9 dicembre 2010

I dieci trattamenti psichiatrici più bizzarri (parte II)






Nel post precedente si è fatto riferimento a cinque delle dieci terapie psichiatriche più bizzarre della storia della medicina e della psicologia, di seguito si menzioneranno altre cinque che non sono meno curiose:

6. Terapia con la malaria

La malaria, malattia caratterizzata da dolori di testa e muscolari, indebolimento, tosse e febbre, fu usata in passato per curare la sifilide, che come si sa è una malattia trasmessa sessualmente che, per curiosità storica, colpì anche personaggi come Mozart, Edgar Allan Poe,e Oscar Wilde.

Agli inizi del 1900 non esisteva nessun trattamento per la sifilide ma molte persone furono infettate così che il neurologo viennese Wagner Von Jauregg ebbe l’idea di infettare i pazienti con la malaria dato che così la febbre intensa che questa produceva poteva annichilire i batteri della sifilide.

Naturalmente, dopo era necessario curare i pazienti con malaria con il chinino, sostanza altamente pericolosa.

Wagner Von Jauregg ottenne il premio Nobel per questo trattamento che fu utilizzato fino a che non si scoprì la penicillina.

7. Convulsioni indotte chimicamente

L’idea fu di Ladislav Von Meduna, dottore ungherese, che iniziò a indurre convulsioni con l’uso di droghe per trattare i pazienti schizofrenici. Questo medico pensava che dal momento che la schizofrenia è rara nei pazienti epilettici e gli stessi apparivano più calmi dopo un attacco, quindi perchè non produrre convulsioni nei pazienti schizofrenici per calmarli?

Von Meduna esperimentò varie droghe prima di decidere per il metrazol e comunque il trattamento venne considerato troppo pericoloso.

Tuttavia, le terapie convulsive vengono utilizzate anche ai giorni nostri in alcuni luoghi, specialmente la terapia elettroconvulsiva, più conosciuta come elettroshock, per trattare la schizofrenia, la depressione grave ed altri disturbi psichiatrici molto resistenti.

8. La gravidanza come terapia per l’isteria

In tempi antichi qualsiasi malattia psichica femminile era diagnosticata come isteria, si pensava che la sua origine dipendesse dall’ansia dell’utero (in senso fisiologico) che trasmetteva “frustrazione” a tutto il corpo generando i sintomi dell’isteria.

Il miglior rimedio? Dare all’utero ciò che desidera, ne più e ne meno che un figlio. Anche se questo trattamento dell’isteria cadde in disuso molti secoli fa, il termine rimane ancora usato per riferirsi a patologie caratterizzate da una forte manifestazione nel corpo della componente psichica.

Tuttavia, è da notare come fino a non molto tempo fa alcuni dottori prescrivevano “l’orgasmo” per curare l’isteria.

9. Frenologia

Alla fine del secolo XIX si sviluppò una corrente localizzatrice nella medicina neurologica che sosteneva come ad ogni area specifica del cervello corrispondesse una capacità, abilità o caratteristica della personalità.

Il medico tedesco Franz Gall fu uno dei più solerti sostenitori di questa teoria. Essenzialmente Gall postulava che le parti del cervello più usate dalla persona si sviluppavano e divenivano più grandi. Così che, analizzando la forma, sporgenze e depressioni del cranio di una persona si potesse sapere come fosse la sua personalità.

A questo proposito Gall creò una mappa nella quale registrò aree cerebrali alle quali corrispondevano aspetti della personalità ben specifici. Per esempio: un rigonfiamento sopra le orecchie indicava una personalità distruttiva mentre una cresta nella parte superiore mostrava benevolenza.

La frenologia fu applicata per riconoscere e mettere in carcere delinquenti e vagabondi ma nella realtà non fu mai sviluppato nessun trattamento basato in essa.

10. lobotomia

Probabilmente il procedimento più terribile e famoso della storia della psichiatria inventato dal portoghese Egas Moniz.

Moniz si ispirò ad un procedimento realizzato su di uno scimpanzè da Jacobsen, Wolf e Jackson nel 1935. L’esperimento in se stesso venne realizzato dato che lo scimpanzè mostrava severi attacchi di aggressività e per risolvere questo problema si rimossero parti dei lobi frontali.

Moniz applicò la lobotomia ad esseri umani e l’intervento giunse ad essere molto popolare. Tanto che dopo la prima lobotomia realizzata se ne applicarono migliaia con lo scopo di trattare disturbi emotivi in tutto il mondo. Di fatto Moniz ricevette il premio Nobel nel 1949.

Dopo molti anni si manifestarono le alterazioni della personalità non desiderate, che produceva questa operazione: infantilismo e irresponsabilità, nel migliore dei casi.

Fonte:
Mental Floss Magazine

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

I dieci trattamenti psichiatrici più bizzarri (parte II)
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons