29 ottobre 2012

Terapia Gestaltica: il principio del “qui e subito”


L’idea del “qui e subito”, dell’esperienza immediata e del presente, è uno dei principi più importanti e nello stesso momento difficili da mantenere quando si realizza la Terapia Gestaltica. Perché? Per la semplice ragione che le persone tendono a parlare continuamente del passato e delle loro esperienze come se si trattasse di eventi storici.

Per questo motivo, con l’obiettivo di fomentare la consapevolezza del “qui e adesso”, si suggerisce loro di comunicare sempre utilizzando il tempo presente. Per ottenere questo obiettivo si suole fare le seguenti domande: Cosa ti sta succedendo ora? Di cosa sei consapevole? Cosa stai provando in questo istante? Quale bisogno ti sta venendo in questo momento? In questo modo si promuove il “qui e ora”.

Ovviamente, questo non significa che il materiale passato non abbia importanza, ma nella Terapia Gestaltica si tenta di incorporare questo materiale nell'esperienza presente, e per questo, quando torna alla memoria, si chiede alla persona che lo esprima come se lo stesse vivendo adesso, come se questo sentimento che è apparso si stesse svolgendo ora. In questo modo si evita di parlare solo di qualcosa ma piuttosto si cerca di immergersi nella situazione e viverla.

Ricordare una esperienza del passato fa si che si perda l’intensità che si produrrebbe trasferendo l’esperienza al presente qui e ora. In questo modo, nella Terapia Gestaltica si tenta di discernere tra la necessità che ha la persona di fare intervenire nel dialogo persone assenti, la nostalgia che la porta a ricordare e tornare al passato, la sua tendenza a occupare la mente con timori e fantasie relative al futuro e tutto ciò che le ha provocato questa esperienza del passato.

Seguendo F.Huneeus, il “qui e ora” potremmo definirlo come uno stato nel quale la persona è consapevole solo dell’esperienza sensoriale generata in questo preciso istante. Ciò che sta vedendo con i suoi occhi, ascoltando con le sue orecchie, e ciò che sta sentendo a livello kinestesico. È lo stato senza dialogo interno, senza fantasie visive di nessuna sorta e, pertanto, senza desideri o altri stati emotivi suscitati dalle stesse. È il presente, senza consapevolezza del passato e del futuro.

Evidentemente, nella nostra vita quotidiana non possiamo stare continuamente “qui e ora” perché viviamo in società, motivo per il quale necessitiamo di immaginare almeno un futuro prossimo e approfittare delle nostre esperienze passate e dei nostri ricordi per sopravvivere e gestire la nostra vita. Tuttavia, questo non significa che in determinati momenti non sia opportuno abbandonarsi unicamente ed esclusivamente al “qui e ora”, soprattutto quando desideriamo approfittare al massimo delle sensazioni piacevoli che ci offrono alcune situazioni come le relazioni di coppia e i figli.

Perls distingueva tra tre diverse filosofie. La prima è riferita alle cose, si parla “in merito a” e “su” di queste, senza giungere a sentirle mai. Dentro questa filosofia possiamo inquadrare le scienze, nelle quali si danno spiegazioni e ancora spiegazioni senza giungere all'esperienza diretta che arricchisce, quella che ci fa crescere e cambiare, che ci permette maggiori aperture e contatti.

La seconda ingloba la moralità con i sui continui “dovresti”. “Dovresti essere così o in quest’altro modo”, “Dovresti cambiare questo o quello”, “Dovresti non aver fatto questo o quello”. È la filosofia delle proibizioni e degli ordini.

Tuttavia, e indipendentemente dal fatto che la gente ripete continuamente queste idee e questi pensieri, l’esperienza ci dimostra che i “dovresti” raramente vengono messi in pratica, mentre che, al contrario, ci provocano sentimenti di malessere e sensi di colpa quando non li rispettiamo. Come si sa i sentimenti di colpa nascondono sentimenti aggressivi verso le persone coinvolte. Spesso i sensi di colpa scompaiono quando li esprimiamo apertamente e direttamente.

La terza filosofia proposta da Perls è l’esistenzialismo, che tenta di lavorare con il principio del prendere coscienza e del “qui e adesso”, con l’esperienza immediata, le sensazioni e le necessità. Due dei contributi dell’esistenzialismo alla terapia gestaltica sono la responsabilità e l’ammorbidimento delle norme sociali e morali.

Ovviamente, riconoscere che stili di comportamento assumiamo di fronte alle diverse situazioni e vivere secondo il principio del “qui e ora”, può essere applicato anche nella vita quotidiana da chiunque e non solo dai professionisti della psicologia.. In questo modo, potremo vivere con maggiore pienezza ogni momento della nostra vita.

Fonte:
Martín, A. (2006) Manual Práctico de Psicoterapia Gestalt. Bilbao: Desclee de Brouwer.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Terapia Gestaltica: il principio del “qui e subito”
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons