3 ottobre 2010

Psicologia e sue specializzazioni

Anche se già precedentemente nell’articolo: Cos’è la psicología in breve senza troppi giri di parole, mi è già capitato di menzionare le principali specializzazioni della materia, dovuto all’interesse per le stesse, ci immergiamo di nuovo nel mondo della psiche, questa volta in modo più profondo.

Iniziamo sottolineando che anche se esistono università che offrono corsi di specializzazione in psicologia in forma diretta, io opterei per entrare in una facoltà dove si offre la carriera di psicologia e si impartiscano i contenuti di tutte le discipline psicologiche e posteriormente, quando conoscerò meglio il mercato e le peculiarità di ogni specializzazione, opterei per quella che più si adatta alle mie preferenze. Anche se è un cammino più lungo, lo preferisco, non solo perchè l’apprendimento della psicologia è qualitativamente superiore ma anche perchè aumenta le nostre possibilità nel mercato del lavoro aiutandoci a sviluppare un profilo più ampio e non ristretto ad una sola specialità.

Quali sono le principali specializzazioni?

-Psicologia dell’Educazione: la sua essenza sta nell’analizzare e perfezionare il processo di insegnamento-apprendimento, intendendo come insegnamento e apprendimento quei processi che si danno nelle scuole, all’interno dei nuclei familiari e nelle organizzazioni o imprese. In questo modo, lo psicologo educazionale dovrà trattare tanto con il docente quanto con lo studente, il che implica aver a che fare con bambini e giovani, professori e genitori ma anche con subalterni e dirigenti.

Lo psicologo educazionale studierà i metodi di insegnamento, come influiscono sugli studenti e come migliorarli. Si occuperà anche delle strategie di apprendimento utilizzate dagli studenti e di come perfezionarle. Si incaricherà di comprendere il tipo di relazione che si stabilisce tra lo studente e la sua famiglia e di come questa possa essere propizia o al contrario possa intorpidire il processo di apprendimento.

Questo nella teoria ma in pratica lo psicologo educazionale si integra nel gruppo docente e si incarica di offrire orientamento psicologico agli studenti a proposito di argomenti diversi come la dipendenza da stupefacenti, la sessualità, le relazioni interpersonali... o preoccuparsi dei problemi dei più piccoli come la timidezza, l’aggressività, i disturbi dell’apprendimento... D’altra parte il lavoro con il docente molte volte si avvicina alla più pura assistenza clinica attraverso la psicoterapia. Naturalmente questo è dovuto alla scarsa conoscenza di questo campo da parte della società e dei reclutatori stessi in merito alle reali funzioni e campi d’azione dello psicologo educazionale.

-Psicologia Clinica o della Salute: si occupa essenzialmente della relazione salute-malattia nel campo della psiche. Include dal semplice orientamento di un adolescente in tema di sessualità fino alla psicoterapia per eliminare le fobie o l’ansietà. I più dissimili campi d’azione sono: la neuropsicologia, la psiconcologia, la psicoimmunologia, la psicologia infantile, la psicologia della terza età... Così, lo psicologo clinico normalmente continua a specializzarsi in determinate fasce d’età: infanzia-adolescenza, adulti o terza età.

Include non solamente il trattamento di quei disturbi più conosciuti come la schizofrenia, le neurosi, l’ansia o la depressione ma anche gli approcci per affrontare situazioni stressanti ed il dolore... insomma, aiutare le persone a comprendere la loro vita le loro problematiche utilizzando prospettive diverse e più salutari.

La psicologia clinica include anche l’analisi della relazione tra corpo e mente, soprattutto partendo dall’effetto delle malattie, siano esse semplicemente psicologiche o fisiche.

-Psicologia del Lavoro o Istituzionale: essenzialmente centrata nell’impresa, si incarica della relazione tra la persona con il processo di produzione. A questo proposito si rende necessario analizzare la relazione tra l’essere umano ed il lavoro che sta realizzando: le motivazioni per il lavoro che svolge, i suoi interessi, le aspettative, il livello di soddisfazione che deriva dal suo lavoro. Anche la sua relazione con i colleghi, il livello di soddisfazione che esperimenta partendo dalle relazioni stabilite, il tipo di comunicazione che prevale.

Lo psicologo istituzionale si occupa anche di analizzare la corrispondenza tra le potenzialità e le capacità di una persona con le esigenze di un certo posto di lavoro ed anche, a volte, si incarica di elaborare il profilo psicologico necessario di chi dovrà occupare un certo posto di lavoro o assumere certe responsabilità in una impresa. È la tanto conosciuta “selezione del personale” o “gestione delle risorse umane” che ci sorprende ogni giorno di più con le sue tecniche creative e rivoluzionarie. Una volta selezionate le persone, frequentemente, lo psicologo si occuperà anche della loro formazione.

Si occuperà anche di analizzare quali fattori potrebbero rallentare il buon funzionamento di una impresa e cosa fare per aumentare la produzione e migliorare l’ambiente di lavoro.

In pratica molte volte lo psicologo o si limita a selezionare il personale idoneo per il posto di lavoro o si converte in uno psicologo clinico dentro ad una organizzazione. Tuttavia, dipende in buona parte dalla visione dell’impresa per la quale si lavora dato che all’interno dei grandi gruppi gli psicologi svolgono un lavoro più creativo e flessibile.

-Psicologia della Pubblicità o Marketing: essenzialmente lo psicologo che si dedica a questo lavoro si preoccupa della promozione e del disegno dei prodotti nel mercato. È l’appassionante mondo dell’analisi dei target ai quali va diretto un prodotto per poter ottimizzare le loro attraenti caratteristiche. Dovrà applicare il conoscimento della Psicologia della Gestalt per poter giocare con le forme ed i colori nel momento di creare un prodotto, una pubblicità od un manifesto pubblicitario più accattivante e che ottenga gli obiettivi desiderati.

Deve anche essere uno specialista nelle più dissimili tecniche di comunicazione, l’analisi dei testi e naturalmente, le tecniche di pubblicità subliminale.

-Psicologia Forense: si concentra nell’analisi dei procedimenti penali. Lo psicologo forense è incaricato delle perizie necessarie nei processi, tanto per quanto riguarda le vittime come gli accusati e si occupa anche del reinserimento dei detenuti nella società e dell’assistenza alle loro famiglie.

Determina il grado di attendibilità dei testimoni e le condizioni di stabilità emotiva dei condannati diagnosticando il grado di intenzionalità esistente al momento del delitto. Si occupa anche di determinare il danno psicologico verificatosi nelle vittime.

Sono necessarie: conoscenza di grafologia e di conodttedevianti ma anche delle principali psicopatologie e di psicologia infantile. Anche se questa specializzazione non è molto ambita tra gli psicologi, richiede comunque una profonda conoscenza di tutte le discipline della psicologia.

Esistono altre specializzazioni e con il tempo ne nasceranno di nuove. La decisione per una o per l’altra disciplina deve dipendere dalle nostre potenzialità e da quanto realmente ci attrae dato che, se optiamo per una specializzazione per il semplice fatto che crediamo sia la meglio pagata, corriamo il rischio di cadere nella routine e nell’insoddisfazione professionale. Se invece amiamo la specializzazione scelta, probabilmente ci impegneremo in modo creativo, apriremo nuove porte ed alla fine non solo saremo più soddisfatti di noi stessi ma forse arriverà anche la soddisfazione economica.

Colui che ama la sua professione non si fa incasellare, è sempre alla ricerca del nuovo e ama rinnovare e rinnovarsi. La decisione non è complessa necessita solo di desiderio e coraggio per essere messa in pratica.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Psicologia e sue specializzazioni
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

1 commmenti

mancano molte specialistiche... buona l'idea :)

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons