18 luglio 2012

Disturbi comportamentali: cosa sono e perchè appaiono


Si stima che tra il 6 ed il 16% dei maschi e tra il 2 ed il 9% delle femmine minori di 18 anni soffra di un qualche tipo di disturbo comportamentale con sintomi che vanno da lieve a molto grave. Normalmente questi bambini si distinguono per un comportamento dirompente, caratteristico, ripetitivo e persistente.

Il termine “disturbo comportamentale” è molto discusso, vi è chi preferisce chiamarlo “comportamento antisociale” mentre altri parlano di “comportamento deviato”. Nel Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali viene considerato come “disturbo antisociale del comportamento”. In un modo o nell'altro, i comportamenti di questi bambini e adolescenti sono caratterizzati per distinguersi dalla normalità. Come?

A partire dalle caratteristiche che lo distinguono dalla media del comportamento standard, sia perché contraddice o viola una norma sociale o perché questo comportamento viene qualificato errato dalla maggioranza.Ovviamente, questo implica una reazione sociale; come dire il bambino o bambina con un disturbo comportamentale si separa da ciò che viene stabilito in modo implicito o esplicito come normale.

Per diagnosticare i disturbi comportamentali si identificano quattro grandi tipologie o gruppi dentro i quali va inquadrato il bambino:

1. Comportamenti aggressivi: scontri fisici, utilizzo di armi, violazioni, atti crudeli verso persone e/animali, rapine.

2. Comportamenti non aggressivi che implicano la distruzione della proprietà: incendi, rottura di vetri, danneggiamento di veicoli, atti di vandalismo, danni a proprietà private e pubbliche.

3. Furti e truffe: menzogne, falsificazioni, rotture di promesse e compromessi per approfittarne, furti, truffe.

4. Violazione grave delle norme siano esse secolari (legge) o familiari/sociali (morale), assenteismo, eccessiva sessualizzazione del comportamento, uso di alcol e droghe.

Per diagnosticare il disturbo comportamentale il bambino o adolescente deve avere mostrato tre o più di questi comportamenti negli ultimi 12 mesi e almeno uno di questi deve essere stato evidente durante gli ultimi sei mesi, provocando un certo grado di disagio a scuola, sul lavoro o nella vita sociale.

Va detto che la diagnosi di disturbo comportamentale non è così semplice dato che i bambini e gli adolescenti cambiano in continuazione così che a volte è difficile determinare se il problema sia persistente o meno. In alcuni casi il disturbo comportamentale può dipendere dalla necessità di adattarsi ad una situazione di tensione acuta o cronica. Inoltre, molte volte questo problema viene associato a disturbi dell’apprendimento (approssimativamente nel 73% dei casi) e depressione, così che quando appare la depressione il comportamento dirompente scompare.

Ma...quali sono le cause dei disturbi comportamentali?

L’origine dei disturbi comportamentali può dipendere da molti fattori; per esempio, Munné stabilisce quattro grandi cause:

1. Scarsa socializzazione

2. Scarsa determinazione dei ruoli nell'infanzia

3. Scarso controllo sociale (include sanzioni e stimoli, in famiglia e a scuola)

4. Una situazione sociale considerata ingiusta

D’altra parte, a partire da alcuni studi trasversali si è potuto conoscere che quando il disturbo comportamentale appare durante l’infanzia si mostrano disfunzioni neuropsicologiche, ambiente familiare destrutturato e disfunzionale, un alto tasso di disturbi psicopatologici nei genitori e difficoltà nelle relazioni con i coetanei, mentre quando appare nell'adolescenza dipende spesso dall'inserimento del soggetto in gruppi (bande, compagnie) deviati.

I trattamenti previsti per i disturbi comportamentali sono vari, a causa del carattere eterogeneo della patologia. Si può trovare dei programmi dedicati alla formazione dei genitori così che questi possano apprendere a controllare i comportamenti eccessivi dei figli; programmi comunitari nei quali si inserisce il bambino o l’adolescente in gruppi di coetanei che non presentano difficoltà comportamentali e programmi terapeutici familiari nei quali si lavora fondamentalmente sul tipo di relazione genitori-figlio. Esistono altri trattamenti che si basano essenzialmente nel fare in modo che il bambino sviluppi abilità sociali e di risoluzione dei problemi.

Fonti:
Rigau-Ratera, E. et. Al. (2006) Tratamiento del trastorno de oposición desafiante. Revista de Neurología; 42 (2): 83-88.
Puerta, I.C. (2002) Prevalencia del retraso mental en adolescentes con trastorno disocial de la conducta. Revista de Neurología; 35 (11): 1014-1018.
Romero, E. (2001) El constructo psicopatía en la infancia y la adolescencia: del trastorno de conducta a la personalidad antisocial. Anuario de Psicología; 32(3): 25-49.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Disturbi comportamentali: cosa sono e perchè appaiono
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons