e aggressive.

Durante l’azione consapevole, il cervello deve permanere unicamente ricettivo; la sua funzione consiste nel registrare in modo preciso l’atto che viene eseguito; il cervello deve percepire l’atto ma non pensarlo…

Con questo esercizio dovremo aprirci all’esperienza ma non con occhi critici alla ricerca dei dettagli ma piuttosto come se desiderassimo assorbire ciò che ci circonda. Si deve raggiungere uno stato di abbandono nel quale sentiamo e percepiamo l’ambiente ma senza analizzarlo.

Si tratta di sviluppare un tipo di attenzione non forzata nella quale si percepisce ogni dettaglio ma questi non si trasformano in una sovraccarica cognitiva. Raggiungere questo stato può necessitare mesi, dato che non esistono passi strutturati, ma piuttosto si tratta di comprendere il concetto e andare sviluppando poco a poco questa attitudine nei confronti del mondo.

Esercizio del Cammino Consapevole

Come dice il suo nome, questo esercizio prevede semplicemente che si cammini in modo consapevole, percependo prima il piede destro e quindi il sinistro, percependo tutto il movimento del piede mentre questo appoggia al suolo. In seguito si estende l’attenzione alle gambe e in seguito al movimento delle braccia.

Questo semplice esercizio offre una straordinaria sensazione di calma e di equilibrio che si propaga per tutto il corpo.

Naturalmente, camminare in modo consapevole è qualcosa che si può fare in qualsiasi momento.

Esercizio dei Grafismi

Si tratta di un esercizio semplice che porta a concentrarsi su delle figure.

Consiste nel fare, a livello di immaginazione con l’aiuto di una lavagna, i disegni proposti, che vanno aumentando in complessità.

Come esempio, il numero 8, o meglio, il simbolo dell’infinito, un triangolo, tra quadrati concentrici, la stella di David, il numero 1…Sarebbe importante che tutta l’attenzione sia concentrata sui disegni.

Per prima cosa si deve eseguire il disegno, quindi si deve osservare per alcuni secondi, e finalmente  cancellare tutto senza pensare ad altro. L’esercizio dei grafismi insegna al cervello ad essere presente il tempo necessario e prolunga così la concentrazione rafforzando l’attenzione.

Eliminare per Controllare

Dopo avere esteso il controllo cerebrale al dominio delle sensazioni e delle azioni apprendendo a vivere nel presente, è necessario andare oltre. Si deve apprendere come neutralizzare e cancellare un pensiero dato che questa è la chiave per mantenere il controllo e l’equilibrio.

Prima di tutto la persona dovrà scegliere dai 3 ai 5 oggetti diversi e dovrà collocarli l’uno vicino all’altro su di un foglio di carta bianco. Dopo aver messo a fuoco gli oggetti che ha davanti, ne elimina uno e lo mette da parte. In questo momento dovrà chiudere gli occhi e rendersi conto se effettivamente, a livello mentale, ha eliminato l’oggetto in questione.

A seguire si farà scomparire un secondo ed un terzo oggetto e così via , fino a che tutti gli oggetti siano stati eliminati. Se l’operazione risulta ben fatta si avrà in mente solo l’immagine di un foglio di carta bianca senza nessun oggetto.

A continuazione si ripete l’esercizio solo che questa volta in modo mentale utilizzando solo tre cifre. Appena si ottiene di eliminare nitidamente le cifre, si dovrà passare alle lettere, quindi alle parole e infine alle frasi. A questo punto, la parola dovrà venire cancellata lettera per lettera e quindi intera, così come la frase.

Per terminare l’apprendimento, si può applicare questa tecnica all’eliminazione di parole e frasi che esprimono idee negative.

Scrivendo ed eliminando si esprime l’affermazione della volontà di non voler soffrire passivamente così che si sviluppa una dinamica interiore differente di fronte alla vita.

L’eliminazione ci permette di liberarci dai ricordi conservati nella nostra memoria ed è una tecnica ideale per combattere l’insonnia causata dai pensieri ricorrenti.

Ulteriori informazioni: Il Metodo Vittoz

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Metodo Vittoz: gli esercizi
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons