22 agosto 2010

Disturbi della personalità

Tra il 10 ed il 30% della popolazione mondiale soffre di un qualche disturbo della personalità. Forse è per questo che cosí tante persone mi hanno scritto preoccupate per avere una diagnosi. La domanda è sempre la stessa: soffro di un disturbo della personalità?

Innanzi tutto si deve sapere che le caratteristiche della personalitá sono modelli persistenti nella forma di percepire, relazionarsi, pensare e valutare l’ambiente che ci circonda. Questi modelli si manifestano in una amplia gamma di contesti, come dire, noi ci manifestiamo tali e quali siamo nei piú diversi contesti.

Queste caratteristiche della personalitá sono considerate un disturbo quando si convertono in modelli rigidi e disadattanti che causano malessere a chi ne soffre.

Come si puó riconoscere un disturbo della personalità?

-Esiste ua matrice permanente di comportamenti ed esperienze soggettive che si separa da ciò che è considerato come normale nella cultura. Come dire, la persona puó percepire ed interpretare se stesso e gli altri in una forma distorta ed aliena alle matrici culturali. Allo stesso modo, capita che si presentino risposte emotive che variano da una grande intensitá fino ad una intensità molto più bassa, in tutti i casi, la risposta è considerata come anormale nella cultura nella quale é cresciuta la persona. Normalmente si presentano difficoltá nello stabilire relazioni interpersonali di tipo soddisfacente e difficoltá nel controllare i loro impulsi.

-Questa matrice non si manifesta solo in una area specifica ma addirittura si estende alla maggioranza delle aree nelle quali è coinvolta la persona.

-Questa matrice provoca un malessere enorme nella persona ed influisce sulle sue prestazioni in aree come la sua attivitá lavorativa, le sue relazioni affettive e gli studi.

-Questa matrice è stabile e quindi le sue origini sono remote, almeno le si può far risalire all’adolescenza od al principio dell’età adulta.

-Questi disturbi non sono attribuibili ad altri disturbi mentali, malattie di origine neurologica o consumo di sostanze.

I diversi tipi di disturbo della personalitá sono: paranoide, schizoide, schizotipico, antisociale, limite, istrionico, narcisista, ossessivo-compulsivo, per evitamento e per dipendenza.

Alcuni disturbi di personalità come i disturbi antisociali e limite della personalitá tendono ad attenuarsi o a sparire con l’età ma i disturbi ossessivo-compulsivo e schizotipico tendono ad aggravarsi se non si accetta aiuto specializzato.

Negli uomini predominano i disturbi paranoidi, antisociali ed ossessivo-compulsivo ma nelle donne predominano i disturbi limite, l’istrionico e il dipendente.

In articoli futuri descriveremo cada uno di questi disturbi.



Fonti:


APA (2000) DSM-IV Manual diagnóstico y estadístico de los trastornos mentales. Mason.


Castiglione, G. (2003, Octubre) Alcances de la terapéutica psicofarmacológica en los trastornos de personalidad. Buenos Aires: Décimo Congreso Internacional de Psiquiatría.

CONDIVIDI

Continua ad alimentare i tuoi neuroni

Disturbi della personalità
4/ 5
Oleh
Invert

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i miei libri

ALIMENTA I TUOI NEURONI

La psicologia sotto una nuova luce...

Vedi i Commenti
Nascondi i Commenti

Prima di scrivere un commento leggi queste regole:
-Non scrivere commenti offensivi o a scopo pubblicitario.
-Sii conciso, non fare commenti troppo lunghi.
-Rispetta il tema del post.
-Non scrivere in maiuscolo, sarebbe come se stessi gridando.
-Il commento non sarà pubblicato immediatamente perché verrà moderato, abbi un poco di pazienza.
Tutti i commenti che non rispetteranno questi requisiti fondamentali saranno eliminati. Non si tratta di una questione personale ma piuttosto si cerca di preservare lo stile del blog.
Grazie per condividere la tua esperienza!

Vedi EmoticonsNascondi Emoticons