6 dicembre 2011

Insonnia: rimedi, cause e cure

Insonnia è dormire male, in modo inadeguato; il sonno non è riparatore ed è caratterizzato da difficoltà a conciliarlo e a mantenerlo, o ci si sveglia troppo presto. I casi più acuti includono quelle persone che non riescono a dormire per tutta la notte. Approssimativamente il 50% delle persone hanno provato almeno in alcune occasioni, a combattere contro l’insonnia. Attualmente, il 10% delle persone soffre di insonnia cronica.

Va comunque sottolineato che l’insonnia è quasi sempre sintomo di qualcosa di diverso. Si calcola che il 95% dei casi di insonnia sia causato da alterazioni o disturbi psicologici, mentre solo il restante 5% sarebbe dovuto a problemi organici. Come si può immaginare, il numero di coloro che soffre di insonnia aumenta sempre più, a causa dello stress intrinseco nelle condizioni di vita moderne proprie delle grandi città, dove la lotta con i fattori economici e il tempo aumentano in modo considerabile la tensione a cui si è sottoposti.

Altre cause da non sottovalutare sono i momenti di stress improvvisi, la malattie, la sindrome ossessivo-compulsiva, le psicosi o il consumo di droghe. Tuttavia, le cause più comuni sono: la depressione e l’ansia. Quando la persona è ansiosa ha problemi a conciliare il sonno, mentre che la persona depressa suole svegliarsi presto alla mattina e presenta difficoltà a riprendere il sonno.

Naturalmente, coloro che soffrono d’insonnia ne soffrono gli effetti durante tutto il giorno, dato che iniziano a presentare difficoltà nel loro rendimento causate da problemi di concentrazione, diminuzione della memoria, irritabilità e aggresività. Curiosamente, anche se le persone segnalano di soffrire di affaticamento durante il giorno dovuto alla scarsità di sonno, gli studi polisonnografici dimostrano che non vi è un aumento dei segni fisiologici della sonnolenza, suggerendo che la sensazione di affaticamento potrebbe essere meramente soggettiva.

Tra i diversi tipi di insonnia distacca, per la sua cronicità, l’insonnia primaria. Questa è caratterizzata dalla sua durata che va oltre il mese, l’influenza che ha sulle prestazioni della persona e perchè non è conseguenza di malattie croniche o consumo di sostanze.

Le persone che soffrono di insonnia primaria presentano normalmente una combinazione di difficoltà a dormire e si svegliano frequentemente durante tutta la notte. Nello stesso tempo lamentano di non avere avuto un sonno riparatore, come dire, hanno la sensazione che il sonno sia stato inquieto, poco profondo e di scarsa qualità.

Questo disturbo viene associato ad un aumento del livello di allerta fisiologico e psicologico durante la notte, unito a un condizionamento negativo che impediscono di dormire. Evidentemente, le preoccupazioni e il malessere derivanti dall’impossibilità di dormire generano un circolo vizioso: più si cerca di dormire, più la persona si sente frustrata per non riuscire a farlo e così dorme meno. Sdraiarsi su di un giaciglio dove si è in precedenza passato notti insonni, può contribuire a generare un’attivazione incondizionata. Al contrario, a volte la persona riesce a dormire facilmente quando non lo vorrebbe, magari mentre guarda la televisione, quando legge o mentre è alla guida.

Molte delle persone che soffrono di insonnia primaria hanno una storia clinica di sonno superficiale o problemi anteriori di depressione e ansia. La maggioranza dei casi iniziano repentinamente, coincidendo con alcune situazioni stressanti anche se persistono per molto tempo dopo che la causa originaria è scomparsa.

L’insonnia primaria generalmente comincia nelle prime fasi della vita adulta; tuttavia, si sono riportati casi eccezionali di apparizione durante l’infanzia. Il corso più frequente dell’insonnia consiste in una fase iniziale in cui il peggioramento è progressivo durante settimane o mesi, seguito da una fase cronica di alterazione sel sonno che addirittura può durare anni. La soluzione non è semplice, ma esistono alcuni programmi online dedicati, per esempio, allo scopo di facilitare il sonno.

Fonte:
APA (2002) DSM-IV-TR: Manual diagnóstico y estadístico de los trastornos mentales. Barcelona: Masson.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Insonnia: rimedi, cause e cure
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons