12 giugno 2012

La negligenza visiva: o sindrome da eminegligenza spaziale


Il nostro cervello possiede approssimativamente 100 miliardi di neuroni, ma solo una piccola parte di questi si può attivare in qualsiasi momento per creare schemi significativi; questi limiti creano una specie di “collo di bottiglia” a livello di attenzione. Questo è il motivo per il quale nella figura che appare di seguito possiamo vedere un coniglio oppure un’anatra, ma non entrambe le figure insieme. In altre parole; abbiamo una capacità attenzionale molto limitata.



Ad ogni modo esiste una malattia nella quale questa capacità si restringe ancora di più: la negligenza visiva, anche conosciuta come sindrome da eminegligenza spaziale. Un disturbo dell’attenzione di origine neurologico nel quale le persone sono incapaci di apprezzare le cose che si incontrano nel campo visivo sinistro, e dico sinistro dato che le negligenza corrisponde quasi sempre ad un danno nell'emisfero cerebrale destro.

Ma... perché il danno avviene sempre in quest zona del cervello? Marsel Mesulam, professore all’Università di Harvard, propone una spiegazione ingegnosa secondo la quale l’emisfero destro possiederebbe una maggiore quantità di risorse attenzionali ed un ruolo più importante nella visione spaziale, permettendoci di scandire tanto la parte destra come quella sinistra del nostro campo visivo simultaneamente. Al contrario, la zona parietale sinistra sarebbe relegata ad attendere solo al nostro campo visivo destro. Così, quando l’emisfero sinistro viene danneggiato, il destro è incapace di supplire a questo danno attraverso la plasticità cerebrale. Ad ogni modo, quando viene danneggiato il lobo destro, sarà impossibile compensare, restando il campo sinistro orfano, e allora che subentra la negligenza unilaterale.

Il termine negligenza fu utilizzato per la prima volta in ambito medico da Pineas nel 1931, ma fu solo un decennio più tardi che si iniziò a considerare scientificamente come una sindrome. Nella decada dei ’60 lo studio delle differenti persone con negligenza spaziale facilitò una comprensione molto più profonda del processo attenzionale e percettivo che ha luogo nella nostra mente.

Normalmente la negligenza visiva appare come conseguenza di un danno cerebrale, spesso un ictus, e risulta uno degli indicatori più negativi nel prevedere il possibile recupero della persona.

La diagnosi della negligenza è abbastanza semplice: la persona mostra la tendenza a guardare sempre a destra e non guarda mai spontaneamente alla sua sinistra, anche quando proviene uno stimolo da questa direzione. Un’altra delle prove più semplici che si suole mettere in pratica, è muovere un oggetto davanti ai suoi occhi da destra a sinistra, quando l’oggetto passa al campo visivo sinistro la persona perderà il contatto visivo con questo dato che non riesce a girare la testa. Tuttavia, uno dei test più utilizzati consiste nel chiedere alla persona che disegni una casa o un orologio. Nel disegno mancherà sempre la parte sinistra dell’oggetto.

Altri dettagli che aiutano a conoscere le persone che soffrono di negligenza spaziale sono il fatto che le donne per esempio omettono di truccare la parte sinistra del volto e gli uomini si rasano solo il lato destro del volto.

Un aspetto curioso della negligenza è che la maggioranza delle persone non si rende conto della sua difficoltà, piuttosto pensano di necessitare di occhiali per leggere.

Ad ogni modo, sebbene la diagnosi risulti facile, il processo di riabilitazione è lungo e non sempre ottiene di ripristinare la visione completa. Il problema principale sta nel fatto che le persone con negligenza visiva non riconoscono la parte sinistra del loro corpo; in questo modo, le attività di riabilitazione hanno risultati molto scarsi.

Gli specialisti affermano che questa strana forma di reagire alla stimolazione riabilitativa si deve a che, di fronte allo stimolo propiocettivo, la nostra mente si vede obbligata a rivedere tutti i suoi schemi, riconoscendo in questa nuova scansione la parte sinistra del corpo. Sarebbe una sorta di awareness dello schema corporale. Comunque, non si conosce la ragione del perché si perda nuovamente questo piccolo livello di autocoscienza.

Fonti:
Allegri, R. F. (2000) Atención y negligencia: bases neurológicas, evaluación y trastornos. Revista de Neurología; 30(5): 491-495.
Ramachandran, V. S. et al. (1999) Can Mirrors Alleviate Visual Hemineglect? Medical Hypotheses; 52(4): 303–305.
Robertson, I. H.; Nico, D. & Hood, B. M. (1997) Believing what you feel: Using propioceptive feedback to reduce unilateral neglect. Neuropsychology; 11(1): 53-58.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La negligenza visiva: o sindrome da eminegligenza spaziale
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons