21 gennaio 2013

La paura del compromesso


Mi azzarderei a dire che, almeno una volta nella nostra vita, abbiamo tutti avuto paura a comprometterci. Prima del matrimonio, di firmare un qualsiasi contratto o di chiedere un mutuo. In un certo modo questo sentimento di apprensione è normale dato che percepiamo che, in un modo o nell'altro  stiamo limitando la nostra libertà. Ed è proprio così! Normalmente quando ci compromettiamo con qualcosa o qualcuno, stiamo limitando la nostra libertà in alcuni aspetti, ma i benefici (materiali nel caso di un posto di lavoro o emotivi nel caso del rapporto di coppia) valgono sicuramente la pena.

Inoltre, il compromesso indica quasi sempre che stiamo andando un poco oltre il circolo ristretto delle comodità e delle abitudini nel quale ci siamo adagiati. Il compromesso implica quasi sempre un cambiamento e tutti sentiamo una certa resistenza ad ogni tipo di cambiamento. Tuttavia, esistono persone che vanno oltre il normale timore giungendo a provare una vera e propria “fobia per il compromesso”.

Questa paura giunge a trasformarsi in un’attitudine per affrontare la vita, convertendoci in una persona che sfugge sempre alle sue responsabilità e ha il terrore di compromettersi, tanto per una causa sociale che in un rapporto di coppia. In una certa misura, questo tipo di attitudine sospettosa e conservatrice, è determinata da un’educazione troppo protettiva e permissiva. Quando la persona è cresciuta approfittando sempre di una sensazione di benessere quasi permanente in cambio di nulla e con ben poche restrizioni e obbligazioni, è molto probabile che desideri mantenere questo stato di cose anche nell’età adulta.

Per questo motivo molti giovani oggi provano una forte paura a compromettersi e spesso non desiderano divenire responsabili della propria autonomia, sia fisica che economica ed emotiva. Indubbiamente, è molto più comodo che altri assumano questa responsabilità per loro piuttosto che prendere in mano le briglie della propria vita, sbagliare e quindi pagare per i propri errori.

Dietro alla paura del compromesso si nasconde essenzialmente un vuoto tra le esigenze dell’ambiente circostante e le risorse psicologiche della persona. Come dire, la persona che non desidera compromettersi vive la situazione come se fosse più grande di lei e non sa come affrontarla. Infine, sceglie la situazione più semplice: tornare nel suo comodo ambiente.

Chi teme il compromesso è essenzialmente una persona insicura, che non confida nelle proprie capacità o che neppure le conosce. Naturalmente, quando per tutta la vita c’è sempre stato qualcuno che ha risolto i problemi per noi, non siamo neppure in grado di percepire se sapremo risolvere una determinata situazione complicata.

Un’altra peculiarità psicologica che caratterizza la persona che non desidera compromettersi è la mancanza di iniziativa e di coraggio. Tutti abbiamo paura di fronte al cambiamento, a comprometterci con alcune situazioni, e dubitiamo delle nostre potenzialità, ma alla fine riusciamo a vincere queste barriere. Tuttavia, chi ha paura a compromettersi non è capace di lanciarsi in questa nuova avventura e preferisce restare nell’ambiente che già conosce bene.

La combinazione tra: paura del cambiamento, del fallimento, dell’insicurezza relativa alle potenzialità personali, la scarsa conoscenza di se stessi e un atteggiamento conservatore, sono i fattori che uniti divengono la causa più o meno diretta della paura del compromesso.

Ad ogni modo, dovremo sempre ricordarci che la paura del compromesso prima o poi si trasforma in un ostacolo alla nostra crescita come persone e, un limite che ci impedirà di realizzare i nostri sogni. Tutte le mete che valgono la pena richiedono una buona dose di passione e compromesso.

La paura a compromettersi si trasforma infine in paura di vivere.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La paura del compromesso
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons