11 giugno 2012

La legge della coerenza


Erano gli anni 70 del secolo scorso quando uno psicologo di nome Thomas Moriarty decise di realizzare un piccolo esperimento. Il suo obiettivo era molto semplice: verificare se le persone fossero capaci di mettersi in pericolo per impedire un crimine nelle agitate spiagge di New York.

Parte della genialità dell’esperimento si fonda nella sua semplicità: un complice dello psicologo sceglieva una persona a caso e stendeva il suo asciugamano nella sabbia a due metri da questa.

Dopo avere ascoltato la radio per un paio di minuti, il complice si alzava per fare una breve passeggiata sulla spiaggia. Alcuni minuti dopo, si avvicinava un’altro complice dello psicologo fingendo di essere un ladro, prendeva la radio e tentava di allontanarsi.

Sorprendentemente solo 4 delle 20 persone che furono soggetto dell’esperimento tentò di fermare il ladro,approssimativamente il 25%.

Allora, Moriarty introdusse un piccolo cambiamento nel disegno dell’esperimento: la persona, prima di alzarsi per andare a passeggiare, chiedeva esplicitamente al soggetto al lato di dare una occhiata alle sue cose.

Questa volta tutto cambiò, dopo di 20 tentativi, 19 persone tentarono di fermare il ladro, approssimativamente il 95%. Ma...cosa era cambiato?

Il fatto che le persone avessero dato il loro consenso a “proteggere gli oggetti personali”, fatto con il quale si erano automaticamente assunti un compromesso, che se non rispettato, avrebbe provocato una forte dissonanza cognitiva.

Le radici della dissonanza cognitiva si mescolano con la legge della coerenza, mediante la quale si afferma che una volta che abbiamo preso una decisione o un percorso, il nostro cervello primitivo preferisce mantenersi in questa direzione prima di valutare possibili alternative.

Un’altro curioso studio che appoggia questa idea fu sviluppato dallo psicologo Steven Sherman, di Bloomington, Indiana. Innanzitutto i ricercatori valutarono l’indice di risposte che riceveva il rappresentante della Società Americana per il cancro mentre chiedeva aiuti per una campagna.

In seguito si passò a coinvolgere un’altro gruppo di persone simulando una intervista telefonica nella quale si chiedeva che farebbero se ricevessero una chiamata della Società Americana per il cancro che chiedesse loro tre ore del loro tempo per raccogliere fondi per la ricerca.

Come si può immaginare, per non sembrare avari e cinici, la maggioranza degli intervistati rispose che avrebbe accettato questa richiesta.

Alcuni giorni dopo un rappresentante della Società Americana per il Cancro chiamò realmente tutte queste persone chiedendo il loro aiuto per una campagna, sorprendentemente la quantità di persone che accettarono aumentò del 700% rispetto all'intervista precedente.

Il semplice fatto di avere stipulato un compromesso telefonico ottenne di fare sentire alle persone l’obbligo di essere coerenti con la loro opinione, portando a termine un’azione che diversamente non avrebbero mai realizzato.

Naturalmente, oltre alle ragioni ataviche che propone la legge della coerenza, un’altra delle cause per le quali le persone si comportano in questo modo è dovuta al fatto che essere congruenti ha molto valore nella nostra società, dato che a partire da questo si valuta la maggiore o minore affidabilità di un individuo. Se a questo si aggiunge che i comportamenti coerenti normalmente si associano alla forza intellettuale e personale, allora si può ben sperare che le persone si lascino condizionare da quanto affermano.

Il lato positivo della legge della coerenza ci permette di vivere in modo più semplice, dato che una volta che abbiamo deciso qualcosa non dovremo tornare ancora sul tema. Tuttavia, il lato negativo viene quando la legge della coerenza si trasforma in uno scudo contro la logica e il buon senso, dato che il compromesso con un’idea ci può far agire in modo cieco e rigido.


Fonti:
Moriarty, T. (1975) Crime, commitment and the responsive bystander. Journal of Personality and Social Psychology; 31(2): 370-376.
Sherman, S. J. (1980) On the self-erasing nature of errors of prediction. Journal of Personality and Social Psychology; 39(2): 211-221.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

La legge della coerenza
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons