11 marzo 2011

L’assertività, i dieci diritti che spesso dimentichiamo


La sempre maggiore complessità dell’ambiente in cui viviamo ci sottopone le più diverse difficoltà. Forse i problemi più complessi sono quelli che sono originati dalle relazioni interpersonali e che richiedono una grande dose di assertività perchè si possa incontrare una soluzione. Ma... che cos’è l’assertività?

Le definizioni sono molte, tenteremo di avvicinarci a quelle più pratiche: assertività è esprimere i nostri diritti personali in modo tale da non danneggiare gli altri ma nello stesso tempo senza cadere in una condizione di sottomissione o di pregiudizio individuale. È una abilità che include i pensieri, le attitudini e i comportamenti che ci permettono di far valere i nostri diritti senza aggredire nessuno e senza essere aggrediti valorizzando il momento, la forma e il modo più adeguati.

Una persona assertiva è quella che è capace di esprimere le sue opinioni in modo aperto e senza timori ma nel rispetto degli altri riuscendo sempre a trovare una soluzione, la più adeguata possibile, di fronte ai conflitti che potrebbero sorgere.

Qualcosa di abbastanza difficile da realizzare! Senza dubbio.

Molto spesso lasciamo che le persone calpestino i nostri diritti, questo a lungo andare porta a un circolo vizioso nel quale terminiamo per farci sottrarre buona parte della nostra individualità fino a che non ci ritroviamo completamente sottomessi agli altri e con sentimenti di insicurezza e insoddisfazione immensi.

Allora... quali sono i nostri diritti assertivi? La lista potrebbe essere lunghissima, ho già tentato di ridurla a quei dieci diritti assertivi che mi sembrano essenziali.

Abbiamo diritto di:

1. Essere trattati con rispetto e dignità.

2. Commettere errori e responsabilizzarci per gli stessi.

3. Esprimere le nostre opinioni, credenze e emozioni e di cambiare anche opinione.

4. Dar valore alle nostre necessità tanto e quanto a quelle altrui.

5. Giudicare noi stessi le nostre azioni, pensieri e emozioni ma allo stesso tempo dobbiamo prenderci la responsabilità delle conseguenze.

6. Non dover offrire sempre ragioni per giustificare il nostro comportamento.

7. Essere indipendenti dalla volontà della maggioranza e addirittura mostrarci in disaccordo.

8. Dire: “non capisco” e soprattutto, abbiamo diritto di dire: “no” senza sentirci in colpa.

9. Decidere che fare con il nostro corpo, tempo e le nostre proprietà.

10. Essere felici.

Tuttavia, questi diritti non sono una sorta di dieci comandamenti. Dobbiamo sempre tenere presente che tutti abbiamo gli stessi diritti per cui è imprescindibile un minimo di buon senso per mettere in pratica l’assertività. Ricordiamoci che i diritti assertivi sono pensati per esaltare il rispetto per gli esseri umani e per la vita, non per giustificare comportamenti egoistici. Un mondo migliore è possibile ma c’è bisogno della partecipaziopne di tutti noi, uno per uno.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

L’assertività, i dieci diritti che spesso dimentichiamo
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons